BAL Lazio

Notizie

Demenza: quando i farmaci non bastano

Pubblicato lunedì 11 Novembre 2019

Sorpresa. Per i pazienti con demenza che presentano sintomi di aggressività e agitazione, interventi come attività all’aria aperta, massaggi e terapia del tocco possono in alcuni casi essere più efficaci dei farmaci, almeno in base ai risultati di uno studio appena pubblicato sugli Annals of Internal Medicine.

La demenza colpisce un numero attorno ai 50 milioni di persone in tutto il mondo e sintomi come ansia, agitazione e aggressività sono all’ordine del giorno per i ¾ di chi ne soffre. Dalla revisione sistematica e dalla metanalisi, condotte dal St. Michael’s Hospital of Unity Health di Toronto e dall’Università di Calgary arriva la notizia che le attività all’aperto sono state clinicamente più efficaci dei farmaci antipsicotici per il trattamento dell’aggressività fisica nei pazienti con demenza. Per i pazienti con agitazione fisica, invece, sono il massaggio e la terapia del tatto a dare i risultati migliori, sia rispetto alle cure farmacologiche standard che al supporto dei caregiver.

“Sfortunatamente, la nostra comprensione dell’efficacia comparativa dei farmaci rispetto agli interventi non medici nel trattamento dei sintomi psichiatrici è stata limitata della mancanza di studi controllati randomizzati testa a testa tra le due strategie”, ha commentato Jennifer Watt, ricercatrice presso l’Istituto Li Ka Shing del St. Michael’s Hospital.

Per cercare di ovviare a questa situazione hanno scelto il miglioramento dell’aggressività e dell’agitazione come i due principali esiti su cui concentrarsi nell’analisi e nella revisione. La ricerca si è svolta su MEDLINE, EMBASE, il Cochrane Central Register of Controlled Trials, CINAHL e PsycINFO, letteratura grigia e liste di referenze da studi selezionati e revisioni sistematiche. Sono stati presi in considerazione in totale 163 studi randomizzati controllati che hanno coinvolto 23.143 persone con demenza.

In dettaglio, l’analisi degli interventi mirati all’aggressività e all’agitazione (148 studi [21686 pazienti]) ha mostrato che l’assistenza multidisciplinare (differenza media standardizzata [SMD], -0,5 [IC 95% -0,99–0,01]), la terapia del tocco e il massaggio (SMD -0,75, IC 95% -1,12–0,38]) e la musica combinata con il massaggio e la terapia tattile (SMD -0,91, IC 95% -1,75–0,07) erano clinicamente più efficaci delle cure normali. La terapia ricreativa (SMD -0,29, IC 95% -0,57–0,01]) invece si è rivelata statisticamente ma non clinicamente più efficace delle cure normali.

Quanto ai limiti dello studio, c’è da rilevare che nel 46% degli studi mancavano dati sugli di dati sugli esiti e non sono stati valutati danni e differenze di costo delle terapie.

Anche se lo studio permette il confronto tra i due tipi di interventi, i ricercatori sottolineano che i sintomi neuropsichiatrici della demenza non hanno una soluzione unica per tutti.

“Il trattamento deve essere adattato al paziente e alla sua esperienza specifica”, ha affermato Straus, che è anche geriatra presso il St. Michael’s. “Questo studio, tuttavia, fa luce sull’opportunità di prendere in considerazione la priorità di diversi tipi di interventi per l’aggressività e l’agitazione quando appropriato.”

Alle prossime ricerche spetterà il compito di approfondire l’influenza delle caratteristiche dei singoli pazienti sulla loro risposta agli interventi.

Fonte
Watt JA et al. Comparative efficacy of interventions for aggressive and agitated behaviors in dementia: a systematic review and network meta-analysis. Ann Intern Med 2019;171:633-642.

Archiviato in , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Corder K et al. Becoming a parent: A systematic review and meta-analysis of changes in BMI, diet, and physical activity. Obes Rev 2020 Jan 19. doi: 10.1111/obr.12959. [Epub ahead of print]

Winpenny EM et al. Changes in physical activity, diet, and body weight across the education and employment transitions of early adulthood: A systematic review and meta-analysis. Obes Rev 2020 Jan 19. doi: 10.1111/obr.12962. [Epub ahead of print]

Fralick M et al. Assessing the risk for gout with sodium-glucose cotransporter-2 inhibitors in patients with type 2 diabetes: a population-based cohort study. Ann Intern Med 2020 Jan 14. doi: 10.7326/M19-2610. [Epub ahead of print]

Fabbri A et al. Industry funding of patient and health consumer organisations: systematic review with meta-analysis. BMJ 2020;368:l6925.

Malta M et al. Opioid-related treatment, interventions, and outcomes among incarcerated persons: A systematic review. PLoS Med. 2019;16(12):e1003002.

Fazel S, Yoon IA, Hayes AJ. Substance use disorders in prisoners: an updated systematic review and meta-regression analysis in recently incarcerated men and women. Addiction 2017;112:1725-39. pmid:28543749

Kimura S et al. Impact of gender on chemotherapeutic response and oncologic outcomes in patients treated with radical cystectomy and perioperative chemotherapy for bladder cancer: a systematic review and meta-analysis. Clin Genitourin Cancer. 2019 Dec 5. pii: S1558-7673(19)30358-1. doi: 10.1016/j.clgc.2019.11.007. [Epub ahead of print]

Gupta S et al. AGA clinical practice guidelines on management of gastric intestinal metaplasia. Gastroenterology. 2019 Dec 3. pii: S0016-5085(19)41888-X. doi: 10.1053/j.gastro.2019.12.003. [Epub ahead of print]

Ahlqvist VH et al. Elective and nonelective cesarean section and obesity among young adult male offspring: A Swedish population-based cohort study. PLoS Med 2019 Dec 6;16(12):e1002996.

Risal S et al. Prenatal androgen exposure and transgenerational susceptibility to polycystic ovary syndrome. Nat Med 2019; 25(12):1894-1904.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.