BAL Lazio

Aree tematiche

Analgesici oppioidi in gravidanza e rischio di sindrome da astinenza neonatale

Pubblicato venerdì 29 Maggio 2015

Un ampio studio di coorte statunitense, pubblicato sul BMJ, indica che il rischio di sindrome da astinenza neonatale (SAN) è superiore nelle donne che usano oppioidi come analgesici per lunghi periodi, in presenza di fattori di rischio aggiuntivi, tra i quali una storia di abuso o di dipendenza da oppiacei, di abuso di alcol o di altri farmaci, in caso di esposizione a farmaci psicotropi non oppiacei durante una fase avanzata della gravidanza, e se la donna fuma. In confronto, l’uso per brevi periodi di oppioidi durante la gravidanza è associato a un rischio inferiore di partorire bambini con SAN, in assenza di fattori di rischio aggiuntivi.

Lo studio ha identificato 290 605 donne che hanno fatto uso di oppioidi come analgesici durante la gravidanza; in questo gruppo sono stati identificati 1705 casi di SAN, corrispondenti a un rischio assoluto di 5.9 per 1000 parti. Rischio assoluto di SAN legato all’uso di oppiacei per un periodo lungo ( ≥30 giorni) / breve (<30 giorni), per 1000 parti: 220.2/192.0 in caso di abuso di oppiacei; 30.8 / 7.0 in caso di abuso di alcol o di altri farmaci non oppiacei; 13.1/2.0 in caso di esposizione ad altri farmaci psicotropi; 6.6 /1.5 in caso di fumo; 4.2/0.7 in assenza di tali fattori di rischio.

Gli autori dello studio evidenziano che esiste una relazione dose-risposta tra uso di oppioidi come analgesici durante la gravidanza e rischio di SAN. L’uso per lunghi periodi e in una fase avanzata della gravidanza comporta più rischi rispetto all’uso per brevi periodi e nella fase iniziale della gravidanza. In assenza di fattori di rischio, l’uso di oppioidi è associato ad un basso rischio di SAN. Sempre secondo gli autori dell’articolo, una strategia ragionevole per minimizzare i rischi potrebbe essere di ridurre al minimo la prescrizione di oppioidi nell’ultimo trimestre di gravidanza.

Per approfondire

Sul sito curato dall’AIFA www.farmaciegravidanza.gov.it sono disponibili informazioni sull’uso degli analgesici in gravidanza. “L’analgesico comunemente impiegato in gravidanza è il paracetamolo”, si legge in una notizia AIFA, “che non va somministrato in associazione con pseudoefedrina, aspirina o altri FANS. Acido acetilsalicilico, Ibuprofene e Indometacina (FANS) sono farmaci di seconda scelta da utilizzare, per brevi periodi e al dosaggio minimo efficace, in caso di resistenza alla terapia con paracetamolo; da evitare nel terzo trimestre di gravidanza per gli effetti sulla circolazione fetale.” Per i profili di beneficio/rischio dei medicinali oppioidi definiti alla luce delle più recenti evidenze scientifiche, indirizziamo alle schede su codeina e morfina, realizzate dal Comitato Scientifico della Campagna “Farmaci e gravidanza”.

AIFA: Aumenta il consumo di antidolorifici oppiodi. Il trattamento del dolore in gravidanza, 30/01/2015

Fonti:
Desai RJ, Huybrechts KF, Hernandez-Diaz S, Mogun H, Patorno E, Kaltenbach K, Kerzner LS, Bateman BT. Exposure to prescription opioid analgesics in utero and risk of neonatal abstinence syndrome: population based cohort study. BMJ 2015;350:h2102

Tagged , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine