BAL Lazio

Notizie

Vaccini anti-HPV sotto esame: una revisione Cochrane ne conferma efficacia e sicurezza

Pubblicato venerdì 25 Maggio 2018

Il papillomavirus umano o HPV si trasmette attraverso il contatto intimo durante il rapporto sessuale con un partner infetto. Anche se esposta, la maggior parte delle donne eliminerà naturalmente l’infezione virale. In alcuni casi però un’infezione persistente può portare alla formazione di lesioni cervicali precancerose che, se non trattate, possono progredire verso il cancro cervicale.

Il cancro alla cervice uterina è il quarto tumore più frequente al  mondo nelle donne, più di mezzo milione di casi viene diagnosticato ogni anno. Anche se ci sono molti tipi di HPV, soltanto alcuni ceppi aumentano però il rischio di sviluppare il cancro cervicale: in particolare, HPV16 e HPV18 sono responsabili di circa il 70% di tutti i casi di tumori della cervice nel mondo.

Circa 10 anni fa è stata sviluppato il primo di una serie di vaccini anti-HPV in grado di proteggere dal cancro del collo dell’utero le giovani donne, specialmente quando vengono vaccinate tra i 15 ei 26 anni.

I risultati
Una nuova revisione Cochrane, che si è avvalsa della metodologia GRADE per valutare la certezza delle prove, ha valutato  l’efficacia dei vaccini HPV nella prevenzione delle lesioni  precancerose (il monitoraggio si fermava infatti a 8 anni, troppo pochi per sviluppare il cancro cervicale) e gli eventuali danni da vaccino rispetto al placebo. Sono stati presi in considerazione due vaccini disponibili in commercio: il Cervarix, che ha come bersaglio soltanto HPV16 e HPV18, e il Gardasil, quadrivalente che include anche due tipi di HPV che causano verruche genitali.

Arbyn e il suo team hanno esaminato 26 studi  randomizzati di fase II e di fase III (oltre 73.000 partecipanti).  Di questi, 10 studi con un periodo di follow-up da 1,3 a 8 anni, hanno affrontato la protezione contro la neoplasia intraepiteliale cervicale e l’adenocarcinoma in situ (CIN / AIS).

Nelle donne di età compresa tra i 15 e i 25 anni che sono risultate negative per HPV prima di ricevere il vaccino, il rischio di lesioni precancerose associato a HPV16 o HPV 18 è stato di 164 ogni 10.000 donne non vaccinate, rispetto a 2 ogni 10.000 donne vaccinate. I vaccini hanno anche ridotto il rischio di qualsiasi lesione cervicale precancerosa, associato a qualsiasi tipo di HPV, da 287 a 106 ogni 10.000 donne.

Tra le donne della stessa età, con o senza infezione da HPV, i vaccini hanno ridotto il rischio di lesioni precancerose associato a HPV16 o HPV 18 da 341 a 157 ogni 10.000 donne, e di qualsiasi rischio di lesioni da 559 a 391 ogni 10.000.

Nelle donne vaccinate tra i 25 ei 45 anni gli effetti del vaccino HPV sono stati invece inferiori. Il rischio di sviluppare cellule precancerose associato a HPV16 e HPV18 è diminuito infatti da 145 a 107 ogni 10.000 donne. Probabilmente perché le donne erano state precedentemente esposte all’HPV.

Effetti collaterali e danni da vaccino
I vaccini non sembrano aumentare il rischio di gravi effetti collaterali che era di circa il 7% in entrambi i gruppi vaccinati o di controllo HPV. Il tasso di mortalità è simile nei due gruppi (11 ogni 10.000 nel gruppo di controllo, 14 ogni 10.000 nel gruppo vaccinato).

I ricercatori non hanno rilevato un rischio aumentato di aborto nelle donne che sono rimaste incinta dopo la vaccinazione, ma sono necessari più dati per fornire certezza sugli effetti collaterali molto rari, sugli effetti dei vaccini sui tassi di natimortalità e sui bambini nati con anomalie dalle donne rimaste incinta al momento della vaccinazione.

Un tassello importante ma non conclusivo
La revisione Cochrane è un tassello importante per confermare  sicurezza ed efficacia della vaccinazione anti-HPV ma c’è ancora molto lavoro da fare per giungere a risposte definitive (la revisione, per esempio, non si occupa della vaccinazione dei ragazzi e non valuta il vaccino 9-valente (il Gardasil-9). “Il tumore della cervice uterina può richiedere molti anni per sviluppare l’infezione da HPV e lo sviluppo di lesioni precancerose, pertanto sono necessari studi di follow-up a lungo termine per scoprire gli effetti della vaccinazione HPV sui tassi di tumore cervicale”, ha sintetizzato  Jo Morrison, consulente in ginecologia oncologica presso il Musgrove Park Hospital di Somerset in Inghilterra.

Fonte
Arbyn M et al. Prophylactic vaccination against human papillomaviruses to prevent cervical cancer and its precursors. Cochrane Database Syst Rev 2018 May; 5:CD009069.

Archiviato in ,

Una citazione di “Vaccini anti-HPV sotto esame: una revisione Cochrane ne conferma efficacia e sicurezza

  1. Sergio Stagnaro

    Vaccinare donne negative al Terreno Oncologico oppure positive al Terrreno Oncologico ma negative al Reale Rischio Congenito del cancro al collo dell’utero è una operazione commerciale, non certo scientifica

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.