BAL Lazio

Scheda Rivista

The BMJ

Cover BMJ

La filosofia della rivista: rigore, accessibilità, intrattenimento. “The BMJ aims to publish rigorous, accessible and entertaining material that will help doctors and medical students in their daily practice, lifelong learning and career development. In addition, it seeks to be at the forefront of the international debate on health”. In questa frase di presentazione della rivista c’è tutta – o quasi – la filosofia del settimanale.
In primo luogo, il rigore: nonostante la evidence- based medicine sia stata “battezzata” sul JAMA, il BMJ è la rivista che con maggiore continuità si richiama oggi alla medicina delle prove di efficacia. Ancor più di altri periodici, il BMJ rivendica la propria indipendenza ed è in prima linea nel sollecitare l’approfondimento delle questioni riguardanti il conflitto di interessi, uno dei temi caldi della ricerca clinica dei nostri giorni. Un fascicolo della rivista, pubblicato all’inizio dell’estate del 2003, è stato per buona parte dedicato alle relazioni tra operatori sanitari e industrie farmaceutiche; ha suscitato ampio dibattito anche al di fuori della Gran Bretagna, al punto che il Ministero della salute italiano ha deciso di tradurre diversi contributi pubblicandoli sul Bollettino di informazione sui farmaci.

Riguardo l’accessibilità, il BMJ è stata la prima tra le grandi riviste mediche internazionali a scegliere di rendere disponibile l’intero contenuto della rivista su Web. Oggi, la consultazione gratuita online della rivista è riservata agli abbonati; sono tuttavia open access tutti gli articoli di ricerca.
La visibilità del British continua ad aumentare anche per la qualità dell’offerta complessiva dei prodotti del British Medical Journal Publishing Group: il manuale Clinical evidence, pubblicato dalla casa editrice, ha riscosso un immediato successo a livello internazionale.

In che senso intrattenimento? Quando nel 1983 il British Medical Journal iniziò a pubblicare la serie di brevi articoli denominati “How to do it” la sorpresa fu generale. D’accordo: il medico era sì chiamato ad occuparsi di altre faccende oltre della clinica, ma dedicare spazio sulla rivista della British Medical Association a “Come viaggiare in aereo” o a “Come abbellire il corridoio del vostro ospedale” sembrava davvero esagerato. I tre libri che raccolsero, negli anni a venire, le decine di contributi – alcuni di firme prestigiose – furono un successo anche in Italia. Soprattutto, indicarono un percorso nuovo, che suggeriva il coniugare l’aggiornamento clinico all’intrattenimento. Tra i principali giornali medici internazionali, il BMJ è l’unico a utilizzare l’arma dell’ironia. Il BMJ pubblica un un fascicolo di fine anno arricchito di contributi opportunamente impreziositi da una elegante dose di ironia, capaci di rendere questo fascicolo natalizio una lettura “cult” per gli appassionati della evidence-based medicine.

A chi si rivolge la rivista. Sono oltre tremila gli articoli di ricerca che ogni anno giungono alla redazione della rivista: solo il 6 per cento viene pubblicato. I fortunati autori sono premiati da un’audience notevole: oltre 122 mila copie, di cui circa diecimila distribuite fuori dalla Gran Bretagna. Il BMJ si rivolge sia ai medici sia agli studenti di medicina. La rivista intende essere utile nella “daily practice”, nell’educazione continua e, con molto del pragmatismo, del progresso della carriera. Infine, la rivista non perde l’occasione di sottolineare come il suo ruolo non possa non prevedere la partecipazione attiva al confronto sui temi di frontiera che inquietano chi lavora nel settore dell’assistenza sanitaria: i momenti terminali della vita, l’equità nell’erogazione degli interventi sanitari e la loro sostenibilità, il diritto alla salute.

Cosa troviamo nel settimanale. Ogni numero si apre con la “Editor’s choice, un’introduzione al numero preparata dal direttore. Gli “Editoriali” sono tre o quattro; brevi, corredati da non più di una dozzina di voci bibliografiche, molto spesso rimandano ad articoli originali pubblicati nello stesso fascicolo. Sono quasi sempre commissionati dalla direzione a collaboratori della rivista, ma c’è spazio anche per articoli non sollecitati, che vengono comunque sottoposti a revisione critica.
La parte probabilmente più qualificante del BMJ è quella dei “Research articles“: gli articoli di questa sezione sono pubblicati in una versione sintetica nell’edizione stampata della rivista; il testo completo è accessibile solo online
Le altre rubriche della rivista sono raccolte nella parte centrale del fascicolo, dove potremo consultare rassegne di diverso genere: “Clinical Review”; “Practice”; “Analysis”; “Views and reviews”.
I casi clinici non sono raccolti in una rubrica specifica; gli articoli su singoli casi sono presentati in diverse rubriche con intenti didattici: Lesson of the Week, Interactive Case Report, Evidence Based Report, Drug Point (tutte comprese nella sezione Practice), Endgames e Minerva.
Non tutte le rubriche sono sempre presenti. Si tratta di articoli brevi: per convincere la direzione della rivista ed i revisori, dovranno essere testi saldamente ancorati alla pratica clinica di ogni giorno.
Se il New England ha deciso di “riempire” i bianchi delle mezze pagine vuote con splendide fotografie per lo più di paesaggi eseguite dai suoi lettori, il BMJ chiede a quanti seguono la rivista di inviare contributi, come al solito brevissimi, capaci di raccontare di pazienti memorabili, di Maestri della medicina, di articoli medici che hanno cambiato il corso di una carriera, di errori dai quali molto si è appreso. Anche in questo caso, si raccomanda di preparare i propri articoli con un’ottica didattica ed augurabilmente ironica.

La versione online: Il sito del BMJ è in continua evoluzione. Per conoscere le principali tappe della sua storia, dal 1995 a oggi, consultate la pagina History of bmj online.

Dettagli

Editore: BMJ Publishing Group
Fondazione: 1840
Periodicità: settimanale
Abbreviazione: BMJ
Issn: 0959-535X; 0959-8138; 0959-8146; 1468-5833; 1756-1833 (E); 0007-1447; 0267-0623; 0959-8154 (P)
Abstract | Indexing: PubMed, MEDLINE, EBSCO, and the Science Citation Index
Impact factor: 16.3 (2013)
Argomento: Medicina generale,

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.