BAL Lazio

Aree tematiche

Acido gamma-idrossibutirrico (GHB) per il trattamento dell’astinenza da alcol e la prevenzione delle ricadute

Pubblicato lunedì 9 Gennaio 2017

Leone MA, Vigna-Taglianti F, Avanzi G, Brambilla R, Faggiano F. Gamma-hydroxybutyrate (GHB) for treatment of alcohol withdrawal and prevention of relapses. Cochrane Database of Systematic Reviews 2010, Issue 2. Art. No.: CD006266. DOI: 10.1002/14651858.CD006266.pub2.

Background
Il consumo cronico ed eccessivo di alcol può portare alla dipendenza e alla sindrome da astinenza da alcol (AWS) in caso di brusca interruzione dell’assunzione dell’alcol stesso. L’acido gamma-idrossibutirrico (GHB) può prevenire e sopprimere i sintomi astinenziali e migliorare i tassi di astinenza a medio termine. Tuttavia, non è ancora stata fatta una stima chiara dei suoi effetti positivi e negativi.

Obiettivi
Valutare l’efficacia e la tollerabilità del trattamento con GHB per la sindrome di astinenza da alcol e per prevenire le ricadute.

Strategia di ricerca
Sono state ricercate le seguenti banche dati elettroniche fino a ottobre 2008: Il registro specializzato del Gruppo Cochrane Droghe e Alcol, PubMed, EMBASE, CINHAL e EconLIT (dal 1969 fino a febbraio 2008). Per reperire ulteriori studi sono stati ricercati i riferimenti bibliografici degli articoli reperiti attraverso le strategie di ricerca.

Criteri di selezione degli studi
Studi controllati randomizzati (RCT) e studi di coorte prospettici che valutavano l’efficacia e la sicurezza del GHB nel confronto col placebo o con altri trattamenti farmacologici.

Raccolta e analisi dei dati
Tre autori hanno in modo indipendente estratto i dati e valutato la qualità degli studi.

Risultati principali
Tredici studi controllati randomizzati, 648 partecipanti, hanno soddisfatto tutti i criteri necessari per essere inclusi nella revisione. Undici di questi studi sono stati condotti in Italia.

Rispetto al trattamento della sindrome astinenziale, nel confronto tra GHB 50 mg e il placebo, i risultati di un solo studio, con 23 partecipanti, sono in favore del GHB per quanto attiene ai sintomi astinenziali: MD -12.1 (95% IC da -15.9 a -8.29), ma gli effetti collaterali non gravi erano più frequenti nel gruppo trattato con GHB: 7/11 partecipanti del gruppo GHB accusavano vertigini rispetto a 0/12 del gruppo placebo, RR 16.2 (95% IC da 1.04 a 254.9).

Nel confronto tra GHB 50 mg e clormetiazolo (anticonvulsivo), i risultati di un solo studio, con 21 partecipanti, sono favorevoli al GHB per i sintomi astinenziali: MD -3.40 (95% IC da -5.09 a -1.71), per quanto attiene agli effetti collaterali, i risultati di un altro studio con 98 partecipanti sono in favore del clormetiazolo: RR 1.84 (95% IC da 1.19 a 2.85).

Rispetto ai risultati a medio termine, nel confronto tra GHB 50 mg e il placebo, uno studio, 71 partecipanti, è in favore del GHB per il tasso di astinenti: RR 5.35 (95% IC da 1.28 a 22.4), il controllo dell’assunzione di alcol: RR 2.13 (95% IC da 1.07 a 5.54), le ricadute: RR 0.36 95% (IC da 0.21 a 0.63) e il numero di bevande alcoliche assunte quotidianamente: MD -4.60 (95% IC da -6.18 a -3.02).

Per quanto attiene al numero di astinenti, il GHB è risultato più efficace del naltrexone a tre mesi, 2 studi, 64 partecipanti: RR 2.59 (95% IC da 1.35 a 4.98), mentre nel confronto col disulfiram a 12 mesi, il risultato non raggiunge la significatività statistica pur mostrando un trend in favore del GHB: RR 1.66 (95% IC da 0.99 a 2.80).

L’associazione di GHB più escitalopram era più efficace dell’escitalopram da solo per il numero di persone astinenti, 1 studio, 23 partecipanti, a 3 mesi RR 2.02 (IC da 1.03 a 3.94) e a 6 mesi RR 4.58 (IC da 1.28 a 16.5). Per quanto attiene al craving, misurato con l’Alcohol Craving Scale, i risultati erano in favore del GHB a 3 mesi rispetto al placebo, 1 studio, 71 partecipanti, MD -4.50 (IC da -5.81 a -3.19) e a 12 mesi rispetto al disulfiram, 1 studio, 41 partecipanti MD -1.40 (IC da -1.86 a -0.94).

