BAL Lazio

Notizie

Statine: dalla genetica un aiuto per trattamenti più mirati?

Pubblicato venerdì 27 Marzo 2015

Un rischio genetico rilevato sulla base di 27 polimorfismi a singolo nucleotide (SNPs) non solo è in grado di identificare le persone a rischio di un primo evento coronarico e di un secondo evento, ma identifica anche le persone che, se trattate con statine, traggono maggiore beneficio: sono le conclusioni di una analisi pubblicata sul Lancet da Jessica Mega (Harvard Medical School, Boston) e collaboratori.

Lo studio. L’analisi ha incluso partecipanti provenienti da uno studio di coorte (Malmo Diet and Cancer Study) e da 4 trial randomizzati controllati, su popolazioni in prevenzione primaria (ASCOT e JUPITER) e secondaria (CARE e PROVE-IT TIMI 22). Lo studio ha preso in considerazione dati relativi a 48.421 individui, con 3477 eventi. È stato assegnato un punteggio di rischio genetico sulla base di 27 varianti genetiche ad ogni individuo e studiata l’associazione con un primo o un secondo evento coronarico, aggiustando per i fattori di rischio tradizionali. Sono state poi analizzate le riduzioni di rischio relativo e assoluto con la terapia a base di statine, stratificando per punteggio di rischio genetico. I dati provenienti dai diversi studi sono stati poi valutati con una metanalisi. Le statine utilizzate: rosuvastatina, atorvastatina e pravastatina.

I principali risultati dello studio: I pazienti con un alto punteggio di rischio genetico trattati con statine hanno avuto, rispetto al gruppo trattato con placebo, una riduzione del rischio relativo del 47% (nel gruppo di pazienti con una precedente sindrome coronarica acuta) e del 50% (in prevenzione primaria).

Nelle persone con un basso punteggio di rischio genetico, le statine, in confronto con placebo, riducevano il rischio relativo solo del 3% nelle persone con un precedente evento cardiovascolare e del 34% in prevenzione primaria.

I commenti degli autori: Nathan Stitziel (Washington University, USA) ha detto al Guardian: “c’è bisogno di ulteriori ricerche per confermare tali risultati. Possiamo tuttavia dire che le persone con un alto punteggio di rischio genetico sembrano trarre benefici maggiori dalla terapia con statine perché hanno un maggiore rischio iniziale”. Come ha spiegato Jessica Mega in un’intervista pubblicata da Medscape: “La domanda che ci dovremo porre in futuro, quando conosceremo meglio i genomi , sarà: cosa fare di questa informazione? Non stiamo dicendo che si debba necessariamente testare tutti per queste 27 varianti. Ma, nel momento in cui tali varianti sono conosciute, l’informazione è utile per stratificare la terapia e per sapere chi può trarne il beneficio maggiore. Tali informazioni sono più importanti nella prevenzione primaria. Nella prevenzione secondaria, dopo un attacco di cuore, il consenso ufficiale è che tali pazienti dovrebbero assumere statine”.

 Fonti:
Schunkertemail H, Samani NJ. Statin treatment: can genetics sharpen the focus? Lancet 2015 Mar 3. pii: S0140-6736(14)61931-0. doi: 10.1016/S0140-6736(14)61931-0. [Epub ahead of print]
Mega JL, Stitzel NO, Smith JG, et al. Genetic risk, coronary heart disease events, and the clinical benefit of statin therapy: an analysis of primary and secondary prevention trials. Lancet, Mar 3. pii: S0140-6736(14)61730-X. doi: 10.1016/S0140-6736(14)61730-X. [Epub ahead of print]

Michael O’Riordan. Genetic Risk Score Identifies Patients Who Benefit Most From Statin Therapy. Heartwire from Medscape, March 11, 2015

Archiviato in , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Bolland MJ, Grey A, Avenell A. Effects of vitamin D supplementation on musculoskeletal health: a systematic review, meta-analysis, and trial sequential analysis. Lancet Diabetes Endocrinol 2018. 10.1016/S2213-8587(18)30265-1.

Drucker AM et al. Treatments of primary basal cell carcinoma of the skin: a systematic review and network meta-analysis. Ann Intern Med 2018 ;169:456-466.

Heath L et al. Cumulative antidepressant use and risk of dementia in a prospective cohort study. J Am Geriatr Soc 2018 Sep 17. doi: 10.1111/jgs.15508. [Epub ahead of print]

Belleudi V et al. Neonatal outcomes following new reimbursement limitations on palivizumab in Italy. Archives of Disease in Childhood. Published Online First: 14 September 2018. doi: 10.1136/archdischild-2018-315349.

National Institute for Health and Care Excellence. Chronic heart failure in adults: diagnosis and management (NICE guideline NG106) 2018.

Howard HD. Trends in the use of knee arthroscopy in adults. JAMA Intern Med. Published online September 24, 2018. doi:10.1001/jamainternmed.2018.4175.

McNeil JJ et al. Effect of aspirin on all-cause mortality in the healthy elderly. September 16, 2018. DOI: 10.1056/NEJMoa1803955.

Gallus S et al. effect of tobacco smoking cessation on C-reactive protein levels in a cohort of low-dose computed tomography screening participants. Scientific Reports 2018;8(1):12908.

Rankin  A, et al. Interventions to improve the appropriate use of polypharmacy for older people. Cochrane Database of Systematic Reviews 2018, Issue 9. Art. No.: CD008165.

BD 2016 Alcohol Collaborators. Alcohol use and burden for 195 countries and territories, 1990–2016: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2016. Published online: August 23, 2018. DOI: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31310-2.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.