BAL Lazio

Aree tematiche

Trattamenti per le psicosi da uso di amfetamine

Pubblicato mercoledì 18 Gennaio 2017

Shoptaw SJ, Kao U, Ling W. Treatment for amphetamine psychosis. Cochrane Database of Systematic Reviews 2009, Issue 1. Art. No.: CD003026. DOI: 10.1002/14651858.CD003026.pub3.

Background
Le persone che cronicamente assumono amfetamine possono soffrire di paranoia e allucinazioni. È stato a lungo creduto che gli antagonisti della dopamina quali clorpromazina, aloperidolo, tioridazina, siano efficaci per il trattamento della psicosi indotta da amfetamine

Obiettivi
Valutare rischi, benefici e costi dei trattamenti per le psicosi da uso di amfetamine.

Strategia di ricerca
MEDLINE (1966-2007), EMBASE (1980-2007), CINAHL (1982-2007), PsychINFO (1806-2007), CENTRAL (Cochrane Library 2008 issue 1), referenze degli articoli ottenuti attraverso le strategie di ricerca.

Criteri di selezione degli studi
Tutti gli studi controllati randomizzati e clinici controllati (RCT, CCT) che valutavano trattamenti (da soli o associati) per persone affette da psicosi indotte dall’uso di amfetamine

Raccolta e analisi dei dati
Due autori hanno indipendentemente valutato gli studi ed estratto i dati. I dati dicotomici sono stati estratti sulla base del principio intention to treat (con “intenzione a trattare o intention to treat “si intende che l’analisi dei risultati viene effettuata considerando tutti i pazienti originariamente randomizzati indipendentemente se abbiano o meno effettuato il trattamento) per cui gli abbandoni del trattamento, indipendentemente dalla causa, sono stati considerati esito negativo. Il rischio relativo (RR) con intervallo di confidenza al 95% è stato utilizzato per gli esiti dicotomici. La differenza media ponderata (WMD) con intervallo di confidenza al 95% è stata utilizzata per le misure continue.

Risultati principali
Le ricerche hanno portato all’individuazione di un solo studio che soddisfaceva i criteri di inclusione. Lo studio coinvolgeva 58 partecipanti e confrontava l’efficacia e la tollerabilità di due farmaci antipsicotici, l’olanzapina (un antipsicotico più recente) e l’aloperidolo (il farmaco più comunemente utilizzato e che veniva somministrato nel braccio di controllo) per trattare la psicosi da amfetamine. I risultati hanno mostrato che sia l’olanzapina che l’aloperidolo, a dosaggi clinicamente rilevanti, sono efficaci nel risolvere i sintomi psicotici; l’olanzapina si è dimostrata più sicura e tollerabile dell’aloperidolo rispetto alla frequenza e severità dei sintomi extrapiramidali.

Conclusioni degli autori
È stato pubblicato un solo RCT per il trattamento della psicosi da amfetamine. Gli esiti considerati nello studio indicano che i farmaci antipsicotici sono efficaci per i sintomi delle psicosi da amfetamine; il farmaco più recente e più costoso, l’olanzapina, ha mostrato una maggiore tollerabilità rispetto al farmaco aloperidolo più economico e più diffusamente utilizzato.

Altri due studi che non soddisfacevano i criteri di inclusione mostravano che l’agitazione e alcuni altri sintomi psicotici possono scomparire dopo un’ora dall’assunzione dell’antipsicotico per via iniettiva.

Non è chiaro se queste limitate prove possano essere utili per la cura dei pazienti con psicosi da amfetamine. I farmaci che dovrebbero essere ulteriormente studiati sono gli antipsicotici convenzionali, i nuovi antipsicotici e le benzodiazepine. Studi naturalistici sui sintomi psicotici da amfetamine e sulla prevalenza di recidive dei sintomi psicotici negli assuntori di amfetamine sono cruciali per indirizzare lo sviluppo di studi appropriati per valutare ulteriori trattamenti per le psicosi da amfetamine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Bolland MJ, Grey A, Avenell A. Effects of vitamin D supplementation on musculoskeletal health: a systematic review, meta-analysis, and trial sequential analysis. Lancet Diabetes Endocrinol 2018. 10.1016/S2213-8587(18)30265-1.

Drucker AM et al. Treatments of primary basal cell carcinoma of the skin: a systematic review and network meta-analysis. Ann Intern Med 2018 ;169:456-466.

Heath L et al. Cumulative antidepressant use and risk of dementia in a prospective cohort study. J Am Geriatr Soc 2018 Sep 17. doi: 10.1111/jgs.15508. [Epub ahead of print]

Belleudi V et al. Neonatal outcomes following new reimbursement limitations on palivizumab in Italy. Archives of Disease in Childhood. Published Online First: 14 September 2018. doi: 10.1136/archdischild-2018-315349.

National Institute for Health and Care Excellence. Chronic heart failure in adults: diagnosis and management (NICE guideline NG106) 2018.

Howard HD. Trends in the use of knee arthroscopy in adults. JAMA Intern Med. Published online September 24, 2018. doi:10.1001/jamainternmed.2018.4175.

McNeil JJ et al. Effect of aspirin on all-cause mortality in the healthy elderly. September 16, 2018. DOI: 10.1056/NEJMoa1803955.

Gallus S et al. effect of tobacco smoking cessation on C-reactive protein levels in a cohort of low-dose computed tomography screening participants. Scientific Reports 2018;8(1):12908.

Rankin  A, et al. Interventions to improve the appropriate use of polypharmacy for older people. Cochrane Database of Systematic Reviews 2018, Issue 9. Art. No.: CD008165.

BD 2016 Alcohol Collaborators. Alcohol use and burden for 195 countries and territories, 1990–2016: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2016. Published online: August 23, 2018. DOI: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31310-2.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.