L’ associazione GHB più naltrexone (NTX) risulta più efficace del NTX da solo per l’astinenza a tre mesi in uno studio con 35 partecipanti: RR 12.3 (95% IC da 1.79 a 83.9). L’associazione di GHB più escitalopram era più efficace dell’escitalopram da solo per il numero di persone astinenti, 1 studio, 23 partecipanti, a 3 mesi RR 2.02 (95% IC da 1.03 a 3.94) e a 6 mesi RR 4.58, (95% IC da 1.28 a 16.5).

Per quanto attiene al craving, misurato con l’Alcohol Craving Scale, i risultati erano in favore del GHB a 3 mesi rispetto al placebo, 1 studio, 71 partecipanti, MD -4.50 (95% IC da -5.81 a -3.19) e a 12 mesi rispetto al disulfiram, 1 studio, 41 partecipanti MD -1.40 (95% IC da -1.86 a -0.94).

Tutti gli altri confronti non davano risultati statisticamente significativi per nessuno degli esiti considerati.

Conclusioni degli autori
I risultati da studi controllati randomizzati sono insufficienti per dimostrare una differenza tra il GHB e il placebo in termini di efficacia e sicurezza o per valutare l’efficacia relativa del GHB rispetto ad altri trattamenti farmacologici per il trattamento dell’astinenza e la prevenzione delle ricadute. Le poche prove disponibili suggeriscono che il GHB 50 mg potrebbe essere più efficace del placebo per il trattamento dell’astinenza e per prevenire, al follow up di tre mesi, le ricadute e il craving in persone già disintossicate. I risultati della revisione non offrono prove in favore o contro l’uso del GHB rispetto alle benzodiazepine e al clormetiazolo per il trattamento della sindrome astinenziale. Comunque il GHB sembra essere meglio del naltrexone e del disulfiram nel prevenire il carving e le ricadute a medio termine (da 3 a 12 mesi). Gli eventi avversi non sono diversi da quelli sperimentati con benzodiazepine, naltrexone o disulfiram. Questi risultati vanno considerati anche tenendo conto delle preoccupazioni esistenti circa il rischio di diventare dipendenti da GHB o di farne un uso improprio o abuso, soprattutto per le persone dipendenti da più sostanze, e pertanto si suggerisce di utilizzare il GHB solo sotto stretta sorveglianza medica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Collaborative Group on Hormonal Factors in Breast Cancer. Type and timing of menopausal hormone therapy and breast cancer risk: individual participant meta-analysis of the worldwide epidemiological evidence. Lancet 2019;394(10204):1159-68.

Vinogradova Y et al. Use of hormone replacement therapy and risk of breast cancer: nested case-control studies using the QResearch and CPRD databases. BMJ 2020; 371 :m3873

Gibbison B al. Prophylactic corticosteroids for paediatric heart surgery with cardiopulmonary bypass. Cochrane Database of Systematic Reviews 2020, Issue 10.

Hartmann‐Boyce  J, McRobbie  H, Bullen  C, Begh  R, Stead  LF, Hajek  P. Electronic cigarettes for smoking cessation. Cochrane Database of Systematic Reviews 2016, Issue 9. Art. No.: CD010216. DOI:

Miovský M et al. Attention Deficit Hyperactivity Disorder among clients diagnosed with a substance use disorder in the therapeutic communities: prevalence and psychiatric comorbidity. Eur Addict Res 2020.

Ortel TL et al. American Society of Hematology 2020 guidelines for management of venous thromboembolism: treatment of deep vein thrombosis and pulmonary embolism. Blood Adv 2020; 4(19): 4693-4738.

Chu JJ et al. Mifepristone and misoprostol versus misoprostol alone for the management of missed miscarriage (MifeMiso): a randomised, double-blind, placebo-controlled trial. Lancet 2020 Sep 12;396(10253):770-778.

Vodicka TA et al. Reducing antibiotic prescribing for children with respiratory tract infections in primary care: a systematic review. Br J Gen Pract 2013;63(612):e445-54.

Dominici F, et al. Air pollution, SARS-CoV-2 transmission, and COVID-19 outcomes: a state-of-the-science review of a rapidly evolving research area. medRxiv 2020. doi: https://doi.org/10.1101/2020.08.16.20175901

Marion M Mafham et al. COVID-19 pandemic and admission rates for and management of acute coronary syndromes in England. Lancet 2020;S0140-6736(20)31356-8.

Orkaby AR. Association of statin use with all-cause and cardiovascular mortality in US veterans 75 years and older. JAMA 2020;324(1):68-78

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.