BAL Lazio

Aree tematiche

Sigarette elettroniche: aiutano a smettere di fumare?

Pubblicato martedì 20 Settembre 2016

Per cercare di capire quale sia l’utilità delle sigarette elettroniche, la Cochrane Library ha aggiornato una precedente revisione del 2014 aggiungendo, ai 13 studi già inclusi, 11 nuovi studi. Tra gli studi valutati, solo due sono trial randomizzati controllati (RCT), uno condotto in Nuova Zelanda e uno in Italia. Gli RCT confrontavano entrambi sigarette elettroniche con e senza nicotina; nel trial italiano sono stati arruolati soggetti non intenzionati a smettere di fumare.

Gli altri tipi di studio inclusi (studi di coorte) valutavano l’incidenza di eventi avversi.

Dall’analisi Cochrane dei due RCT risulta che le persone che usavano sigarette elettroniche (EC) con nicotina avevano una maggiore probabilità di astenersi dal fumo per almeno 6 mesi in confronto ai soggetti che fumavano sigarette elettroniche placebo (RR 2.29, 95% CI 1.05-4.96; placebo 4% versus EC 9%; 2 studi; 662 partecipanti). Lo studio neozelandese che confrontava sigarette elettroniche con il cerotto di nicotina non ha rilevato differenze significative nei tassi di astinenza a 6 mesi (RR 1.26, 95% CI 0.68-2.34; 584 partecipanti). Nessuno degli studi valutati riportava eventi avversi seri collegati all’uso di sigarette elettroniche: quelli più frequenti sono stati irritazioni della bocca e della gola, mentre quelli a lungo termine non sono noti.

Alle sigarette elettroniche è dedicata anche una ricerca pubblicata sul BMJ relativa alla situazione britannica: è stata individuata una associazione diretta significativa tra l’uso di sigarette elettroniche e cessazione del fumo. Se si guardano i grafici sui trend temporali “i numeri mostrano un rapido aumento dell’uso di sigarette elettroniche tra tutte le persone che fumano tra il 2011 e il 2013, e trend in discesa nella proporzione di fumatori che fanno un tentativo di smettere ogni anno e della proporzione di acquisti di terapie sostitutive della nicotina”, scrive John Britton (direttore del Centre for Tobacco and Alcohol Studies britannico, University of Nottingham), e aggiunge “questo suggerisce che le sigarette elettroniche sono viste, da chi fuma, come un’alternativa, piuttosto che una integrazione, degli strumenti convenzionali per smettere di fumare (…)”. Quello che deve interessare, tuttavia, “sono i trend della prevalenza del fumo, che nel 2015 sono scesi di quasi un punto percentuale rispetto al 2014. Questa diminuzione indica che qualcosa, nella politica britannica di controllo del fumo, sta funzionando, e il successo nella cessazione del fumo attraverso la sostituzione con sigarette elettroniche è probabilmente uno dei fattori principali”.

Fonti:
Hartmann-Boyce J, McRobbie H, Bullen C, Begh R, Stead LF, Hajek P. Electronic cigarettes for smoking cessation. Cochrane Database of Systematic Reviews 2016, Issue 9. Art. No.: CD010216. DOI: 10.1002/14651858.CD010216.pub3.
Pacifici R, Pichini S, Graziano S, Pellegrini M, Massaro G, Beatrice F. Successful nicotine intake in medical assisted use of e-cigarettes: a pilot study. Int J Environ Res Public Health 2015;12(7): 7638-46.
Britton J. Electronic cigarettes and smoking cessation in England. BMJ 2016;354:i4819
Beard E et al. Association between electronic cigarette use and changes in quit attempts, success of quit attempts, use of smoking cessation pharmacotherapy, and use of stop smoking services in England: time series analysis of population trends. BMJ 2016;354:i4645

Sulla BAL vedi anche:
Fumo: i divieti funzionano?, 10/02/2016.
Fumo: nuove norme e ultimi dati sul fumo in Italia, 09/06/2014.

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.