BAL Lazio

Notizie

Ipertensione: farmaci a confronto in una revisione Cochrane

Pubblicato giovedì 9 Febbraio 2017

I betabloccanti sono efficaci quanto altri farmaci nel trattamento dell’ipertensione?

Secondo una recente revisione Cochrane, i betabloccanti non sarebbero efficaci quanto altre classi di farmaci, come i diuretici, i calcioantagonisti, gli inibitori del sistema renina-angiotensina, nella prevenzione di morte, ictus e infarto.

Nella revisione sistematica sono stati analizzati i dati di 13 trial randomizzati controllati che confrontavano betabloccanti vs placebo (4 RCT, 23.613 partecipanti); vs diuretici (5 RCT, 18.241 partecipanti), vs calcioantagonisti (CCBs) (4 RCT, 44,825 partecipanti); vs inibitori del sistema renina-angiotensina (RAS) (3 RCT, 10.828 partecipanti). 40,245 partecipanti assumevano betabloccanti (nei 3 quarti dei casi atenololo). Gli RCT sono stati condotti tra il 1970 e il 2000 e la maggior parte era ad alto rischio di bias.

Non c’era differenza nella mortalità per tutte le cause tra betabloccanti e placebo, diuretici o inibitori del sistema renina-angiotensina; la mortalità era invece superiore con i betabloccanti vs CCBs (RR 1.07, 95% CI 1.00 – 1.14).

Il rischio di malattie cardiovascolari era inferiore con i betabloccanti vs placebo (RR 0.88, 95% CI 0.79 – 0.97) (la diminuzione, in particolare, si registrava nel numero di ictus, dal momento che non c’erano differenze nelle cardiopatie ischemiche, CHD); l’effetto dei betabloccanti invece era peggiore rispetto ai CCBs (RR 1.18, 95% CI 1.08-1.29) ma non era diverso da quello dei diuretici o degli inibitori di RAS. Inoltre con i betabloccanti c’era un aumento degli ictus rispetto ai CCBs (RR 1.24, 95% CI 1.11-1.40) e agli inibitori di RAS (RR 1.30, 95% CI 1.11-1.53). Nell’unico trial che coinvolgeva partecipanti di età pari o superiore a 65 anni, l’atenololo era associato a un aumento dell’incidenza di cardiopatie ischemiche rispetto ai diuretici (RR 1.63, 95% CI 1.15-2.32). I partecipanti che assumevano betabloccanti, inoltre, avevano più probabilità di sospendere il trattamento a causa di eventi avversi rispetto a quelli che assumevano inibitori di RAS (RR 1.41, 95% CI 1.29-1.54); c’erano invece differenze minime o nulle rispetto a placebo, diuretici o CCBS.

Secondo gli autori della review, i betabloccanti, nelle persone con ipertensione:

  •  non determinano differenze in termini di mortalità, il loro effetto infatti sembra essere simile a quello dei diuretici e degli inibitori di RAS; sono però meno efficaci dei calcioantagonisti;
  • potrebbero ridurre il numero di ictus, con un effetto simile a quello dei diuretici; ma potrebbero non essere altrettanto efficaci quanto gli inibitori di RAS o i calcioantagonisti
  • potrebbero avere un effetto minimo sul numero di infarti; le evidenze suggerirebbero che questo effetto potrebbe non essere diverso da quello prodotto dai diuretici, dagli inibitori di ASA o dai calcioantagonisti; tuttavia nelle persone di età pari o superiore ai 65 anni, le evidenze suggeriscono che potrebbero non essere efficaci quanto i diuretici nel ridurre gli infarti.

Inoltre, le persone che assumono betabloccanti hanno una probabilità maggiore di subire effetti collaterali e di sospendere il trattamento delle persone che assumono inibitori di RAS; mentre non sembrano esserci differenze sostanziali rispetto ai diuretici o ai calcioantagonisti.

Quali le implicazioni per la pratica clinica?
I risultati della revisione sistematica Cochrane suggeriscono che i betabloccanti “sono inferiori, come farmaci di prima linea, rispetto ai diuretici, agli inibitori di RAS e ai calcioantagonisti”, concludono gli autori.

Fonte
Wiysonge CS, Bradley HA, Volmink J, et al. Beta-blockers for hypertension. Cochrane Database Syst Rev. 2017 Jan 20;1:CD002003. doi: 10.1002/14651858.CD002003.pub5. (Review) PMID: 28107561

Archiviato in , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.