BAL Lazio

Notizie

Notizie di cuore

Pubblicato lunedì 22 settembre 2014

Per celebrare i risultati del trial randomizzato PARADIGM-HF il New England Journal of Medicine non teme i toni enfatici e dichiara che forse “stiamo entrando in una nuova era nel trattamento dello scompenso cardiaco”. Lo studio (illustrato anche un video), presentato al congresso dell’European Society of Cardiology, ha dimostrato che una nuova molecola, un inibitore del recettore dell’angiotensina II e della neprilisina (LCZ696), è riuscita a ridurre la mortalità cardiovascolare del 20% in più in confronto all’aceinibitore enalapril. Uno degli autori della ricerca, Milton Packer (Southwestern Medical Center) ha dichiarato che la nuova molecola “cambia il decorso naturale della malattia”. Per illustrare, letteralmente, quanta strada è stata fatta (e quanta ne rimane da fare), la rivista americana ha pubblicato una timeline interattiva con i dati principali dei 26 trial randomizzati controllati pubblicati sul New England Journal of Medicine dal 1986 a oggi.

Un’altra ricerca molto importante per la medicina generale, nell’ambito della prevenzione cardiologica, potrebbe essere quella pubblicata sul Lancet dalla Blood Pressure Lowering Treatment Trialists’ Collaboration: gli autori si sono chiesti se, per le terapie antiipertensive, non sia possibile applicare lo stesso criterio usato per i trattamenti ipolipemizzanti, modulandole in funzione del rischio cardiovascolare individuale. La metanalisi ha incluso 11 trial e più di cinquantamila pazienti, randomizzati a trattamento con farmaci antiipertensivi o placebo, oppure a regimi più o meno aggressivi. I risultati suggeriscono che “il trattamento antiipertensivo andrebbe indirizzato a coloro con un maggior rischio cardiovascolare… Un approccio basato sul rischio probabilmente è più costo-efficace di un approccio basato solo sulla pressione, e potrebbe contemporaneamente ridurre il numero dei pazienti trattati”, concludono gli autori.

A proposito di ipertensione e malattie cardiovascolari, segnaliamo una serie di articoli sugli effetti del consumo di sodio alimentare pubblicati sul New England Journal of Medicine: i risultati sono brillantemente sintetizzati in una animazione che fa vedere, in modo efficacissimo, che un’assunzione di sodio quotidiana compresa tra i 3 e i 6 grammi è associata a un rischio inferiore di morte o di eventi cardiovoscalari rispetto sia a livelli inferiori ai 3 grammi sia a livelli superiori ai 6 grammi. Gli autori del gruppo PURE (Prospective Urban Rural Epidemiology) suggeriscono che potrebbe essere più utile consigliare diete di qualità, ricche di potassio, piuttosto che concentrarsi su aggressive riduzioni del consumo di sodio.

Fonti:
McMurray JJ1, Packer M, Desai AS, Gong J, Lefkowitz MP, Rizkala AR, Rouleau JL, Shi VC, Solomon SD, Swedberg K, Zile MR; PARADIGM-HF Investigators and Committees. Angiotensin-neprilysin inhibition versus enalapril in heart failure. N Engl J Med. 2014 Sep 11;371(11):993-1004. doi: 10.1056/NEJMoa1409077.
Jessup M. Neprilysin inhibition–a novel therapy for heart failure. N Engl J Med. 2014 Sep 11;371(11):1062-4. doi: 10.1056/NEJMe1409898.
Blood Pressure Lowering Treatment Trialists’ Collaboration, Sundström J, Arima H, Woodward M, Jackson R, Karmali K, Lloyd-Jones D, Baigent C, Emberson J, Rahimi K, MacMahon S, Patel A, Perkovic V, Turnbull F, Neal B. Blood pressure-lowering treatment based on cardiovascular risk: a meta-analysis of individual patient data. Lancet 2014; 384(9943): 591-8. doi: 10.1016/S0140-6736(14)61212-5.
Oparil S. Low Sodium Intake: Cardiovascular Health Benefit or Risk? N Engl J Med 2014; 371:677-679August 14, 2014DOI: 10.1056/NEJMe1407695
O’Donnell M1, Mente A, Rangarajan S et al. Urinary sodium and potassium excretion, mortality, and cardiovascular events. N Engl J Med 2014; 371(7): 612-23. doi: 10.1056/NEJMoa1311889.

Archiviato in , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Adjuvant chemotherapy guided by a 21-gene expression assay in breast cancer
Sparano AJ et al.
The New England Journal of Medicine

Prophylactic vaccination against human papillomaviruses to prevent cervical cancer and its precursors
Arbyn M et al.
Cochrane Database of Systematic Reviews

Population-based cohort study on comparative effectiveness and safety of biologics in inflammatory bowel disease
Di Domenicantonio et al.
Clinical Epidemiology

Aspirin or Rivaroxaban for VTE prophylaxis after hip or knee arthroplasty
Anderson DR et al.
The New England Journal of Medicine

Incremental effects of antihypertensive drugs: instrumental variable analysis
Markovitz AA et al.
BMJ

Upright versus lying down position in second stage of labour in nulliparous women with low dose epidural: BUMPES randomised controlled trial
The Epidural and Position Trial Collaborative Group
BMJ

What evidence affects clinical practice? An analysis of Evidence-Based Medicine commentaries
Coombs C et al.
Evidence-Based Medicine

Gastric microbial community profiling reveals a dysbiotic cancer-associated microbiota
Ferreira RM et al.
Gut

Hormone Therapy for the Primary Prevention of Chronic Conditions in Postmenopausal WomenUS Preventive Services Task Force Recommendation Statement
US Preventive Services Task Force
JAMA

Effect of treatment delay on the effectiveness and safety of antifibrinolytics in acute severe haemorrhage: a meta-analysis of individual patient-level data from 40 138 bleeding patients.
Antifibrinolytic Trials Collaboration
Lancet

Prevalence of asthma-like symptoms with ageing
Jarvis D et al.
Thorax

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.