BAL Lazio

Notizie

Malattie infiammatorie croniche intestinali: testa a testa tra adalimumab e infliximab

Pubblicato mercoledì 7 Marzo 2018

Negli ultimi 20 anni i farmaci biologici hanno cambiato radicalmente il modo di trattare le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI), offrendo alternative ai pazienti che non rispondono alle terapie tradizionali di primo livello e riducendo il ricorso alla chirurgia.

Da un’analisi svolta dal Dipartimento di Epidemiologia del SSR ASLRM1 emerge che l’uso di infliximab e quello di adalimumab non presenta differenze in termini di sicurezza ed efficacia nel trattamento delle MICI. Si tratta di uno studio comparativo sulla valutazione di effectiveness e safety, nelle reali condizioni d’uso, tra i due farmaci biologici più utilizzati nel trattamento della malattia di Crohn e nella rettocolite ulcerosa.

Dagli studi sperimentali è emerso che infliximab e adalimumab sono superiori rispetto al placebo sia nell’induzione sia nel mantenimento della remissione nelle MICI. Mancano invece in letteratura studi randomizzati e controllati che confrontano direttamente tra loro i due farmaci biologici.

Lo studio è il risultato di un protocollo discusso nell’ambito delle attività della Commissione Regionale del Farmaco della Regione Lazio – CoReFa – a sostegno di alcune linee di indirizzo per l’uso appropriato dei farmaci biologici e utilizza i dati dei sistemi informativi sanitari.

Nello studio sono stati considerati 1432 pazienti, di cui 872 con malattia di Crohn e 560 pazienti con colite ulcerosa, recentemente trattati con infliximab o adalimumab e seguiti per un follow-up di 2 anni. Gli autori hanno confrontato il rischio di sottoporsi ad un intervento chirurgico, l’utilizzo di steroidi e l’ospedalizzazione per infezione.

Per l’analisi dei dati è stato utilizzato sia l’approccio “intention to treat” che quello “as treated”, cioè sono stati esclusi dall’osservazione i soggetti in presenza di switch tra i due farmaci o discontinuazione della terapia. Lo studio ha tenuto conto del consumo precedente di farmaci comunemente utilizzati nel trattamento delle MICI, della presenza di fattori di rischio e delle comorbilità: considerati tutti come potenziali confondenti o modificatori di effetto.

I risultati indicano che non ci sono differenze tra infliximab e adalimumab nei pazienti con malattia di Crohn o colite ulcerosa per quanto riguarda il profilo di efficacia e sicurezza. Si delinea quindi un quadro di sovrapponibilità tra i due farmaci biologici. Anche l’incidenza di altri eventi avversi (reazioni acute all’infusione, dermatomiosite, anemia emolitica autoimmune) è stata molto bassa o assente.

Per approfondire l’argomento vi rimandiamo alle Linee di indirizzo per l’uso appropriato dei farmaci biologici nelle malattie infiammatorie croniche intestinali nel Lazio disponibili sul sito del Dipartimento di Epidemiologia al link https://www.deplazio.net/it/documenti-corefa

Fonti
Di Domenicantonio R et al. Population-based cohort study on comparative effectiveness and safety of biologics in inflammatory bowel disease. Clin Epidemiol 2018; 10: 203-213.

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.