BAL Lazio

Notizie

Medicine alternative e sopravvivenza al tumore

Pubblicato venerdì 13 ottobre 2017

Uno studio della Yale School of Medicine evidenzia che fare ricorso esclusivamente a medicine alternative in caso di tumore comporta un maggiore rischio di morte.

Anche dai casi di cronaca sappiamo che esistono persone con tumore che ritardano o rifiutano i trattamenti convenzionali (chemioterapia, radioterapia, chirurgia e/o terapia ormonale) in favore di trattamenti riconducibili alle medicine alternative. Un gruppo di ricercatori della Yale School of Medicine ha voluto scoprire cosa succede a queste persone in termini di sopravvivenza.

Attraverso una ricerca condotta su un registro nazionale USA sono stati individuati 281 pazienti (0,02% del totale) che avevano ricevuto una diagnosi di tumore (mammella, prostata, polmone e colon-retto) tra il 2004 e il 2013, e che hanno scelto esclusivamente le medicine alternative al posto di quelle tradizionali. Sono stati esclusi i pazienti con tumori metastatici allo stadio IV alla diagnosi. Il rischio di morte è stato confrontato con quello di 560 pazienti dello stesso registro che hanno seguito le terapie tradizionali.

I principali risultati
Tumore al seno: le donne che hanno usato le medicine alternative avevano un rischio di morte cinque volte superiore. Sopravvivenza a 5 anni: 58.1% (95% CI = 46.0%-68.5%) vs 86.6% (95% CI = 80.7%-90.7%), P < .001; HR = 5.68 (95% CI = 3.22 to 10.04).

Tumore del colon-retto: le persone che hanno usato le medicine alternative avevano un rischio di morte 4 volte superiore. Sopravvivenza a 5 anni. 32.7% (95% CI = 15.8% -50.8%) vs 79.4% (95% = CI 66.3%-87.8%, P < .001); HR = 4.57 (95% CI = 1.66-12.61)

Tumore al polmone: le persone che hanno usato le medicine alternative avevano un rischio di morte 2 volte superiore. Sopravvivenza a 5 anni: 19.9% (95% CI = 9.9%-32.4%) vs 41.3% (95% CI = 31.1%-51.2%, P < .001); HR = 2.17, (95% CI = 1.42 to 3.32)

Tumore alla prostata. Sopravvivenza a 5 anni: 86.2% (95% CI = 73.9%-92.9%) vs 91.5% (95% CI = 84.7%-95.4%, P = .36); HR = 1.68 (95% CI = 0.68 to 4.17)

Solo per quanto riguarda il tumore alla prostata la differenza non è statisticamente significativa, ma questo, sottolineano gli autori, è principalmente dovuto alla durata limitata del follow-up, 66 mesi, mentre la storia naturale di questo tumore è più lunga.

Sono state indagate anche le caratteristiche delle persone che sceglievano le medicine alternative: tali soggetti erano più giovani, avevano un tumore a uno stadio più avanzato, redditi ed educazione superiori.

Le persone che si erano sottoposte esclusivamente a cure alternative avevano dunque un rischio di morte superiore. Anche se, come emerge dallo studio, si tratta di un fenomeno cirscoscritto, non va sottovalutato e dovrebbe sollecitare una migliore comunicazione, non solo tra medici e pazienti, ma anche da parte dei media.

Fonte:
Johnson SB, et al. Use of alternative medicine for cancer and its impact on survival. Journal of the National Cancer Institute 2018; 110 (1), published online 10 August 2017, djx145, https://doi.org/10.1093/jnci/djx145

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Adjuvant chemotherapy guided by a 21-gene expression assay in breast cancer
Sparano AJ et al.
The New England Journal of Medicine

Prophylactic vaccination against human papillomaviruses to prevent cervical cancer and its precursors
Arbyn M et al.
Cochrane Database of Systematic Reviews

Population-based cohort study on comparative effectiveness and safety of biologics in inflammatory bowel disease
Di Domenicantonio et al.
Clinical Epidemiology

Aspirin or Rivaroxaban for VTE prophylaxis after hip or knee arthroplasty
Anderson DR et al.
The New England Journal of Medicine

Incremental effects of antihypertensive drugs: instrumental variable analysis
Markovitz AA et al.
BMJ

Upright versus lying down position in second stage of labour in nulliparous women with low dose epidural: BUMPES randomised controlled trial
The Epidural and Position Trial Collaborative Group
BMJ

What evidence affects clinical practice? An analysis of Evidence-Based Medicine commentaries
Coombs C et al.
Evidence-Based Medicine

Gastric microbial community profiling reveals a dysbiotic cancer-associated microbiota
Ferreira RM et al.
Gut

Hormone Therapy for the Primary Prevention of Chronic Conditions in Postmenopausal WomenUS Preventive Services Task Force Recommendation Statement
US Preventive Services Task Force
JAMA

Effect of treatment delay on the effectiveness and safety of antifibrinolytics in acute severe haemorrhage: a meta-analysis of individual patient-level data from 40 138 bleeding patients.
Antifibrinolytic Trials Collaboration
Lancet

Prevalence of asthma-like symptoms with ageing
Jarvis D et al.
Thorax

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.