BAL Lazio

Notizie

Attacco ischemico transitorio e prevenzione secondaria

Pubblicato giovedì 9 Giugno 2016

I benefici a breve termine della somministrazione di aspirina dopo un attacco ischemico transitorio (TIA) o un ictus ischemico di modesta entità potrebbero essere stati sottostimati, secondo uno studio coordinato da Peter Rothwell (Stroke Prevention Research Unit, Nuffield Department of Clinical Neurosciences, University of Oxford, UK) e pubblicato sul Lancet.

Sono stati analizzati i dati provenienti da 12 trial che hanno coinvolto quasi 16 mila pazienti con TIA o ictus ischemico, randomizzati a ricevere aspirina o placebo/niente aspirina. Dopo 12 settimane l’assunzione di aspirina risultava associata con una riduzione del 74% del rischio di ictus ischemico fatale o invalidante, rispetto ai controlli. Nelle prime 2 settimane il rischio era ridotto del 93%.

Vediamo più nel dettaglio i risultati.

L’aspirina riduceva il rischio a 6 settimane di un nuovo ictus ischemico di circa il 60% (84 su 8452 partecipanti del gruppo trattato con aspirina hanno avuto un ictus ischemico, vs 175 dei 7326 del gruppo di controllo; hazard ratio [HR]= 0,42 p<0,0001) e di ictus ischemico fatale o invalidante di circa il 70% (36 su 8452 vs 110 su 7326;HR=0,29, p<0,0001). Il beneficio più ampio si osservava nei soggetti con TIA o ictus di lieve entità (HR=0,35p=0,0001) L’effetto dell’aspirina sul rischio di ictus ischemico ricorrente era dovuto in parte a una riduzione sostanziale della severità. Tali effetti erano indipendenti dalla dose, dalle caratteristiche dei partecipanti e dalla causa del TIA o dell’ictus. Dalla 6a alla 12a settimana si sono avute ulteriori lievi riduzioni del rischio per l’ictus ischemico, ma dopo 12 settimane non c’era nessun ulteriore beneficio.

Invece, il dipiridamolo con l’aggiunta di aspirina in confronto alla sola aspirina non aveva alcun effetto sul rischio o sulla severità di ictus ischemico ricorrente entro le 12 settimane, ma oltre tale periodo riduceva il rischio (OR=0,76, p=0,005), in particolare per ictus invalidante o fatale (OR=0,64,  p=0.0010). Sono infine stati estratti i dati relativi a 40531 partecipanti a 3 trial sull’uso di aspirina nell’ictus acuto maggiore: la riduzione del rischio di ictus ischemico ricorrente a 14 giorni era più evidente in pazienti con deficit neurologici meno severi al basale, ed era sostanziale a partire dal secondo giorno di trattamento (HR=0,37, p<0,0001).

I nostri risultati confermano che il trattamento medico riduce sostanzialmente il rischio di eventi ricorrenti  precoci dopo TIA e ictus minore, e identifica nell’aspirina l’intervento chiave“, concludono gli autori. Inoltre “questi risultati suggeriscono che potremmo aver sottostimato l’effetto dell’aspirina nella prevenzione secondaria dell’ictus ricorrente precoce e dell’infarto del miocardio dopo TIA e ictus ischemico, sovrastimato l’effetto dell’aspirina nella prevenzione a lungo termine dell’ictus, essere stati inconsapevoli dei benefici dell’aspirina nella riduzione della severità dell’ictus ischemico ricorrente precoce, e aver anche sottostimato l’effetto del dipiridamolo nella prevenzione dell’ictus ricorrente a lungo termine.”, scrive nell’editoriale di commento all’articolo Graeme J Hankey (University of Western Australia, Perth), che aggiunge: “L’aspirina è l’antitrombotico di prima linea e dovrebbe essere somministrata immediatamente”. Ma l’aspirina va assunta anche prima di aver escluso un’emorragia intracranica? Secondo Hankey i rischi sono bassi, perché l’emorragia “è una causa rara di sintomi focali neurologici transitori o leggeri, e i pochi trial randomizzati sulla terapia antitrombotica in tali pazienti, o in pazienti con emorragia intracranica, non hanno rilevato effetti avversi”, anche se molte evidenze di tipo osservazionale suggeriscono che la terapia antipiastrinica in caso di emorragia intracranica può aumentare la mortalità. Sono dunque necessarie ulteriori ricerche in questo ambito.

Fonti:
Rothwell PM, Algra A, Chen Z, Diener H-C, Norrving B, Mehta Z. Effects of aspirin on risk and severity of early recurrent stroke after transient ischemic attach and ischaemic stroke: time-course analysis of randomised trials. Lancet Published Online: 18 May 2016. . DOI: http://dx.doi.org/10.1016/S0140-6736(16)30468-8
Hankeyemail GJ. The benefits of aspirin in early secondary stroke prevention. Lancet, Published Online: 18 May 2016. DOI: http://dx.doi.org/10.1016/S0140-6736(16)30511-6
Aspirin’s Benefits Underestimated for Recurrent Stroke Risk, By Kelly Young. NEJM Journal Watch, May 19, 2016

Vedi anche Ministero della Salute: Ictus

Archiviato in , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.