BAL Lazio

Notizie

Colica ureterale: farmaco e placebo a confronto

Pubblicato mercoledì 2 settembre 2015

La terapia medica espulsiva in caso di colica ureterale è efficace? La risposta è negativa, secondo uno studio britannico, multicentrico randomizzato, controllato con placebo.

Lo studio. Per lo studio Spontaneous Urinary Stone Passage Enabled by Drugs (SUSPEND) sono stati arruolati 1136 soggetti provenienti da 24 ospedali britannici, di età compresa tra 18 e 65 anni, con un calcolo ureterale di dimensioni pari o inferiori a 10 mm; i pazienti sono stati randomizzati a ricevere per 4 settimane tamsulosina, nifedipina o placebo. Come esito principale dello studio è stato osservato il passaggio spontaneo del calcolo, definito come l’assenza di ulteriori trattamenti per eliminare i calcoli.

A 4 settimane dall’inizio dello studio, non è stata osservata nessuna differenza tra i diversi gruppi: 307 (81%) dei 378 partecipanti nel gruppo trattato con tamsulosina non necessitavano di nessun intervento confrontato con 304 (80%) dei 379 partecipanti nel gruppo trattato con nifedipina e con 303 (80%) dei 379 partecipanti del gruppo placebo. Riassumendo, il trattamento con tamsulosina o la nifedipina per 4 settimane non diminuisce la necessità di ulteriori trattamenti per eliminare i calcoli.

Il genere del paziente, la dimensione e la localizzazione del calcolo non avevano alcun effetto sugli esiti; nei tre gruppi di trattamento, inoltre, erano simili anche l’uso di analgesici, il tempo necessario per l’espulsione del calcolo e lo stato generale di salute. Come si legge sul Journal Watch del NEJM, “questo studio non solo dimostra chiaramente l’inefficacia della terapia medica espulsiva per i calcoli ureterali, ma riafferma l’importanza degli ampi studi randomizzati ben disegnati per valutare gli interventi clinici e formulare linee guida”.

Ma perché in urologia si utilizzano alfabloccanti come la tamsulosina per il trattamento dei calcoli urinari? Un motivo, si legge nell’editoriale che commenta l’articolo, potrebbe essere che importanti linee guida come quelle dell’American Urological Association e dell’European Association of Urology “includono gli alfabloccanti tra le loro raccomandazioni per il trattamento (…) anche se la loro efficacia è stata sostenuta solo da evidenze di secondo livello”. Studi ben disegnati come il SUSPEND sono dunque importanti per ottenere risultati rilevanti per la clinica, tuttavia sarebbe stato utile sapere se “i risultati sarebbero stati gli stessi se l’esito principale dello studio fosse stato l’espulsione del calcolo o la conferma dell’assenza di un calcolo con esami di imaging”.

Fonti:
Pickard R et al Medical expulsive therapy in adults with ureteric colic: A multicentre, randomised, placebo-controlled trial. Lancet 2015; 386 (9991): 341–9.
de la Rosette J, Laguna MP. Ureteric colic: evidence empowers responsible treatment. Lancet 2015; 386 (9991): 315–6.

Per approfondire, il rapporto HTA sul trial SUSPEND, che fa anche una valutazione sui costi:
Pickard R, Starr K, MacLennan G, Kilonzo M, Lam T, Thomas R, et al. Use of drug therapy in the management of symptomatic ureteric stones in hospitalised adults: a multicentre, placebo-controlled, randomised controlled trial and cost-effectiveness analysis of a calcium channel blocker (nifedipine) and an alpha-blocker (tamsulosin) (the SUSPEND trial). Health Technol Assess 2015; 19(63).

Le linee guida dell’European Association of Urology
Türk, C, Knoll, T, Petrik, A et al. European Association of Urology guidelines on urolithiasis (2014 update)..

Sul post Give the pill or not give the pill. SUSPEND tries to end the debate del blog del BJU International si possono leggere una serie di commenti all’articolo.

Archiviato in , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Bolland MJ, Grey A, Avenell A. Effects of vitamin D supplementation on musculoskeletal health: a systematic review, meta-analysis, and trial sequential analysis. Lancet Diabetes Endocrinol 2018. 10.1016/S2213-8587(18)30265-1.

Drucker AM et al. Treatments of primary basal cell carcinoma of the skin: a systematic review and network meta-analysis. Ann Intern Med 2018 ;169:456-466.

Heath L et al. Cumulative antidepressant use and risk of dementia in a prospective cohort study. J Am Geriatr Soc 2018 Sep 17. doi: 10.1111/jgs.15508. [Epub ahead of print]

Belleudi V et al. Neonatal outcomes following new reimbursement limitations on palivizumab in Italy. Archives of Disease in Childhood. Published Online First: 14 September 2018. doi: 10.1136/archdischild-2018-315349.

National Institute for Health and Care Excellence. Chronic heart failure in adults: diagnosis and management (NICE guideline NG106) 2018.

Howard HD. Trends in the use of knee arthroscopy in adults. JAMA Intern Med. Published online September 24, 2018. doi:10.1001/jamainternmed.2018.4175.

McNeil JJ et al. Effect of aspirin on all-cause mortality in the healthy elderly. September 16, 2018. DOI: 10.1056/NEJMoa1803955.

Gallus S et al. effect of tobacco smoking cessation on C-reactive protein levels in a cohort of low-dose computed tomography screening participants. Scientific Reports 2018;8(1):12908.

Rankin  A, et al. Interventions to improve the appropriate use of polypharmacy for older people. Cochrane Database of Systematic Reviews 2018, Issue 9. Art. No.: CD008165.

BD 2016 Alcohol Collaborators. Alcohol use and burden for 195 countries and territories, 1990–2016: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2016. Published online: August 23, 2018. DOI: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31310-2.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.