BAL Lazio

Aree tematiche

L’effetto “zombie” di una nuova droga sintetica

Pubblicato martedì 24 Gennaio 2017

Era il 12 luglio 2016 quando, nel pieno dell’estate newyorkese, per le vie di Brooklyn furono avvistate una trentina di persone le cui condizioni, secondo i testimoni oculari, ricordavano quelle degli zombie. Ne diede subito conto un articolo del New York Times, corredato da un video, che parla di una tribù di persone “barcollanti, in preda, si ritiene, degli effetti nefasti del K2, una droga sintetica che le autorità locali hanno faticato molto a eradicare”.

A quasi sei mesi di distanza il New England Journal of Medicine ricostruisce la vicenda. A causare una intossicazione di massa, con 33 soggetti coinvolti e 18 ricoveri, fu il fumo di un nuovo tipo di “incenso”, una miscela a base di erbe destinate a essere fumate, etichettate e vendute come “Spice”.

Il primo paziente ricoverato, il paziente “indice”, aveva 28 anni, era letargico, ma rispondeva agli stimoli tattili. Le analisi di laboratorio di questo e degli altri 7 ricoverati per lo stesso motivo non hanno evidenziato alcuna anomalia, come neanche le analisi delle urine alla ricerca di amfetamine, cocaina, fenciclidina, oppiacei, metadone, THC, barbiturici, benzodiazepine, antidepressivi triciclici.

Le interviste ai pazienti non produssero ulteriori informazioni sull’identità del composto, fu però possibile recuperarne un campione. A questo punto la ricerca seguì due piste: da un lato l’analisi di campioni biologici degli 8 pazienti e dall’altro, ovviamente, l’esame della miscela d’erbe, con l’uso della spettrometria di massa ad alta risoluzione. Le due analisi congiunte hanno risolto l’enigma. E non si trattava del già noto K2, ma del nuovo “AK-47 24 Karat Gold”: analizzando il prodotto è stato identificato il cannabinoide sintetico conosciuto come AMB-FUBINACA, MMB-FUBINACA o FUB-AMB, a concentrazioni medie di 16.0±3.9 mg per grammo di prodotto. Nel sangue dei pazienti è stato però identificato solo il suo metabolita de-esterificato 2-(1-(4-fluorobenzil)-1H-indazole-3-carbossamido)-3-acido metilbutanoico, con concentrazioni sieriche da 77 a 636 nanogrammi per millilitro.

L’AMB-FUBINACA è 85 volte più potente del Δ9-THC, uno dei maggiori e più noti principi attivi della cannabis, e 50 volte più potente del JWH-018, contenuto nei primi prodotti cannabinoidi sintetici. L’analisi delle nuove sostanze psicoattive come questa richiede esami più sofisticati di quelli consueti. E, come si è dimostrato nel caso di New York, è fondamentale la collaborazione tra tutte le istituzioni coinvolte. Gli sforzi congiunti dei pronto soccorsi locali, della agenzia federale antidroga statunitense (DEA), dell’UCSF Clinical Toxicology and Environmental Biomonitoring Laboratory, del Department of Homeland Security Office of Health Affairs e del dipartimento di polizia di NewYork (NYPD) hanno reso possibile l’individuazione del cannabinoide sintetico responsabile del “ritorno degli zombie”. “Con l’aumentare del numero e della complessità delle nuove sostanze psicoattive”, concludo gli autori dello studio, “questo tipo di coordinamento tra diverse agenzie è importante per la risoluzione tempestiva di futuri episodi”.

Anche in Italia, il progetto finananziato dalla Comunità Europea, BAONPS, ha lo scopo di identificare e monitorare le nuove sostanze psicoattive attraverso una attività di “drug checking”, tenendo anche aggiornati i servizi locali e nazionali che si occupano di tossicodipendenze.

Fonti:
33 Suspected of Overdosing on Synthetic Marijuana in Brooklyn, New York Times, July 12, 2016. Adams AJ et al.
Adams AJ et al.  “Zombie” outbreak caused by the synthetic cannabinoid AMB-FUBINACA in New YorkN Engl J Med 2017; 376:235-242 DOI: 10.1056/NEJMoa1610300

Archiviato in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Bolland MJ, Grey A, Avenell A. Effects of vitamin D supplementation on musculoskeletal health: a systematic review, meta-analysis, and trial sequential analysis. Lancet Diabetes Endocrinol 2018. 10.1016/S2213-8587(18)30265-1.

Drucker AM et al. Treatments of primary basal cell carcinoma of the skin: a systematic review and network meta-analysis. Ann Intern Med 2018 ;169:456-466.

Heath L et al. Cumulative antidepressant use and risk of dementia in a prospective cohort study. J Am Geriatr Soc 2018 Sep 17. doi: 10.1111/jgs.15508. [Epub ahead of print]

Belleudi V et al. Neonatal outcomes following new reimbursement limitations on palivizumab in Italy. Archives of Disease in Childhood. Published Online First: 14 September 2018. doi: 10.1136/archdischild-2018-315349.

National Institute for Health and Care Excellence. Chronic heart failure in adults: diagnosis and management (NICE guideline NG106) 2018.

Howard HD. Trends in the use of knee arthroscopy in adults. JAMA Intern Med. Published online September 24, 2018. doi:10.1001/jamainternmed.2018.4175.

McNeil JJ et al. Effect of aspirin on all-cause mortality in the healthy elderly. September 16, 2018. DOI: 10.1056/NEJMoa1803955.

Gallus S et al. effect of tobacco smoking cessation on C-reactive protein levels in a cohort of low-dose computed tomography screening participants. Scientific Reports 2018;8(1):12908.

Rankin  A, et al. Interventions to improve the appropriate use of polypharmacy for older people. Cochrane Database of Systematic Reviews 2018, Issue 9. Art. No.: CD008165.

BD 2016 Alcohol Collaborators. Alcohol use and burden for 195 countries and territories, 1990–2016: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2016. Published online: August 23, 2018. DOI: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31310-2.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.