BAL Lazio

Notizie

Switch tra epoetine: sicurezza documentata anche quando si passa da un originator ad un biosimilare e viceversa

Pubblicato martedì 2 Luglio 2019

I prescrittori e i pazienti si fanno una giusta domanda quando un farmaco biologico viene cambiato in corso di trattamento: tutto ciò sarà sicuro?

In particolare quando si effettua uno switch da un originator ad un biosimilare il dubbio che la scelta sia orientata dal risparmio alimenta i sospetti e le polemiche. Le sollecitazioni dei prescrittori, dei pazienti e dei decisori invitano a produrre dati sulla pratica clinica in grado di fornire risposte tempestive e valide su questi temi.

Un recente studio italiano pubblicato su Drug Safety ha raccolto tale invito valutando la sicurezza e l’efficacia nei pazienti con malattia renale cronica che hanno effettuato uno switch terapeutico tra epoetine rispetto ai non-switcher e confrontando tra di loro le diverse categorie di switcher.

Lo studio
Si tratta di uno studio di coorte multi-database, che ha coinvolto quattro aree geografiche italiane. Sono stati inclusi nello studio tutti i pazienti con malattia renale cronica in trattamento con epoetina α (ESA α ) tra il 1° gennaio 2009 e il 31 dicembre 2015 e tra questi sono stati individuati quelli che hanno effettuato uno switch da originatore/biosimilare ESA α a qualsiasi altra epoetina in una serie di due prescrizioni consecutive entro i 2 anni dalla prima prescrizione di ESA α.

Gli switcher sono stati abbinati 1: 1 con i non-switcher in base ad un propensity score e alla durata del trattamento con ESA α e sono stati confrontati gli esiti occorsi nell’anno successivo alla data di switch nei due gruppi. Inoltre è stato effettuato un  confronto diretto tra le due categorie di switcher: dall’originatore/biosimilare ESA α a qualsiasi altra epoetina.

I risultati
Lo studio ha coinvolto 14.400 utilizzatori di ESA α per anemia dovuta a malattia renale cronica (61,4% originatore, 38,6% biosimilare). Al follow-up non sono state trovate differenze tra switcher e non switcher sull’efficacia (HR 1,02, 95% IC 0,79-1,31 originatori, HR 1,16, IC 95% 0,75-1,79 biosimilari) e sui risultati di sicurezza (HR 1,08, 95% IC 0,77-1,50 originatori; HR 1,20, IC 95% 0,66-2,21 biosimilari). Le probabilità cumulative di osservare un evento avverso, sia dal punto di vista della mancanza di efficacia che da quello dei problemi di sicurezza, sono state le stesse per i diversi gruppi di switchers.

In sintesi, questo studio osservazionale realizzato su larga scala e che ha coinvolto pazienti provenienti da diverse Regioni Italiane, suggerisce che il passaggio dall’epoetina α ad altre epoetine, comprese le versioni biosimilari e originator, nei pazienti con malattia renale cronica è efficace e sicuro. Tali risultati promettono di rivelarsi preziosi per le decisioni cliniche relative al cambiamento delle terapie farmacologiche e per promuovere politiche sanitarie che sostengono la diffusione dei biosimilari tra la popolazione.

Fonte
Belleudi V et al. Effectiveness and safety of switching originator and biosimilar epoetins in patients with chronic kidney disease in a large-scale italian cohort. Study Drug Saf 2019. Jun 21. doi: 10.1007/s40264-019-00845-y. [Epub ahead of print]

Archiviato in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.