BAL Lazio

Aree tematiche

Trattamenti farmacologici per la depressione in dipendenti da oppiacei in trattamento con agonisti degli oppiacei

Pubblicato giovedì 19 Gennaio 2017

Pani PP, Vacca R, Trogu E, Amato L, Davoli M. Pharmacological treatment for depression during opioid agonist treatment for opioid dependence. Cochrane Database of Systematic Reviews 2010, Issue 9. Art. No.: CD008373. DOI: 10.1002/14651858.CD008373.pub2.

Background
La prevalenza di depressione in soggetti con dipendenza da oppiacei è più alta rispetto alla popolazione generale (44-54% contro 16%) e rappresenta un fattore di rischio per la morbilità e la mortalità. Nei pazienti in trattamento con agonisti degli oppiacei, gli attuali tassi di prevalenza della depressione variano tra il 10 e il 30%, influenzando negativamente l’esito del trattamento.

Obiettivi
Valutare l’efficacia e l’accettabilità degli antidepressivi per il trattamento di dipendenti da oppiacei depressi trattati con agonisti degli oppiacei

Strategia di ricerca
Sono state ricercate le seguenti banche dati fino ad ottobre 2009: Pubmed, EMBASE, CINAHL, CENTRAL (The Cochrane Library e il registro specializzato del Gruppo Cochrane Droghe e Alcol, issue 4, 2009), le principali fonti di studi in corso e le referenze bibliografiche degli articoli reperiti attraverso le strategie di ricerca.

Criteri di selezione degli studi
Studi controllati randomizzati che valutavano l’efficacia di qualsiasi farmaco antidepressivo per trattare perone dipendenti da oppiacei depresse e in trattamento con agonisti degli oppiacei.

Raccolta e analisi dei dati
Due autori hanno indipendentemente selezionato ed estratto i dati dagli studi.

Risultati principali
7 studi, 482 partecipanti, hanno soddisfatto i criteri per l’inclusione nella revisione.

Nel confronto tra antidepressivi e placebo, nessuna differenza rispetto al numero di persone che abbandonavano precocemente il trattamento. Se si selezionavano solo gli studi con basso rischio di distorsione,325 partecipanti, i risultati erano favorevoli al placebo: RR1.40 (95% IC da 1.00 a 1.96). I due studi, 183 partecipanti, che valutavano la severità della depressione davano risultati contrastanti, in uno, che utilizzava la Clinical Global Impression Scale, i risultati erano in favore degli antidepressivi: RR 1.92 (95% IC da 1.26 a 2.94), mentre nell’altro, 95 partecipanti, che utilizzava la Hamilton Depression Rating Scale, non si osservavano differenze statisticamente significative: R 0.96 (95% IC da 0.54 a 1.71). I risultati erano in favore del placebo, 4 studi, 311 partecipanti, per quanto attiene agli effetti collaterali: RR 2.90 (95% IC da 1.23 a 6.86). Infine non è stato possibile cumulare i dati elativi all’uso di droghe poiché nei tre studi, 211 partecipanti, che consideravano questo esito, le misure utilizzate erano troppo diverse tra loro. Comunque i risultati dei singoli studi non mostravano differenze statisticamente significative.

Nel confronto tra differenti classi di antidepressivi e placebo, i risultati erano in favore dei triciclici per la severità della depressione, 2 studi, 183 partecipanti: RR 1.92 (95% IC da 1.26 a 2.94) e in favore del placebo per gli effetti collaterali, 2 studi, 172 partecipanti: RR 3.11 (95% IC da 1.06 a 9.12).

Conclusioni degli autori
Al momento non vi sono prove sufficienti per promuovere l’uso clinico di antidepressivi per trattare la depressione in pazienti dipendenti da oppiacei in trattamento con agonisti. Vi è bisogno di studi sperimentali di maggiori dimensioni, ben condotti, che considerino esiti rilevanti e che riportino i risultati in modo tale da permettere il confronto tra più studi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Bolland MJ, Grey A, Avenell A. Effects of vitamin D supplementation on musculoskeletal health: a systematic review, meta-analysis, and trial sequential analysis. Lancet Diabetes Endocrinol 2018. 10.1016/S2213-8587(18)30265-1.

Drucker AM et al. Treatments of primary basal cell carcinoma of the skin: a systematic review and network meta-analysis. Ann Intern Med 2018 ;169:456-466.

Heath L et al. Cumulative antidepressant use and risk of dementia in a prospective cohort study. J Am Geriatr Soc 2018 Sep 17. doi: 10.1111/jgs.15508. [Epub ahead of print]

Belleudi V et al. Neonatal outcomes following new reimbursement limitations on palivizumab in Italy. Archives of Disease in Childhood. Published Online First: 14 September 2018. doi: 10.1136/archdischild-2018-315349.

National Institute for Health and Care Excellence. Chronic heart failure in adults: diagnosis and management (NICE guideline NG106) 2018.

Howard HD. Trends in the use of knee arthroscopy in adults. JAMA Intern Med. Published online September 24, 2018. doi:10.1001/jamainternmed.2018.4175.

McNeil JJ et al. Effect of aspirin on all-cause mortality in the healthy elderly. September 16, 2018. DOI: 10.1056/NEJMoa1803955.

Gallus S et al. effect of tobacco smoking cessation on C-reactive protein levels in a cohort of low-dose computed tomography screening participants. Scientific Reports 2018;8(1):12908.

Rankin  A, et al. Interventions to improve the appropriate use of polypharmacy for older people. Cochrane Database of Systematic Reviews 2018, Issue 9. Art. No.: CD008165.

BD 2016 Alcohol Collaborators. Alcohol use and burden for 195 countries and territories, 1990–2016: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2016. Published online: August 23, 2018. DOI: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31310-2.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.