Logo
Invito alla lettura
Invito alla lettura - 7 luglio 2014

Attenzione e concentrazione:

l’anno scorso il BMJ Group ha cambiato il suo nome in BMJ

per non creare confusioni…

la rivista precedentemente conosciuta come BMJ a partire dal 1° luglio si chiama The BMJ, cambierà quindi anche l’’url: www.thebmj.com

La rivista di medicina generale più pop, la più attenta all’attualità e da sempre la più pronta a stare al passo con i tempi, cambia per la quarta volta nome: è stata il Provincial Medical and Surgical Journal (1840-52), l’Association Medical Journal (1853-56), il British Medical Journal (1857-1988), e BMJ (1988-2014). Ora “The journal formerly known as BMJ will now be formally known as The BMJ”, un po’ come Prince Rogers Nelson, ai più conosciuto come Prince, che dal 1993 al 2000 si fece chiamare The Artist (Formerly Known As Prince), T.A.F.K.A.P., o come Yusuf Islam, nato Steven Demetre Georgiou e a lungo conosciuto con il suo nome d’arte Cat Stevens. Tutti divi pop, incluso il BMJ.

Non sono cambiati solo un paio di nomi e di url: sono stati completamente ridisegnati sia il sito della rivista sia il sito della società BMJ. Perché cambiare?

  • Per far capire agli utenti che la società BMJ, oltre a pubblicare la rivista, fa molto di più: oltre a numerose altre testate, produce strumenti per l’apprendimento e per la pratica della medicina basata sulle prove di efficacia.
  • Per dare una risposta adeguata al cambiamento delle modalità di fruizione dei contenuti: 4 anni fa, nell’era pre-iPad e pre-tablet, “meno del 2% del traffico online avveniva attraverso dispositivi di telefonia mobile. Ora la proporzione è salita al 25%”, si legge nell’editoriale. Il nuovo sito è ora facilmente visualizzabile da PC, tablet, smartphone “da tutti gli schermi, di qualsiasi formato siano”.

Tra i cambiamenti:

  • Il logo, naturalmente, che usa un carattere (Duplicate Slab) che vuole essere antico, ma non antiquato, amichevole, ma con personalità.
  • I link alle risorse del gruppo (Best Practice, BMJ Learning, BMJ Masterclasses, BMJ specialty journals) sono accessibili nella fascia blu in fondo a ogni pagina.
  • I file multimediali, relativi agli articoli, sono inseriti (embedded) negli articoli stessi.
  • Sulla barra del menu c’è un nuovo canale dedicato alle “campagne”, come Open Data e Too much medicine.

Come saranno accolti tali cambiamenti?

Per ora si fanno notare l’azzurro “facebook” del nuovo logo, la somiglianza, omologazione, a molti altri siti. Forti dubbi sull’utilità dell’articolo aggiunto al nome della testata. Ma sono dettagli: la scelta precisa è andare incontro al pubblico che sta dietro ai vari dispositivi mobili, che tra poco rappresenterà la quasi totalità degli utenti.

Un po’ di cronologia: l’editoriale che annuncia il cambiamento, The definite article, ha la data del 30 giugno. L’edizione cartacea, con il nuovo logo, è del 5 luglio… ma non c’è nessun riferimento ai cambiamenti editoriali in corso. Il dibattito, naturalmente, continua in rete.

La scheda del BMJ.

Hai letto gli ultimi articoli della BAL?

  • Diabete in primo piano, con una breve rassegna sugli articoli pubblicati su Lancet e JAMA in occasione del recente convegno dell’American Diabetes Association.
  • I predatori dei trial perduti, sul primo trial recuperato dagli archivi, un trial “abbandonato” più di 20 anni fa, e i cui risultati non erano stati ancora pubblicati, nell’ambito dell’iniziativa RIAT, Restoring Invisible and Abandoned Trials.
  • Artroplastica dell’anca: volume di interventi chirurgici e complicazioni, su uno studio canadese pubblicato sul BMJ, che evidenzia che ci sono meno probabilità di complicazioni nell’artroplastica dell’anca se chi opera pratica almeno 35 interventi all’anno.
  • Comparative Effectiveness Research: di cosa parliamo? sul workshop “Valutazione comparativa di efficacia e sicurezza tra farmaci”, su importanti progetti avviati dalla Sanità del Lazio, alcuni tra i quali hanno adottato le metodologie utilizzate con successo a livello internazionale per valutare l’efficacia di medicinali e dispositivi medici.
  • L’aggiornamento P.Re.Val.E! sul nuovo sistema di valutazione della Sanità della Regione Lazio, fondato non solo sui risultati economici ma sulla qualità delle cure.

Tutte le notizie.

Leggi la precedente newsletter, con il resoconto della giornata di inaugurazione della BAL e la presentazione del nuovo sito. Il video.

Quali i principali contenuti della BAL Lazio?

Un glossario con circa 300 voci, link alle più prestigiose risorse internazionali, schede delle principali riviste biomediche, notizie con segnalazioni di articoli di particolare interesse interdisciplinare, check list per la valutazione critica della letteratura scientifica, un motore di ricerca per le linee guida. Potete ora iniziare a esplorare il sito; per altre informazioni sul progetto vi indirizziamo alla pagina Chi siamo e alle FAQ.

Logo Regione LazioLogo ASL Roma E
Logo DEP Lazio
Copyright © 2014 Biblioteca Alessandro Liberati del SSR Lazio  |  Powered by Think2it