BAL Lazio

Notizie

Rivaroxaban vs. aspirina finisce pari

Pubblicato venerdì 2 Marzo 2018

Per una profilassi prolungata del tromboembolismo venoso successivamente ad artroplastica dell’anca o del ginocchio, l’aspirina non è meno efficace di rivaroxaban. Sono le conclusioni di uno studio multicentrico, randomizzato, controllato e in doppio cieco appena pubblicato sul New England Journal of Medicine e finanziato dai Canadian Institutes for Health Research.

I ricercatori del gruppo collaborativo identificato con l’acronimo EPCAT hanno arruolato circa 3500 pazienti (età media 62,8 anni, 47,8% uomini) sottoposti ad artroplastica sostitutiva del ginocchio (n=1620) e dell’anca (n=1804). Tutti hanno ricevuto una terapia postoperatoria iniziale di 5 giorni a base di rivaroxaban (10 mg), anticoagulante orale di recente introduzione. Successivamente, i pazienti con sostituzione del ginocchio sono stati randomizzati a una profilassi aggiuntiva di 9 giorni con aspirina a basso dosaggio (81 mg) o rivaroxaban (10 mg); nei pazienti operati per la sostituzione dell’anca – ugualmente randomizzati e assegnati a due bracci – la profilassi aggiuntiva ha avuto una durata di 30 giorni.

L’incidenza di tromboembolismo venoso sintomatico a 90 giorni (l’esito primario di efficacia) era simile nei due gruppi (0,64% dei pazienti nel gruppo trattato con aspirina e 0,70% nel gruppo trattato con rivaroxaban); anche la numerosità degli episodi di sanguinamento (l’esito primario per quanto concerne la sicurezza) era simile (0,47% dei pazienti nel gruppo trattato con aspirina e nello 0,29% dei pazienti nel gruppo rivaroxaban).

Un editoriale di accompagnamento sul New England Journal of Medicine di David Garcia, della University of Washington a Seattle, invita a guardare a questi risultati come a quelli che probabilmente potranno cambiare la pratica. Lo studio “ha stabilito un regime di profilassi contro il quale verranno confrontate tutte le strategie per prevenire il tromboembolismo venoso dopo la sostituzione dell’articolazione”. Il confronto diretto tra le due terapie può essere considerato uno dei pregi maggiori dello studio. Un limite – osserva un commentatore su Medscape – è l’incertezza sul determinante degli eventi tromboembolici che si sono comunque verificati, che potrebbe essere nell’impiego di rivaroxaban nei primi 5 giorni postoperatori o nei due farmaci utilizzati nella profilassi a lungo termine.

Non è d’accordo con Garcia il presidente dell’American Academy of Orthopaedic Surgeons, Kevin Bozic, che sostiene che da anni le società scientifiche statunitensi hanno già data per scontata l’equivalenza tra NAO e altri farmaci nella profilassi postoperatoria. “L’importante è che i pazienti siano assegnati a una terapia, non importa quale”.

Fonti
Anderson DR et al. Aspirin or Rivaroxaban for VTE prophylaxis after hip or knee arthroplasty. N Engl J Med 2018; 378: 699-707.
Garcia D. Hybrid strategy to prevent venous thromboembolism after joint arthroplasty. N Engl J Med 2018; 378: 762-763.

Archiviato in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.