BAL Lazio

Notizie

I journal club da Osler a twitter

Pubblicato giovedì 2 marzo 2017

I journal club hanno una lunga storia: William Osler già nel 1875, per incoraggiare la lettura e la discussione collettiva delle riviste scientifiche, ne creò uno presso la McGill University di Montreal. In un journal club tradizionale ben organizzato ogni membro dovrebbe partecipare attivamente, presentando e commentando articoli, per cui idealmente il guppo dovrebbe essere formato da un minimo di 6 persone a un massimo di 12, perché con meno elementi si genererebbe meno dialogo e con troppi elementi non tutti avrebbero la possibilità di partecipare. È opinione di molti che un ambiente informale possa favorire l’interazione, quindi meglio a casa di uno dei membri che in ospedale, e ancor meglio se si aggiunge qualcosa da mangiare e da bere.

Negli ultimissimi anni una serie di fattori ha contribuito al passaggio dei journal club dalla modalità di incontro faccia a faccia alle interazioni online. Li elencano gli autori di un articolo sull’evoluzione del journal club (da Osler a twitter). Autori autorevolissimi, dal momento che sono tra gli animatori del Journal Club di nefrologia NephJC, che Eric Topol, in un tweet a commento dell’articolo, ha definito “the most progressive journal club in medicine”… premettendo: chi l’avrebbe mai detto? (Would you have guessed?)

L’evoluzione dei journal club è stata favorita, scrivono gli autori del “most progressive journal club”, dalla loro natura discorsiva, che ben si adatta alle piattaforme online emergenti come twitter; in secondo luogo, gli strumenti online hanno facilitato la partecipazione a tavole rotonde virtuali di persone provenienti da luoghi diversi; i journal club online rendono possibile la partecipazione di figure professionali disparate, come anche di rappresentanti dei pazienti; infine, la fruibilità online garantisce una grande flessibilità nella programmazione degli incontri.

E allora vediamo qual è la ricetta che Joel Topf e collaboratori (NephJC work group) hanno condiviso sull’American Journal of Kidney Diseases:

  • un gruppo di lavoro seleziona un articolo
  • viene pubblicata una sintesi sul sito del journal club
  • si invitano esperti della materia trattata dall’articolo, e gli autori dell’articolo stesso, a partecipare alla discussione
  • pubblicazione di una newsletter sulle attività del gruppo
  • discussione dell’articolo in una chat;
  • archiviazione dei tweet in un doppio archivio:
    uno che li raccoglie tutti, prodotto da Symplur (https://www.symplur.com/), un’azienda che fornisce statistiche di twitter e segue gli hashtag che riguardano la salute
    un altro con una selezione dei tweet più interessanti, con link, illustrazioni e altre informazioni: viene creato con uno strumento online gratuito, Storify ( https://storify.com/  ) ed è postato sul sito del NephJC

Nell’arco di due secoli l’ambiente informale che ha caratterizzato i journal club fin dalle origini, fatto di salotti ottocenteschi, con panini, tè e biscotti, è stato sostituito dall’informalità della rete. Secondo gli autori dell’articolo i journal club “sono una componente costante dell’educazione medica perché sono stati in grado di adattarsi a usi diversi e all’evoluzione tecnologica. E oggi si stanno adattando anche ai social media con un buon successo”. Uno strumento per stare al passo con i progressi della medicina.

Tutto è bene quel che si evolve bene, anche se c’è chi, come Bishal Gyawali (Nagoya University, Japan), uno degli oncologi più attivi sui social media, non può fare a meno di twittare “Ok, but can I have that coffee and cake at each journal club please?”.

Fonti:
Topf JM et al. The Evolution of the Journal Club: From Osler to Twitter. Am J Kidney Dis Published online 21 February 2017 DOI: http://dx.doi.org/10.1053/j.ajkd.2016.12.012 Attenzione, l’articolo è free fino al 10 marzo (fonte: @AJKDonline )

Sul blog del NephJC un commento all’articolo: The Evolution of the Journal Club: From Osler to Twitter, February 22, 2017.

I tweet a commento dell’articolo: Altmetric
Tra gli autori dell’articolo, e tra i coordinatori del journal club di nefrologia NephJC, c’è anche Francesco Iannuzzella (IRCCS Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia), che ha di recente pubblicato l’articolo Iannuzzella F et al. Smart, Social e Mobile: la Nefrologia nell’era della Sanità digitale. G Ital Nefrol 2016; 33(6). pii: gin/33.6.13.

Il Journal Club di nefrologia NephJC

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Adjuvant chemotherapy guided by a 21-gene expression assay in breast cancer
Sparano AJ et al.
The New England Journal of Medicine

Prophylactic vaccination against human papillomaviruses to prevent cervical cancer and its precursors
Arbyn M et al.
Cochrane Database of Systematic Reviews

Population-based cohort study on comparative effectiveness and safety of biologics in inflammatory bowel disease
Di Domenicantonio et al.
Clinical Epidemiology

Aspirin or Rivaroxaban for VTE prophylaxis after hip or knee arthroplasty
Anderson DR et al.
The New England Journal of Medicine

Incremental effects of antihypertensive drugs: instrumental variable analysis
Markovitz AA et al.
BMJ

Upright versus lying down position in second stage of labour in nulliparous women with low dose epidural: BUMPES randomised controlled trial
The Epidural and Position Trial Collaborative Group
BMJ

What evidence affects clinical practice? An analysis of Evidence-Based Medicine commentaries
Coombs C et al.
Evidence-Based Medicine

Gastric microbial community profiling reveals a dysbiotic cancer-associated microbiota
Ferreira RM et al.
Gut

Hormone Therapy for the Primary Prevention of Chronic Conditions in Postmenopausal WomenUS Preventive Services Task Force Recommendation Statement
US Preventive Services Task Force
JAMA

Effect of treatment delay on the effectiveness and safety of antifibrinolytics in acute severe haemorrhage: a meta-analysis of individual patient-level data from 40 138 bleeding patients.
Antifibrinolytic Trials Collaboration
Lancet

Prevalence of asthma-like symptoms with ageing
Jarvis D et al.
Thorax

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.