BAL Lazio

Notizie

Diabete e obesità: una svolta con la chirurgia bariatrica?

Pubblicato martedì 7 giugno 2016

La chirurgia metabolica entra a far parte dell’algoritmo per il trattamento del diabete di tipo 2.

Cambia lo scenario nel trattamento del diabete di tipo 2? Nel corso del secondo Diabetes Surgery Summit (DSS-II) si sono incontrati i rappresentanti di 45 società scientifiche per sviluppare linee guida globali rivolte a clinici e policy maker su benefici e limiti della chirurgia metabolica nel diabete di tipo 2. A rappresentare l’Italia, la Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità e delle malattie metaboliche (SICOB) e la Società Italiana di Diabetologia (SID).

Numerosi trial randomizzati controllati, anche se per lo più a breve e medio termine, dimostrano che con la chirurgia metabolica si ottiene un eccellente controllo della glicemia e si riducono i fattori di rischio cardiovascolare.

Sulla base di tali evidenze, si legge nella dichiarazione congiunta delle associazioni diabetologiche internazionali

  • La chirurgia metabolica dovrebbe essere raccomandata per trattare il diabete di tipo 2 in pazienti con obesità di classe III (BMI ≥40 kg/m2) e nei pazienti con obesità di classe II (BMI 35.0-39.9 kg/m2) quando non si riesca a controllare adeguatamente l’iperglicemia modificando lo stile di vita e con una terapia medica ottimale
  • La chirurgia metabolica dovrebbe essere presa in considerazione in pazienti con diabete di tipo 2 e BMI 30.0-34.9 kg/m2 se l’iperglicemia è controllata in modo inadeguato nonostante la somministrazione di farmaci per via orale o iniettiva.

“Anche se sono necessari ulteriori studi per dimostrare i benefici a lungo termine”, scrivono gli autori del documento, “ci sono sufficienti evidenze cliniche e relative al meccanismo d’azione per sostenere l’inclusione della chirurgia metabolica tra gli interventi nelle persone con diabete di tipo 2 e obesità”.

“Ora sappiamo che i notevoli effetti della chirurgia metabolica non sono solo una conseguenza della perdita di peso”, chiarisce su Nature Francesco Rubino (King’s College di Londra e primo autore delle linee guida), “I cambiamenti nell’anatomia gastrointestinale possono influenzare direttamente l’omeostasi del glucosio. L’intervento chirurgico sembra alterare la quantità e il timing della secrezione degli ormoni gastrointestinali, che a loro volta influenzano la produzione di insulina. Ci sono inoltre studi che suggeriscono”, aggiunge Rubino, “che l’intervento chirurgico potrebbe aumentare la produzione di alcuni acidi biliari che rendono le cellule più sensibili all’insulina, o aumentare l’uptake del glucosio da parte delle stesse cellule gastrointestinali, abbassando così i livelli della glicemia. Sembrano inoltre giocare un ruolo anche i cambiamenti indotti dall’intervento chirurgico sul microbiota intestinale…”

Francesco Rubino sottolinea infine che per “identificare le persone per le quali l’intervento chirurgico potrebbe essere appropriato, chi eroga le cure deve assicurarsi che le altre opzioni abbiano fallito. Sia i medici che i pazienti”, conclude, “ potrebbero così essere incoraggiati a vagliare i trattamenti convenzionali con determinazione e rigore maggiori.”

Fonti:
Rubino F et al. on behalf of the Delegates of the 2nd Diabetes Surgery Summit. Metabolic surgery in the treatment algorithm for type 2 diabetes: a joint statement by international diabetes organizations. Diabetes Care 2016; 39(6): 861-77.
Cefalu WT, Rubino F, Cummings DE. Metabolic surgery for type 2 diabetes: changing the landscape of diabetes care. Diabetes Care 2016; 39(6): 857-60.
Rubino F. Medical research: Time to think differently about diabetes. Nature 2016; 533: 459-61.

Vedi anche: AIFA aggiorna Algoritmo per l’approccio alla terapia del diabete mellito tipo 2 in collaborazione con SID e AMD, 10/06/2016.

Archiviato in , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Adjuvant chemotherapy guided by a 21-gene expression assay in breast cancer
Sparano AJ et al.
The New England Journal of Medicine

Prophylactic vaccination against human papillomaviruses to prevent cervical cancer and its precursors
Arbyn M et al.
Cochrane Database of Systematic Reviews

Population-based cohort study on comparative effectiveness and safety of biologics in inflammatory bowel disease
Di Domenicantonio et al.
Clinical Epidemiology

Aspirin or Rivaroxaban for VTE prophylaxis after hip or knee arthroplasty
Anderson DR et al.
The New England Journal of Medicine

Incremental effects of antihypertensive drugs: instrumental variable analysis
Markovitz AA et al.
BMJ

Upright versus lying down position in second stage of labour in nulliparous women with low dose epidural: BUMPES randomised controlled trial
The Epidural and Position Trial Collaborative Group
BMJ

What evidence affects clinical practice? An analysis of Evidence-Based Medicine commentaries
Coombs C et al.
Evidence-Based Medicine

Gastric microbial community profiling reveals a dysbiotic cancer-associated microbiota
Ferreira RM et al.
Gut

Hormone Therapy for the Primary Prevention of Chronic Conditions in Postmenopausal WomenUS Preventive Services Task Force Recommendation Statement
US Preventive Services Task Force
JAMA

Effect of treatment delay on the effectiveness and safety of antifibrinolytics in acute severe haemorrhage: a meta-analysis of individual patient-level data from 40 138 bleeding patients.
Antifibrinolytic Trials Collaboration
Lancet

Prevalence of asthma-like symptoms with ageing
Jarvis D et al.
Thorax

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.