BAL Lazio

Aree tematiche

Interventi per smettere di fumare svolti in setting particolari o rivolti a particolari tipologie di persone

Pubblicato giovedì 16 febbraio 2017

9 revisioni valutano l’efficacia di interventi per smettere di fumare svolti in setting specifici o diretti a particolari tipi di popolazione: molti si sono dimostrati efficaci, molti concludono che sulla base dei dati disponibili è impossibile trarre conclusioni circa l’utilità dell’intervento studiato e uno si è dimostrato inutile o dannoso.

Interventi dimostratesi di qualche utilità
Interventi nei luoghi di lavoro.
Una revisione (Cahill 2008, 51 studi inclusi) in cui i risultati degli studi inclusi, pur non permettendo sintesi statistiche a causa della loro eterogeneità, dimostrano con forza che gli interventi diretti ai singoli individui fumatori aumentano le possibilità che essi smettano di fumare. Gli interventi efficaci includono il counselling individuale e di gruppo e il trattamento sostitutivo con nicotina; va detto che questi interventi sono efficaci sia somministrati sul luogo di lavoro che altrove. Gli interventi di auto-aiuto sono meno efficaci.

Interventi in setting dentistici. Una revisione (Carr 2006, 6 studi inclusi) dimostra che interventi comportamentali effettuati da personale che lavora in ambulatori dentistici associati a un esame orale e mirati a smettere di fumare aumentano significativamente il numero di astinenti tra i fumatori, 6 studi, randomizzati per cluster, OR 1.44 (IC95% da 1.16 a 1.78). Purtroppo l’etereogeneità osservata tra gli studi limita la possibilità di produrre raccomandazioni specifiche sul tipo di intervento da utilizzare.

Interventi prima di interventi chirurgici. Una revisione (Thomsen 2010, 8 RCT inclusi) evidenzia che gli interventi pre-operatori che includono NRT aumentano il numero di coloro che smettono prima dell’intervento, 5 studi, 850 partecipanti, RR 1.41 (IC95% da 1.22 a 1.63) e le complicanze post-operatorie, 2 studi, 210 partecipanti, RR 0.42 (IC95% da 0.70 a 0.88). Sulla base dei risultati degli studi inclusi, non è stato possibile stabilire quale sia l’intervento migliore. Sulla base di 2 piccoli studi sembrerebbe che gli interventi iniziati tra le 4 e le 8 settimane prima dell’intervento, composti da counselling individuale e NRT, abbiano una maggiore impatto sulle complicazioni e la cessazione del fumo a lungo termine.

Interventi per persone ospedalizzate. Una revisione (Rigotti 2007, 33 RCT inclusi) evidenzia che gli interventi intensivi realizzati in ospedale sono efficaci solo se i pazienti sono contattati in seguito per periodi superiori a 1 mese, 17 studi, 5608 partecipanti,OR 1.65 (IC 95% da 1.44 a 1.90).

Interventi per cui non è possibile trarre conclusioni circa l’utilità
Interventi per la cessazione del fumo rivolti al personale delle farmacie
(Sinclair 2007, 2 studi inclusi).
Training per il personale sanitario, (Lancaster 2000, 10 studi inclusi).
Programmi scolastici (Thomas 2006, 23 studi inclusi).
Programmi di controllo familiare e sul lavoro per ridurre l’esposizione dei bambini al fumo passivo (Priest 2008, 36 studi inclusi).
Forte supporto da parte del partner (Park 2008, 10 RCT inclusi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.