BAL Lazio

Scheda Rivista

JAMA

Gli obiettivi della rivista. Tutti i medici del mondo lo conoscono come JAMA, ma il suo vero nome è Journal of the American Medical Association: è una tra le riviste mediche più note e diffuse, sulla quale ogni medico vorrebbe riuscire a scrivere.
Per avvicinarci a comprendere l’orientamento culturale del JAMA, vediamo subito quali sono i “critical objectives” della pubblicazione, così come enunciati dalla direzione scientifica del periodico.

  • Pubblicare articoli originali, importanti, ben documentati, sottoposti a revisione critica, sia di medicina clinica sia di medicina di laboratorio, su un’ampia gamma di argomenti medici;
  • dare al medico opportunità di educazione continua nelle scienze di base e cliniche, per rendere possibili decisioni cliniche informate;
  • permettere ai medici di restare aggiornati nelle diverse discipline mediche, compresi quei settori distanti dalla propria specifica competenza;
  • migliorare la salute pubblica internazionale, facendo crescere la qualità dell’assistenza, la capacità di prevenire le malattie, e la ricerca messa in atto da medici informati;
  • incoraggiare un confronto responsabile e equilibrato su temi controversi che inquietano la medicina e l’assistenza sanitaria;
  • anticipare la discussione su questioni importanti e su possibili sviluppi medici e assistenziali;
  • informare i lettori su aspetti non clinici della medicina e della sanità pubblica, compresi aspetti di ordine politico, filosofico, etico, legale, ambientale, economico, storico e culturale;
  • riconoscere che, oltre agli obiettivi prima enunciati, il giornale ha anche la responsabilità sociale di migliorare le condizioni della popolazione mondiale e di promuovere l’integrità della scienza;
  • raggiungere il più elevato livello di giornalismo medico-scientifico, al fine di produrre una rivista che sia tempestiva, puntuale, credibile e piacevole da leggere.

Per ulteriori informazioni: The Key and Critical Objectives of JAMA.

La struttura della rivista. Un “quasi decalogo” ambizioso, questo del JAMA, che si traduce settimanalmente in una rivista che si apre con una sezione informativa, molto curata e assai interessante: articoli brevi, segnalazione da altre riviste e da istituzioni statunitensi quali, per esempio, i Centers for Disease Control. Sono preziose, in quest’area, le ampie review tratte dalla rivista Morbidity and Mortality Weekly Report.
Spazio, poi, alle lettere alla rivista (significativamente poste all’inizio del numero, composte al massimo di 600 parole – nel caso di quelle dedicate all’esposizione di case report e corredate da 6 voci bibliografiche), quindi agli articoli originali, sempre autorevoli e dedicati a temi molto rilevanti dal punto di vista clinico e mai più lunghi di 3000 parole. Numerose le pubblicazioni riguardanti gli esiti di sperimentazioni cliniche e metanalisi. Ogni “original article” si apre con un abstract strutturato, articolato in altre parole secondo la scansione dell’IMRAD: Introduzione, Materiali e metodi, Risultati e Discussione. Solo successivamente viene dato spazio agli Editoriali, molto spesso centrati su argomenti approfonditi da “original articles” pubblicati nel medesimo fascicolo.

 La storia del JAMA. Fu nel 1847 che Nathan S. Davis fondò l’American Medical Association, nell’ambito della Academy of Natural Sciences, a Filadelfia. L’associazione stilò nello stesso anno un documento sui requisiti della formazione del medico ed un codice di etica medica. Una delle prime fondamentali questioni
affrontate dalla neonata società fu la lotta ai ciarlatani che anche a quel tempo promettevano miracoli circa la salute dei cittadini; nel 1849 l’AMA costituì un comitato di medici dedicato proprio a contrastare il fenomeno della “quackery” in medicina. Nello stesso anno, il fondatore dell’AMA ottenne una cattedra di fisiologia e patologia alla Rush Medical School di Chicago; dopo meno di un decennio, Davis lasciò l’incarico per fondare una nuova scuola, che nel 1892 sarebbe diventata la Northwestern University Medical School. L’organo ufficiale dell’associazione fu fondato nel 1883 e, neanche a dirlo, Nathan Davis fu il primo direttore. Cinque anni dopo, la società iniziò ad elargire grant per la ricerca medico-scientifica. Il JAMA è dunque l’organo ufficiale della American Medical Association. Per questa ragione, ha un ruolo delicato, di non facile gestione anche per le leadership più carismatiche. Tra i temi che più spesso la rivista ha deciso di approfondire in questi ultimi anni segnaliamo il conflitto di interessi in medicina e la revisione critica della letteratura biomedica.

Del JAMA vanno ricordati, tra i numerosi meriti, l’impegno per accrescere la consapevolezza degli utenti dei servizi sanitari e le competenze del medico riguardanti la valutazione critica delle informazioni mediche. In chiusura di ogni fascicolo della rivista è ospitata la “Patient’s page”: poche righe che spiegano in modo estremamente sintetico un problema clinico, una specifica attività di medicina preventiva, utilizzando parole semplici, frasi brevi, messaggi chiari e univoci. E’ un esempio di corretta “divulgazione” medica.

Dettagli

Editore: American Medical Association
Fondazione: 1883
Periodicità: settimanale
Abbreviazione: JAMA
Issn: 0098-7484 (P); 1538-3598 (E)
Abstract | Indexing: ndex Medicus, MEDLINE, PubMed, Chemical Abstracts Service - CASSI, Thomson Reuters (Science Citation Index, Current Contents/Clinical Medicine, Current Contents/Life Sciences, BIOSIS Previews, SciSearch).
Impact factor: 30.387 (2013)
Argomento: Medicina generale,

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Bolland MJ, Grey A, Avenell A. Effects of vitamin D supplementation on musculoskeletal health: a systematic review, meta-analysis, and trial sequential analysis. Lancet Diabetes Endocrinol 2018. 10.1016/S2213-8587(18)30265-1.

Drucker AM et al. Treatments of primary basal cell carcinoma of the skin: a systematic review and network meta-analysis. Ann Intern Med 2018 ;169:456-466.

Heath L et al. Cumulative antidepressant use and risk of dementia in a prospective cohort study. J Am Geriatr Soc 2018 Sep 17. doi: 10.1111/jgs.15508. [Epub ahead of print]

Belleudi V et al. Neonatal outcomes following new reimbursement limitations on palivizumab in Italy. Archives of Disease in Childhood. Published Online First: 14 September 2018. doi: 10.1136/archdischild-2018-315349.

National Institute for Health and Care Excellence. Chronic heart failure in adults: diagnosis and management (NICE guideline NG106) 2018.

Howard HD. Trends in the use of knee arthroscopy in adults. JAMA Intern Med. Published online September 24, 2018. doi:10.1001/jamainternmed.2018.4175.

McNeil JJ et al. Effect of aspirin on all-cause mortality in the healthy elderly. September 16, 2018. DOI: 10.1056/NEJMoa1803955.

Gallus S et al. effect of tobacco smoking cessation on C-reactive protein levels in a cohort of low-dose computed tomography screening participants. Scientific Reports 2018;8(1):12908.

Rankin  A, et al. Interventions to improve the appropriate use of polypharmacy for older people. Cochrane Database of Systematic Reviews 2018, Issue 9. Art. No.: CD008165.

BD 2016 Alcohol Collaborators. Alcohol use and burden for 195 countries and territories, 1990–2016: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2016. Published online: August 23, 2018. DOI: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31310-2.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.