BAL Lazio

Notizie

Raccomandazioni per la gestione dolore in fine vita

Pubblicato giovedì 17 20 Ottobre19

Una revisione sistematica pubblicata su Critical Care Medicine ha evidenziato che la maggior parte delle linee guida cliniche e delle consensus sulla gestione del dolore in fine vita nelle unità di terapia intensiva concordano su una serie di raccomandazioni che includono, tra l’altro, l’uso di alte dosi di oppioidi e l’adozione di un metodo quantitativo per valutare il dolore.

I ricercatori hanno selezionato, in seguito ad una ricerca sistematica, dieci linee guida e alcune dichiarazioni di consenso sulle raccomandazioni per la gestione del dolore. La qualità metodologica dei documenti, valutata con la checklist AGREE-II, è risultata nel complesso moderata, con punteggi bassi sia nell’applicabilità (28,6%) che nella metodologia (36,1%) utilizzata per la sintesi delle evidenze e la produzione di raccomandazioni.

Nella revisione sono stati raccolti dati su raccomandazioni che riguardano vari aspetti della gestione del dolore: dosaggio iniziale del farmaco, titolazione, dose massima e via di somministrazione, gestione degli effetti collaterali, il principio del “doppio effetto”, l’uso di bloccanti neuromuscolari e la consulenza nelle cure palliative.

Nella maggior parte dei documenti si raccomandava l’uso di oppioidi per alleviare il dolore e di benzodiazepine per contrastare l’ansia. In due articoli soltanto, si suggeriva anche l’uso di strategie di gestione del dolore non farmacologiche, come l’assistenza spirituale e il supporto familiare. Molti articoli sconsigliavano l’uso di bloccanti neuromuscolari durante la sospensione del supporto vitale, sia perché possono ostacolare potenzialmente una corretta valutazione del dolore, sia perché (almeno secondo una linea guida) l’approccio veniva giudicato “non etico”. Come già accennato, l’uso di alte dosi di oppioidi e sedativi per la gestione del dolore è stato raccomandato nella maggior parte delle pubblicazioni.

Dalla gran parte degli articoli – basati soprattutto su principi etici o opinioni degli esperti – emergeva comunque la necessità di usare uno strumento quantitativo per la valutazione del dolore nei pazienti terminali in terapia intensiva, per esempio un sintomo misurabile o una scala funzionale.

“È necessario sviluppare strategie di miglioramento della qualità e produrre strategie di gestione del dolore basate sull’evidenza, nonché esplorare il metodo più efficace per la valutazione del dolore nei pazienti critici in fine vita e il ruolo di nuovi analgesici e rimedi non farmacologici per la gestione del dolore in questo contesto “, hanno concluso gli autori che, partendo dai risultati della revisione, hanno poi creato un algoritmo di gestione dei pazienti in fine vita in terapia intensiva che attende di essere validato.

Fonte
Durán-Crane A et al. Clinical practice guidelines and consensus statements about pain management in critically ill end-of-life patients: a systematic review. Critical Care Medicine 2019;47(11):1619-1626

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.