BAL Lazio

Aree tematiche

Comunità terapeutiche per i disturbi da uso di sostanze

Pubblicato giovedì 2 Febbraio 2017

Smith LA, Gates S, Foxcroft D. Therapeutic communities for substance related disorder. Cochrane Database of Systematic Reviews 2006, Issue 1. Art.No.CD005338. DOI: 10.1002/14651858.CD005338.pub2.

Background
Le Comunità Terapeutiche (CT) sono un trattamento popolare per la riabilitazione dei tossicodipendenti negli Stati Uniti e in Europa.

Obiettivi
Determinare l’efficacia delle CT rispetto ad altri trattamenti per le persone dipendenti da sostanze e verificare se l’efficacia è influenzata dalle caratteristiche dei pazienti o dal tipo di trattamento offerto.

Strategia di ricerca
Sono state cercate: Il Registro Centrale Cochrane degli studi controllati (The Cochrane Library Issue 2, 2005); MEDLINE, EMBASE, Psycinfo, CINAHL, SIGLE dal loro inizio fino a marzo 2004. Inoltre sono state ispezionate le referenze degli articoli reperiti attraverso le strategie di ricerca.

Criteri di selezione degli studi
Studi controllati randomizzati che confrontavano CT con altri trattamenti, nessun trattamento, un tipo diverso di CT.

Raccolta ed analisi dei dati
Due autori hanno in modo indipendente letto gli abstract; la qualità metodologica degli studi è stata valutata utilizzando la checklist del Gruppo Cochrane Droghe e Alcol. Se possibile, i dati sono stati sintetizzati statisticamente usando rischi relativi (RR) e differenze tra medie (MD), altrimenti sono stati riportati narrativamente come riferiti negli studi.

Risultati principali
Sono stati inclusi sette studi. Le differenze fra gli studi hanno impedito sintesi statistiche dei risultati, i risultati vengono presentati quindi per singolo studio. CT verso comunità residenziale: nessuna differenza significativa rispetto al completamento del trattamento. Trattamento residenziale verso CT diurna: tassi di abbandoni (prime due settimane), e tassi di astinenti a 6 mesi significativamente più bassi nel gruppo in trattamento residenziale. Standard CT verso CT breve e potenziata: numero di persone con un impiego maggiore nel gruppo standard CT: RR 0.78 (95% IC da 0.63 a 0.96). CT modificata 3 mesi verso 6 mesi, e standard CT 6 mesi verso 12: numero di persone che completavano il trattamento più alto nel programma di 3 mesi e tassi di ritenzione in trattamento (40 giorni) significativamente più alti nelle CT a 12 mesi piuttosto che a 6 mesi.

Due studi valutavano l’intervento CT in prigione: uno studio, confrontandolo con nessun trattamento, riportava nel gruppo CT un numero più basso di re-incarcerazioni a 12 mesi dopo il rilascio: RR 0.68 (95% IC da 0.57 a 0.81). Nell’altro studio, nel confronto con Programmi di Salute Mentale, la CT in prigione, 12 mesi dopo il rilascio, evidenziava un numero più basso di re-incarcerazioni RR 0.28 (95% IC da 0.13 a 0.63), di attività criminali: RR 0.69 (95% CIC da 0.52 a 0.93) e di reati legati all’uso di alcol e droghe: RR 0.62 (95% IC da 0.43 a 0.90).

Conclusioni degli autori
Vi sono deboli prove circa l’efficacia degli interventi di comunità terapeutica confrontati con altri trattamenti residenziali, o di un tipo di comunità terapeutica rispetto a un’altra. L’intervento di CT in prigione può essere più efficace degli interventi di salute mentale nel prevenire l’attività criminale dopo la scarcerazione. In ogni caso i limiti metodologici degli studi possono aver introdotto distorsioni e non si possono trarre delle conclusioni certe a causa delle limitate prove disponibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine