BAL Lazio

Notizie

BAL Talk 20 | Il futuro della sanità sarà una battaglia?

Pubblicato giovedì 20 Giugno 2019

Giovedì 4 luglio 2019 (Roma, Dipartimento di Epidemiologia del SSR del Lazio, h 15.30-17.30). Il futuro della sanità in Italia sarà una battaglia per chi i sistemi sanitari li dovrà far funzionare. Sarà una battaglia per i cittadini per le liste d’attesa lunghissime, a meno che non siano disposti a pagare di tasca propria. Sarà una battaglia che è possibile vincere se tutti fanno la loro parte: i politici mettendo più risorse, i medici allargando la visione anche agli sprechi e i cittadini facendo prevenzione con gli stili di vita. Questa è la tesi di fondo del libro La battaglia per la salute di Walter Ricciardi, edito da Laterza, da cui prende le mosse la BAL Talk.

In Italia l’insoddisfazione si è insinuata ormai in una parte consistente di chi pratica la professione medica. Le motivazioni sono sotto gli occhi di tutti. Una selezione durissima che prevede un investimento in molti anni di studio, la necessità di aggiornarsi continuamente, responsabilità non esattamente trascurabili hanno come contraltare uno status socio-economico non più adeguato. Senza contare il disagio che deriva da una formazione che non tiene nel dovuto conto la comunicazione con i malati (diventata ormai centrale nella cura) e la gestione manageriale delle risorse.  Dal canto loro, i cittadini rimproverano ai medici la mancanza di empatia e il poco tempo dedicato ai pazienti.

In generale, però, l’aspetto più critico del sistema risiede nel ritardo culturale, organizzativo e gestionale delle strutture sanitarie del nostro paese, nell’aumento dei loro costi e nei danni provocati dalla crisi finanziaria che stiamo ancora attraversando.

Nella BAL Talk si partirà da una constatazione incontrovertibile, e cioè che l’Italia è comunque da anni ai vertici delle classifiche degli indicatori sanitari mondiali, con la maggiore aspettativa di vita dopo il Giappone e tassi bassissimi di mortalità materna e infantile, e questo grazie al Servizio sanitario nazionale, sopravvissuto negli anni ai tentativi di riforma (e a volte di affossamento), che ha scelto di non discriminare in base al livello socioeconomico. Ciononostante è evidente che il sistema sta attraversando una grave crisi che, senza interventi e cambiamenti di rotta, rischia di produrre una catastrofe civile e sociale. Se sarà una battaglia, varrà la pena combatterla…

Bal Talk 20

BAL Talk 20 (PDF)

Il futuro della sanità sarà una battaglia?

Conversazione con ANGELA ADDUCE | Ragioneria generale dello Stato, Ministero dell’Economia e delle finanze | RENATO BOTTI | Direttore della Direzione regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria | ALESSIO D’AMATO | Assessore alla Sanità e alla integrazione socio-sanitaria della Regione Lazio | SABINA NUTI | Rettrice della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa

Sarà presenteWALTER RICCIARDI | Autore del libro La battaglia per la salute

ModeraMARINA DAVOLI | Direttore del Dipartimento di epidemiologia del SSR del Lazio

Giovedì 4 luglio 2019 – h 15.30-17.30
Dipartimento di Epidemiologia del SSR del Lazio

via Cristoforo Colombo 112, Roma

2 citazioni di “BAL Talk 20 | Il futuro della sanità sarà una battaglia?

  1. Pina Gomma

    Il futuro del S.S.N. non è roseo né lo sarà se si continua a concedere tutto a tutti senza una discriminante basata sul reddito famigliare o individuale.
    In qualità di farmacologo dipendente di un Azienda Sanitaria Pubblica mi occupo di Malattie Rare.
    Spesso il S.S.N. concede ai pazienti non solo i farmaci necessari e di comprovata efficacia clinica per queste patologie, ma tutta una serie di integratori, parafarmaci, prodotti dietetici e prodotti per l’igiene della persona che nella prescrizione risentono delle simpatie dei medici prescrittori di una piuttosto che dell’altra Azienda Farmaceutica in grado di fare una buona propaganda pro domo sua, senza prove di efficacia a breve o lungo tempo del reale benefico per il paziente.
    Le risorse del Paese Italia da destinare alla Sanità non sono infinite, del resto la stessa costituzione nell’Art. 32 recita ” la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo ed interesse della collettività e garantisce cure gratuite agli indigenti ……” NON a tutti in modo indiscriminato, ma in particolare, a chi non è in grado di pagarsi le prestazioni sanitarie e le cure mediche. Questa mia tesi può risultare impopolare per coloro che vogliono garantire un S.S.N. universale e livellante, nel senso che tutti hanno diritto a tutto, con il rischio di non concedere farmaci salvavita pur di concedere gli integratori e quant’altro, facendo il gioco delle Aziende Produttrici. Il vero asso nella manica è e resterà la PREVENZIONE ad ampio raggio, con l’invito a tuta la popolazione di ogni età, sesso e nazionalità di sottoporsi ogni anno a screening preventivi per le patologie oncologiche più frequenti che potrebbero essere ridotte significativamente con tali procedure e sensibilizzando ciascun cittadino verso una corretta alimentazione e stile di vita.
    Ciascuno ha i diritto/dovere di stare in buona salute, nell’interesse della collettività.

    Reply
  2. paolo scarano

    Per una migliore Sanità Pubblica bisognerebbe aprire una seria riflessione sulla figura del Direttore Generale nelle Aziende Sanitarie, dirigenti a nomina politica nelle cui mani è il destino di persone e cose, ma che di rado sono all’altezza. Fino a che si consentirà che il tal Direttore nominato dal tale partito anziché fare gli interessi del cittadino malato fa quelli dei suoi referenti politici, diventando in pratica una specie di marionetta nelle loro mani, non si andrà da nessuna parte e la Sanità Pubblica continuerà ad essere soprattutto una ricca mangiatoia per i più furbi.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.