BAL Lazio

Notizie

Consumo di farmaci in primo piano: un convegno all’ISS

Pubblicato lunedì 22 Maggio 2017

Il 15 giugno a Roma, presso l’Istituto Superiore di Sanità, si svolgerà un incontro sull’uso dei farmaci in Italia.

L’obiettivo del convegno “Le analisi sull’uso dei farmaci: metodi ed esperienze in Italia” è quello di richiamare l’attenzione sull’appropriatezza nell’uso dei farmaci.

Qual è il quadro che emerge dai dati disponibili? L’uso continua ad aumentare. Secondo i dati dell’Osmed, nel 2015 (e il quadro si conferma anche negli ultimi dati disponibili relativi ai primi 9 mesi del 2016) si consumavano, ogni giorno, oltre 1100 dosi di farmaci (DDD: defined daily dose) ogni 1000 abitanti (DDD/1000 abitanti-die). In media quindi, ciascun cittadino italiano riceve più di una dose di farmaci al giorno. Naturalmente, i livelli d’uso crescono notevolmente con l’età, e nelle persone di età superiore a 75 anni si superano le 4000 DDD ogni 1000 abitanti-die.

Quali le cause? Un andamento crescente nei livelli di uso potrebbe essere giustificato, in quanto aumentano la disponibilità di farmaci efficaci, l’età della popolazione e la capacità di recuperare al trattamento quote di popolazione precedentemente non trattate (o non aderenti ai trattamenti). Fra gli esempi per i quali un incremento dei livelli di utilizzo può essere ritenuto positivo si può considerare l’uso dei farmaci antiipertensivi e quello degli anticoagulanti orali. Non sempre, però, l’incremento dell’uso va considerato positivamente. Ad esempio, il continuo incremento della prescrizione di farmaci antidepressivi richiede ulteriori approfondimenti.

Un caso limite è quello della crescita osservata per la vitamina D (e analoghi). A livello nazionale si è osservato un incremento di circa 3 volte nell’uso fra il 2011 e il 2015 (da 0,9 a 2,7 euro pro capite) e lo stesso trend si conferma per i primi 9 mesi del 2016. Incrementi di questo tipo – che corrispondono a una quota di circa l’8% della popolazione italiana che riceve prescrizioni di vitamina D – non trovano giustificazioni né nella prevalenza dei trattamenti farmacologici dell’osteoporosi (nei quali si giustifica l’aggiunta di vitamina D) e neppure nell’epidemiologia della ipovitaminosi nella popolazione.

La variabilità regionale
Si osserva una variabilità di uso (DDD e prevalenza) fra regioni, Asl, distretti, gruppi di medici, sia nel complesso della prescrizione, sia per molte categorie di farmaci e singole sostanze. Ad esempio, a livello regionale, si passa da circa 1250 DDD per 1000 abitanti-die del Lazio, a poco più di 900 della Provincia di Bolzano. Anche quando non è chiaro quale sia il livello “corretto” di uso (nel complesso o per una categoria di farmaci), il fenomeno della variabilità mette in evidenza la possibilità di sovrautilizzo o di sottoutilizzo.  Nel primo caso ci possono essere un danno per le persone per l’esposizione a inutili rischi di reazioni avverse e uno spreco di risorse. Ad esempio, l’Italia è uno dei Paesi europei con i maggiori livelli d’uso degli antibiotici (in Italia, nel 2015, si passa da 14,4 della PA Bolzano 32,4 della Campania). Un altro  possibile sovrautilizzo è quello relativo alla poliprescrizione nei grandi anziani, e in generale, nelle persone con polipatologia, le quali sono anche meno rappresentate all’interno degli RCT. Questo crea una difficoltà aggiuntiva, per la  necessità di passare dalle linee guida del singolo problema a quelle che tengano conto del paziente con polipatologie. Ma ci sono anche possibili casi di sottoutilizzo, spesso legati a problemi di accesso e di disuguaglienze. Un (verosimile) esempio di sottoutilizzo è relativo alla prescrizione di anticoagulanti orali, contesto nel quale l’aumento degli utilizzatori che si è verificato dopo l’immissione in commercio dei nuovi anticoagulanti orali suggerisce una capacità di recuperare al trattamento (in primo luogo per la fibrillazione atriale) quote di popolazione precedentemente non trattate.

Il convegno
Le analisi sull’uso dei farmaci: metodi ed esperienze in Italia
Roma, giovedì 15 giugno 2017
Sede: Istituto Superiore di Sanità, Aula Pocchiari | Viale Regina Elena, 299 – Roma
Scadenza iscrizione: 7 giugno 2017
Il convegno è gratuito e NON sono previsti crediti formativi ecm. Per partecipare, è sufficiente compilare la domanda di iscrizione allegata e inviarla all’indirizzo di posta elettronica: paola.ruggeri@iss.it
Scheda di iscrizione
 (PDF: 25 Kb)
Programma (PDF: 37 Kb)

Fonte: Responsabile scientifico: Giuseppe Traversa
Segreteria scientifica: Roberto Da Cas | Segreteria organizzativa: Paola Ruggeri, Enrica Tavella

Archiviato in , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.