BAL Lazio

Aree tematiche

Alcolisti Anonimi e altri programmi dei 12 passi per la dipendenza da alcol

Pubblicato mercoledì 11 Gennaio 2017

Ferri M, Amato L, Davoli M. Alcoholics Anonymous and other 12-step programmes for alcohol dependence. Cochrane Database of Systematic Reviews 2006, Issue 3. Art. No.: CD005032. DOI: 10.1002/14651858.CD005032.pub2.

Background
Gli Alcolisti Anonimi (AA) sono un’organizzazione internazionale di recupero per alcolisti che offre sostegno emotivo attraverso gruppi di auto-aiuto e un modello di astinenza per le persone che stanno riprendendosi dalla dipendenza da alcol, utilizzando un approccio detto dei 12 passi. Anche se è il più comune, AA non è l’unico intervento che utilizza l’approccio dei 12 passi e vi sono altri interventi che utilizzano quest’approccio con l’etichetta Facilitazione dei Dodici Passi (TSF).

Obiettivi
Valutare l’efficacia dei programmi di AA o di TSF confrontati con altri tipi di interventi psicosociali per ridurre l’assunzione di alcol, raggiungere l’astinenza, mantenere uno stato di astinenza, migliorare la qualità della vita degli alcolisti e delle loro famiglie e per ridurre gli incidenti e i problemi di salute associati al consumo di alcol.

Strategia di ricerca
Sono state ricercate le seguenti banche dati elettroniche fino a febbraio 2005: Il registro specializzato del Gruppo Cochrane Droghe e Alcol, CENTRAL, MEDLINE, EMBASE, CINAHL e PsycINFO e i riferimenti bibliografici degli articoli individuati attraverso le strategie di ricerca.

Criteri di selezione degli studi
Tutti gli studi che includevano adulti (>18 anni) di entrambi i generi che frequentavano su base volontaria o costrittiva programmi di AA o di TSF confrontati con nessun trattamento, altri tipi di interventi psicologici, varianti dei 12 passi.

Raccolta e analisi dei dati
Un autore ha valutato in modo indipendente gli studi per l’inclusione nella revisione ed estratto i dati utilizzando un modulo standardizzato. La valutazione della qualità degli studi è stata discussa con tutti gli autori.

Risultati principali
Otto studi, 3417 partecipanti, hanno soddisfatto tutti i criteri necessari per essere inclusi nella revisione.

AA può aiutare i pazienti ad accettare e a rimanere in trattamento più di altri trattamenti alternativi, tuttavia questa affermazione si basa su prove provenienti da un singolo studio di piccole dimensioni che associava il trattamento AA con altri interventi e quindi le conclusioni non possono essere considerate conclusive. Altri studi riportavano tassi di ritenzione in trattamento simili indipendentemente dal tipo di intervento offerto. Tre studi che confrontavano AA in associazione ad altri interventi verso altri interventi da soli hanno trovato poche differenze tra i due gruppi rispetto alla quantità di alcol assunta ad alla percentuale di giorni in cui i pazienti assumevano alcol.

La severità della dipendenza e le conseguenze legate all’assunzione di alcol non sembrano essere influenzate da TSF nel confronto con altri interventi e nessuna differenza conclusiva è stata riportata rispetto al numero di persone che abbandonavano il trattamento. Gli studi inclusi non permettono una valutazione conclusiva sull’efficacia dei programmi di TSF per promuovere una completa astinenza.

Conclusioni degli autori
Nessuno studio sperimentale dimostra inequivocabilmente l’efficacia di AA o di TSF nel ridurre la dipendenza da alcol e i problemi ad essa correlati. Vi è un solo studio di grandi dimensioni che però studia i fattori prognostici associati a questi interventi che si suppone essere utili, piuttosto che studiare la loro efficacia. Sarebbe pertanto utile programmare e sviluppare nuovi studi che valutino l’efficacia di questi interventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Bolland MJ, Grey A, Avenell A. Effects of vitamin D supplementation on musculoskeletal health: a systematic review, meta-analysis, and trial sequential analysis. Lancet Diabetes Endocrinol 2018. 10.1016/S2213-8587(18)30265-1.

Drucker AM et al. Treatments of primary basal cell carcinoma of the skin: a systematic review and network meta-analysis. Ann Intern Med 2018 ;169:456-466.

Heath L et al. Cumulative antidepressant use and risk of dementia in a prospective cohort study. J Am Geriatr Soc 2018 Sep 17. doi: 10.1111/jgs.15508. [Epub ahead of print]

Belleudi V et al. Neonatal outcomes following new reimbursement limitations on palivizumab in Italy. Archives of Disease in Childhood. Published Online First: 14 September 2018. doi: 10.1136/archdischild-2018-315349.

National Institute for Health and Care Excellence. Chronic heart failure in adults: diagnosis and management (NICE guideline NG106) 2018.

Howard HD. Trends in the use of knee arthroscopy in adults. JAMA Intern Med. Published online September 24, 2018. doi:10.1001/jamainternmed.2018.4175.

McNeil JJ et al. Effect of aspirin on all-cause mortality in the healthy elderly. September 16, 2018. DOI: 10.1056/NEJMoa1803955.

Gallus S et al. effect of tobacco smoking cessation on C-reactive protein levels in a cohort of low-dose computed tomography screening participants. Scientific Reports 2018;8(1):12908.

Rankin  A, et al. Interventions to improve the appropriate use of polypharmacy for older people. Cochrane Database of Systematic Reviews 2018, Issue 9. Art. No.: CD008165.

BD 2016 Alcohol Collaborators. Alcohol use and burden for 195 countries and territories, 1990–2016: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2016. Published online: August 23, 2018. DOI: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31310-2.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.