BAL Lazio

Aree tematiche

Efficacia degli interventi brevi per l’alcol nei pronto soccorsi

Pubblicato mercoledì 11 Gennaio 2017

Kaner EF, Dickinson HO, Beyer FR, Campbell F, Schlesinger C, Heather N, Saunders JB, Burnand B, Pienaar ED. Effectiveness of brief alcohol interventions in primary care populations. Cochrane Database of Systematic Reviews 2007, Issue 2. Art. No.: CD004148. DOI: 10.1002/14651858.CD004148.pub3.

Background
Molti studi hanno evidenziato l’efficacia degli interventi brevi nel ridurre l’assunzione eccessiva di alcol. Tuttavia, alcuni di questi studi sono stati oggetto di critiche per essere clinicamente non rappresentativi e quindi non in grado di informare la pratica clinica.

Obiettivi
Valutare l’efficacia clinica degli interventi brevi somministrati nel contesto dei posti di pronto soccorso nel ridurre l’uso eccessivo di alcol. Valutare se i risultati ottenuti in contesti sperimentali differiscono da quelli della pratica clinica

Strategia di ricerca
Sono state ricercate le seguenti banche dati elettroniche fino a febbraio 2006: CENTRAL, MEDLINE, EMBASE, CINAHL, Science Citation Index, Social Science Citation Index, Alcohol and Alcohol Problems Science Database (fino al 2003) e i riferimenti bibliografici degli articoli individuati attraverso le strategie di ricerca.

Criteri di selezione degli studi
Studi controllati randomizzati che includevano pazienti che si presentavano ai pronto-soccorsi non specificatamente per problemi legati all’assunzione di alcol; gli interventi brevi sono definiti come quelli che prevedono da una a quattro sessioni.

Raccolta ed analisi dei dati
Due autori hanno in modo indipendente estratto i dati e valutato la qualità degli studi. Sono state condotte metaanalisi utilizzando l’effetto random, analisi di sottogruppo, analisi di sensitività e meta-regressione.

Risultati principali
29 studi, 9928 partecipanti, hanno soddisfatto tutti i criteri necessari per essere inclusi nella revisione.

Una metaanalisi di 22 RCT, 7619 partecipanti, ha mostrato che i partecipanti che ricevevano un intervento breve consumavano meno alcol del gruppo di controllo al follow up a un anno o più lungo: differenza media: -38 gram/settimana, (95% IC: da-54 a -23), ma va detto che si è osservata una grande eterogeneità tra gli studi (I2 = 57%). L’analisi di sottogruppi (8 studi, 2.307 partecipanti) conferma il risultato positivo tra i maschi: differenza media -57 gram/settimana, (95% IC: da -89 a -25, I2 = 56%), ma non nelle donne: differenza media: -10 gram/settimana, (95% IC: da -48 a 29, I2 = 45%). La meta regressione ha evidenziato deboli prove di una maggiore riduzione del consumo di alcol nelle persone esposte più a lungo al trattamento o negli studi meno rappresentativi da un punto di vista clinico.

Interventi più lunghi non evidenziavano un effetto maggiore nella riduzione dell’assunzione di alcol rispetto agli interventi brevi: differenza media = -28, 95% IC: da -62 a 6 gram/settimana, I2 = 0%)

Conclusioni degli autori
Complessivamente, gli interventi brevi favoriscono la diminuzione del consumo di alcol. Quando i dati erano disponibili per sesso, l’effetto è stato evidente negli uomini al follow up di un anno, ma non nelle donne. Un conselling più lungo porta probabilmente un vantaggio piccolo. Ricerche future dovrebbero focalizzarsi su come implementare questo tipo di interventi e su una più precisa definizione di “intervento breve”. La mancanza di prove di qualsiasi differenza negli esiti, tra i risultati ottenuti in studi sperimentali rispetto a quelli svolti nella pratica clinica, suggerisce che la letteratura corrente è rilevante per le cure primarie di routine. Ricerche future dovrebbero focalizzarsi sulla popolazione femminile e nel delineare le componenti più efficaci di questo tipo di interventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Bolland MJ, Grey A, Avenell A. Effects of vitamin D supplementation on musculoskeletal health: a systematic review, meta-analysis, and trial sequential analysis. Lancet Diabetes Endocrinol 2018. 10.1016/S2213-8587(18)30265-1.

Drucker AM et al. Treatments of primary basal cell carcinoma of the skin: a systematic review and network meta-analysis. Ann Intern Med 2018 ;169:456-466.

Heath L et al. Cumulative antidepressant use and risk of dementia in a prospective cohort study. J Am Geriatr Soc 2018 Sep 17. doi: 10.1111/jgs.15508. [Epub ahead of print]

Belleudi V et al. Neonatal outcomes following new reimbursement limitations on palivizumab in Italy. Archives of Disease in Childhood. Published Online First: 14 September 2018. doi: 10.1136/archdischild-2018-315349.

National Institute for Health and Care Excellence. Chronic heart failure in adults: diagnosis and management (NICE guideline NG106) 2018.

Howard HD. Trends in the use of knee arthroscopy in adults. JAMA Intern Med. Published online September 24, 2018. doi:10.1001/jamainternmed.2018.4175.

McNeil JJ et al. Effect of aspirin on all-cause mortality in the healthy elderly. September 16, 2018. DOI: 10.1056/NEJMoa1803955.

Gallus S et al. effect of tobacco smoking cessation on C-reactive protein levels in a cohort of low-dose computed tomography screening participants. Scientific Reports 2018;8(1):12908.

Rankin  A, et al. Interventions to improve the appropriate use of polypharmacy for older people. Cochrane Database of Systematic Reviews 2018, Issue 9. Art. No.: CD008165.

BD 2016 Alcohol Collaborators. Alcohol use and burden for 195 countries and territories, 1990–2016: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2016. Published online: August 23, 2018. DOI: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31310-2.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.