BAL Lazio

Speciale autismo

Autismo | Terapia farmacologica

Pubblicato venerdì 2 ottobre 2015

Al momento non vi è alcuna terapia farmacologica specifica per i deficit socio-comunicativi degli ASD; gli psicofarmaci sono utilizzati per trattare i sintomi concomitanti di iperattività, irritabilità e aggressività, spesso in associazione con approcci comportamentali ed educativi. Vari studi suggeriscono che almeno il 50% delle persone con ASD assume psicofarmaci durante l’arco di vita, seppure siano ancora relativamente scarsi gli studi condotti con la metodologia di studio controllato randomizzato (RCT).

Uno studio di Mohiuddin e Ghaziuddin1 ha revisionato gli studi sull’uso di farmaci psicotropi in persone con ASD, esaminando gli studi clinici controllati condotti nel periodo 1990-2010. Su 105 studi identificati per la revisione, solo 24 sono stati condotti con una metodologia di studio controllato randomizzato. I farmaci che sono stati studiati rientrano principalmente nelle categorie degli antipsicotici (tipici e atipici), antidepressivi (in particolare gli SSRI, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) e gli stimolanti (in particolare il metilfenidato), oltre agli stabilizzatori dell’umore. Gli studi hanno generalmente evidenziato l’efficacia, seppur con alcune limitazioni, dei farmaci psicotropi nel trattamento della sintomi/disturbi associati ad ASD, con la notevole eccezione dello studio con il citalopram. Gli autori sottolineano la necessità di studi sull’efficacia e la sicurezza a lungo termine.

McPheeters et al.2 hanno individuato undici studi RCT, condotti con bambini al di sotto dei 12 anni. Sette studi RCT riguardavano gli antipsicotici (quattro il risperidone, due l’aripiprazolo, e uno l’aloperidolo); tre i farmaci antidepressivi (due studi hanno esaminato l’uso di fluvoxamina, fluoxetina e clomipramina e uno il citalopram) e uno gli stimolanti (il metilfenidato).

I farmaci antipsicotici atipici (risperidone e aripiprazolo) sono risultati efficaci nel ridurre i comportamenti problematici e ripetitivi nei bambini con autismo.

I dati su SSRI e stimolanti sono ancora poco consistenti. Gli SSRI possono ridurre i comportamenti ripetitivi, la rigidità cognitivocomportamentale, i sintomi ossessivo-compulsivi, oltre che i disturbi d’ansia o depressivi in comorbilità, anche se i dati devono essere confermati da ulteriori ricerche.

L’effetto degli stimolanti (ad esempio metilfenidato) sui sintomi di un disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD) in comorbilità con autismo richiede più studi, ma i dati nel complesso sono incoraggianti e l’uso di questi farmaci è raccomandato in varie linee-guida. Il metilfendato sembra essere efficace per l’iperattività, l’impulsività e l’inattenzione in comorbilità ad autismo3. Alcuni studi sembrano evidenziare l’efficacia dell’atomoxetina nel trattamento dell’ADHD in comorbilità4.

I dati su adolescenti e su adulti (13-30 anni) sono ancora insufficienti5. Gli antipsicotici atipici (in particolare il risperidone) sembrano però evidenziare, anche in questa fascia di età, una modesta efficacia nel trattamento dei problemi comportamentali; sono stati segnalati effetti avversi come sedazione e aumento di peso. Il rischio di effetti avversi, soprattutto a lungo termine, è oggetto di studi.

Vanno inoltre segnalati alcuni protocolli terapeutici che comprendono l’uso di psicofarmaci per disturbi associati all’autismo, come i disturbi del sonno6 e la catatonia7.

Infine, sono attualmente allo studio farmaci che hanno come obiettivo differenti sistemi neurotrasmettitori (ad esempio ossitocina, farmaci glutammergici, colinergici)8.

Nel loro insieme, dunque, i risultati suggeriscono che i farmaci psicotropi sono efficaci per alcuni sintomi/disturbi in comorbilità, in una porzione di pazienti con autismo. Diversi fattori sottolineano la necessità di un loro uso cauto. In primo luogo, i sintomi di autismo non sono solo difficili da misurare ma anche tendono a cambiare nel tempo; inoltre, essi sono spesso complicati da condizioni in comorbilità quali ritardo mentale, comportamento aggressivo, epilessia, ecc.

In secondo luogo, la maggior parte degli studi ha utilizzato campioni di dimensioni modeste o escluso pazienti con disturbi associati. In terzo luogo, relativamente poco si sa circa gli effetti collaterali a lungo termine di farmaci, come gli agenti antipsicotici atipici.

Molte persone con autismo seguono interventi biomedici della medicina complementare e alternativa (CAM); alcuni possono essere sufficientemente sicuri (melatonina, vitamine, acidi grassi omega-3), ma la loro efficacia non è stata dimostrata. Altre terapie, come la chelazione, la terapia iperbarica, la somministrazione endovenosa di immunoglobuline, i famaci antimicoti hanno tutti gravi problemi di sicurezza senza alcuna evidenza di benefici9-10.

