BAL Lazio

Aree tematiche

Terapia con metadone a mantenimento paragonata con terapie non sostitutive per la dipendenza da oppiacei

Pubblicato mercoledì 18 gennaio 2017

Mattick RP, Breen C, Kimber J, Davoli M. Methadone maintenance therapy versus no opioid replacement therapy for opioid dependence. Cochrane Database of Systematic Reviews 2009, Issue 3. Art. No.: CD002209. DOI: 10.1002/14651858.CD002209.pub2.

Background
La terapia di mantenimento con metadone è stata la prima e la più largamente utilizzata terapia sostitutiva per il trattamento della dipendenza da eroina, e quella più studiata fino a oggi. Nonostante in molti Paesi sia diffuso il suo utilizzo rimane un trattamento controverso la cui efficacia è stata contestata.

Obiettivi
Valutare l’efficacia della terapia a mantenimento con metadone (MMT) per il trattamento della dipendenza da oppiacei nel confronto con trattamenti non di mantenimento o non sostitutivi (ad esempio metadone a dosi scalari, programmi di riabilitazione drug-free, placebo, liste di attesa).

Strategia di ricerca
Sono state ricercate le seguenti banche dati elettroniche fino a dicembre 2008: CENTRAL, EMBASE, PubMED, CINAHL, Current Contents, Psychlit, CORK [www. state.vt.su/adap/cork], Alcohol and Drug Council of Australia (ADCA) [www.adca.org.au], Australian Drug Foundation (ADF-VIC) [www.adf.org.au], Centre for Education and Information on Drugs and Alcohol (CEIDA) [www.ceida.net.au], Australian Bibliographic Network (ABN), Library of Congress databases, le monografie NIDA disponibili, i proceeding del College on Problems of Drug Dependence Inc. e i riferimenti bibliografici degli articoli individuati attraverso le strategie di ricerca; sono stati inoltre contattati gli autori degli studi identificati per ottenere informazioni su altri studi pubblicati o non pubblicati.

Criteri di selezione degli studi
Tutti gli studi randomizzati controllati che confrontavano la terapia di mantenimento con metadone con il placebo o altre terapie non farmacologiche per il trattamento della dipendenza da oppiacei.

Raccolta e analisi dei dati
Gli autori hanno valutato gli studi separatamente e in modo indipendente, valutandone la qualità metodologica rispetto al modo in cui i pazienti erano stati randomizzati e assegnati ai bracci di trattamento. I dati per le sintesi statistiche sono stati estratti in doppio e separatamente.

Risultati principali
Undici studi, 1969 partecipanti, hanno soddisfatto i criteri per essere inclusi nella revisione, tutti erano studi randomizzati, due in doppio cieco. La generazione della sequenza per la randomizzazione era inadeguata in uno studio, adeguata in cinque studi e non chiara nei rimanenti studi. L’assegnazione dei pazienti ai bracci di trattamento era adeguata in tre studi e non chiara negli altri.

Il metadone si è dimostrato più efficace rispetto a nessun trattamento farmacologico nel ritenere più persone in trattamento e nella soppressione dell’uso di eroina, sia auto riportato sia valutato con analisi delle urine o del capello, 6 studi, 1129 partecipanti: RR 0,66 (95% IC da 0,56 a 0,78). Non si sono evidenziate differenze statisticamente significative per quanto attiene all’attività criminale, 3 studi, 363 partecipanti: RR 0,39 (95% IC da 0,12 a 1,25) e alla mortalità, 4 studi, 576 partecipanti: RR 0,48 (95% IC da 0,10 a 2,39).

Conclusioni degli autori
La terapia con metadone a mantenimento è efficace nel trattamento della dipendenza da eroina in quanto le persone trattate con questo tipo di intervento restano in trattamento più a lungo e assumono meno eroina rispetto a quelle trattate con terapie che non utilizzano agonisti degli oppiacei. Rispetto alla attività criminale e alla mortalità questa superiorità non raggiunge la significatività statistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Adjuvant chemotherapy guided by a 21-gene expression assay in breast cancer
Sparano AJ et al.
The New England Journal of Medicine

Prophylactic vaccination against human papillomaviruses to prevent cervical cancer and its precursors
Arbyn M et al.
Cochrane Database of Systematic Reviews

Population-based cohort study on comparative effectiveness and safety of biologics in inflammatory bowel disease
Di Domenicantonio et al.
Clinical Epidemiology

Aspirin or Rivaroxaban for VTE prophylaxis after hip or knee arthroplasty
Anderson DR et al.
The New England Journal of Medicine

Incremental effects of antihypertensive drugs: instrumental variable analysis
Markovitz AA et al.
BMJ

Upright versus lying down position in second stage of labour in nulliparous women with low dose epidural: BUMPES randomised controlled trial
The Epidural and Position Trial Collaborative Group
BMJ

What evidence affects clinical practice? An analysis of Evidence-Based Medicine commentaries
Coombs C et al.
Evidence-Based Medicine

Gastric microbial community profiling reveals a dysbiotic cancer-associated microbiota
Ferreira RM et al.
Gut

Hormone Therapy for the Primary Prevention of Chronic Conditions in Postmenopausal WomenUS Preventive Services Task Force Recommendation Statement
US Preventive Services Task Force
JAMA

Effect of treatment delay on the effectiveness and safety of antifibrinolytics in acute severe haemorrhage: a meta-analysis of individual patient-level data from 40 138 bleeding patients.
Antifibrinolytic Trials Collaboration
Lancet

Prevalence of asthma-like symptoms with ageing
Jarvis D et al.
Thorax

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.