Home > Notizie > Aree tematiche > Dipendenze > Disturbo da uso di oppioidi: c’è il farmaco…

Disturbo da uso di oppioidi: c’è il farmaco ma mancano i prescrittori

Nonostante le prove che il farmaco buprenorfina/naloxone tratti in modo efficace il disturbo da uso di oppioidi (OUD), solo un sesto dei medici del Texas intervistati nel 2019 e a inizio 2020 lo stava prescrivendo, in base a uno studio dell’Università del Texas Health Science Center di San Antonio pubblicato JAMA Network Open.

“La Food and Drug Administration statunitense ha approvato la buprenorfina nel 2002. È il 2022 e vediamo ancora problemi”, spiega Jennifer Sharpe Potter, un’autrice dello studio. “Purtroppo, i nostri dati sono coerenti con i rapporti che utilizzano altri metodi che suggeriscono che la mancanza di prescrittori certificati è un problema nazionale”.

Il Drug Addiction Treatment Act (DATA) del 2000 ha permesso agli operatori sanitari di ottenere una “X-waiver” per prescrivere la buprenorfina. Per essere idonei i medici dovevano completare 8 ore di formazione qualificata, mentre gli altri, inclusi assistenti medici, infermieri specialisti clinici e infermieri, dovevano completarne 24.

I ricercatori di UT Health San Antonio hanno inviato la survey a oltre 600 operastori sanitari che hanno frequentato corsi di formazione X-waiver offerti in tutto lo stato tra marzo 2019 e febbraio 2020. Il team ha ricevuto risposte da 126 operatori (81 medici, 37 infermieri e 8 assistenti medici).

Tra i 126 intervistati, meno della metà (61) aveva ricevuto una X-waiver dopo aver frequentato la formazione. Di questi, poco più di un terzo stava prescrivendo buprenorfina. Solo il 17% degli intervistati (22 su 126) stava prescrivendo il farmaco salvavita dopo aver frequentato la formazione X-waiver. Insomma la formazione X-waiver è soltanto una parte del puzzle quando si tratta di capire il tipo di barriere che i medici devono superare per iniziare a prescrivere la buprenorfina.

Durante la pandemia di covid-19, nell’aprile 2021, lo U.S. Department of Health and Human Services degli Stati Uniti ha pubblicato nuove linee guida pratiche per ridurre l’onere di formazione per il trattamento del disturbo da uso di oppioidi con buprenorfina. Secondo il sito della US Substance Abuse and Mental Health Services Administration, le linee guida riviste “esentano i professionisti idonei dai requisiti di certificazione relativi alla formazione e alla fornitura di servizi psicosociali, che erano precedentemente necessari quando si somministrava o si prescriveva buprenorfina per il trattamento di OUD a meno di 30 pazienti”.

Gli ostacoli all’adozione citati dagli intervistati includevano “complessità del processo di rinuncia all’X”, “mancanza percepita di supporto professionale e rete di riferimento” e “Iniziare con la prescrizione di buprenorfina”.

“Il mancato trattamento dell’OUD è parte del motivo per cui abbiamo l’attuale tasso di morti per overdose”, commentano gli autori. “Se intendiamo affrontare i livelli epidemici di sovradosaggio da farmaci negli Stati Uniti, dobbiamo implementare un approccio globale che includa anche rendere più facile per i medici il trattamento dell’OUD e ridurre gli oneri legati alla fornitura di questo livello di assistenza”, proseguono.

Fonte
Lanham HJ et al. Survey of barriers and facilitators to prescribing buprenorphine and clinician perceptions on the drug addiction treatment act of 2000 waiver. JAMA Netw Open 2022;5(5):e2212419.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *