BAL Lazio

Notizie

L’angioplastica nella cardiopatia ischemica stabile

Pubblicato martedì 15 dicembre 2015

In persone con cardiopatia ischemica stabile, l’angioplastica coronarica percutanea (PCI), in aggiunta alla terapia medica, non migliora la sopravvivenza: questa la conclusione dello studio COURAGE (Clinical Outcomes Utilizing Revascularization and Aggressive Drug Evaluation). Dopo un follow-up più lungo sono dunque confermati i risultati dello studio pubblicato nel 2007 sul New England Journal of Medicine.

Tra il 1999 (giugno) e l’inizio del 2004 sono stati randomizzati 2287 pazienti con cardiopatia ischemica stabile a una strategia di trattamento con terapia medica ottimale (gruppo di terapia medica) oppure a terapia medica ottimale più PCI (gruppo PCI).

Risultati A un follow-up di 4.6 anni non furono rilevate differenze significative nei tassi di sopravvivenza. Per un gruppo di pazienti (53% della popolazione originaria) è stato possibile ottenere dati sulla sopravvivenza ad un follow-up medio di 11.9 anni (range, 0-15 anni). Nel periodo in studio si sono registrati 561 decessi (180 durante il periodo follow-up del trial originale e 381 durante il follow-up esteso): di queste, 284 morti (25%) nel gruppo PCI e 277 (24%) nel gruppo di terapia medica (adjusted hazard ratio, 1.03; 95% CI 0.83-1.21; P=0.76).

Da un’analisi per sottogruppi non sono state individuate tipologie di pazienti che potessero trarre beneficio da una PCI all’inizio del trattamento. Tra le variabili considerate: età superiore o inferiore a 60 anni, genere, abitudine al fumo, comorbidità come diabete mellito, patologie polmonari, epatiche o renali.

I risultati sono congruenti con quelli dello studio Bypass Angioplasty Revascularization Investigation 2 Diabetes (BARI 2D) che ha coinvolto 2368 pazienti con diabete e cardiopatia ischemica stabile: il BARI 2D infatti non aveva dimostrato un miglioramento della sopravvivenza con la PCI rispetto all’endpoint primario, cioè la morte per tutte le cause, dopo un follow-up mediano di 5.3 anni.

“Prima del trial COURAGE la maggior parte dei cardiologi interventisti, me incluso”, ha detto a Medscape Steven Sedlis (New York Harbor Health Care System, NY), uno degli autori del gruppo, “riteneva che la PCI dell’ischemia che causa l’ostruzione delle coronarie portasse a esiti migliori e che probabilmente migliorasse la sopravvivenza … “, dopo molti più anni di follow-up non sono state però rilevate differenze, per cui ”escludiamo la possibilità di un beneficio a lungo termine di una PCI iniziale” conclude Sedlis.

Fonti:
Sedlis SP, Hartigan PM, Teo KK et al. Effect of PCI on Long-term survival in patients with stable ischemic heart disease. N Engl J Med 2015; 373:1937-46.
La descrizione dello studio in poco più di 1 minuto nel video a cura del NEJM:

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.