Il trattamento con la secretina non ha evidenzato alcun effetto terapeutico11.

In sintesi, nonostante il loro uso diffuso, non esistono farmaci che siano specifici per i sintomi nucleari dell’autismo. In complesso i farmaci, se utilizzati all’interno di un progetto terapeutico complessivo, pur assicurando una risposta sintomatica modesta, possono migliorare sensibilmente l’efficacia degli interventi psicosociali e la qualità della vita.

Bibliografia

  1. Mohiuddin S, Ghaziuddin M (2013). Psychopharmacology of autism spectrum disorders: a selective review. Autism 17(6): 645-54.
  2. McPheeters ML, Warren Z, Sathe N, et al. (2011) A systematic review of medical treatments for children with autism spectrum disorders. Pediatrics 127: e1312-21.
  3. Mahajan R, Bernal MP, Panzer R, et al. (2012) Clinical practice pathways for evaluation and medication choice for attention deficit/hyperactivity disorder symptoms in autism spectrum disorders. Pediatrics 130 (Suppl 2): S125-38.
  4. Harfterkamp M, van de Loo-Neus G, Minderaa RB, et al. (2012). A randomized double-blind study of atomoxetine versus placebo for attentiondeficit/ hyperactivity disorder symptoms in children with autism spectrum disorder. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry 51: 733-41.
  5. Dove D, Warren Z, McPheeters ML, Taylor JL, Sathe NA, Veenstra-Vander Weele J (2012). Medications for adolescents and young adults with autism spectrum disorders: a systematic review. Pediatrics 130(4): 717-26.
  6. Malow BA, Byars K, Johnson K, et al. (2012). A practice pathway for the identification, evaluation, and management of insomnia in children and adolescents with autism spectrum disorders. Pediatrics 130 (Suppl 2): S106-24.
  7. Mazzone L, Postorino V, Valeri G, Vicari S (2014). Catatonia in patients with autism: prevalence and management. CNS Drugs 28(3): 205-15.
  8. Farmer C, Thurm A, Grant P (2013). Pharmacotherapy for the core symptoms in autistic disorder: current status of the research. Drugs 73: 303-14.
  9. Akins RS, Angkustsiri K, Hansen RL (2010). Complementary and alternative medicine in autism: an evidence-based approach to negotiating safe and efficacious interventions with families. Neurotherapeutics 2010; 7: 307-19.
  10. Anagnostou E, Hansen R (2011). Medical treatment overview: traditional and novel psycho-pharmacological and complementary and alternative medications. Curr Opin Pediatr 2011; 23: 621-7.
  11. Krishnaswami S, McPheeters ML, Veenstra-Vanderweele JA (2011). Systematic review of secretin for children with autism spectrum disorders. Pediatrics 127: e1322-5.

Da: Valeri G, Vivanti G. (2015). I disturbi dello spettro autistico. In: Vicari S, Vitiello B, eds. Terapia integrata in psichiatria dell’età evolutiva. Roma, Il Pensiero Scientifico Editore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Adjuvant chemotherapy guided by a 21-gene expression assay in breast cancer
Sparano AJ et al.
The New England Journal of Medicine

Prophylactic vaccination against human papillomaviruses to prevent cervical cancer and its precursors
Arbyn M et al.
Cochrane Database of Systematic Reviews

Population-based cohort study on comparative effectiveness and safety of biologics in inflammatory bowel disease
Di Domenicantonio et al.
Clinical Epidemiology

Aspirin or Rivaroxaban for VTE prophylaxis after hip or knee arthroplasty
Anderson DR et al.
The New England Journal of Medicine

Incremental effects of antihypertensive drugs: instrumental variable analysis
Markovitz AA et al.
BMJ

Upright versus lying down position in second stage of labour in nulliparous women with low dose epidural: BUMPES randomised controlled trial
The Epidural and Position Trial Collaborative Group
BMJ

What evidence affects clinical practice? An analysis of Evidence-Based Medicine commentaries
Coombs C et al.
Evidence-Based Medicine

Gastric microbial community profiling reveals a dysbiotic cancer-associated microbiota
Ferreira RM et al.
Gut

Hormone Therapy for the Primary Prevention of Chronic Conditions in Postmenopausal WomenUS Preventive Services Task Force Recommendation Statement
US Preventive Services Task Force
JAMA

Effect of treatment delay on the effectiveness and safety of antifibrinolytics in acute severe haemorrhage: a meta-analysis of individual patient-level data from 40 138 bleeding patients.
Antifibrinolytic Trials Collaboration
Lancet

Prevalence of asthma-like symptoms with ageing
Jarvis D et al.
Thorax

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.