BAL Lazio

Aree tematiche

Interventi psicologici associati o meno a trattamenti farmacologici per smettere di fumare e prevenire le ricadute

Pubblicato giovedì 16 Febbraio 2017

9 revisioni valutano questo tipo di interventi: 8 per smettere di fumare e 1 per prevenire le ricadute. La maggior parte degli interventi studiati si è dimostrata efficace, mentre per pochi è impossibile trarre conclusioni circa l’utilità dell’intervento studiato sulla base dei dati disponibili.

Interventi dimostratesi di qualche utilità
Interventi di tipo comportamentale.
2 revisioni valutano l’efficacia di questo intervento per smettere di fumare. Una revisione (Lancaster 2009), con 30 RCT inclusi, valuta l’efficacia del counselling comportamentale, dimostrando che questo intervento aumenta il numero di persone che smettono sia rispetto agli interventi minimi, 22 studi, 9587 partecipanti, RR 1.39 (95%IC da 1.24 a 1.57) che associata alla NRT rispetto alla NRT da sola, 4 studi, 1732 partecipanti, RR 1.27 (95%IC da 1.02 a 1.59). Un’altra revisione (Stead 2008), 53 RCT inclusi, valuta l’efficacia delle terapie comportamentali di gruppo dimostrando che, per smetter di fumare, essa risulta più efficace degli interventi di auto-aiuto, 13 studi, 4375 partecipanti, RR 1.98 (95%IC da 1.60 a 2.46) e di nessun intervento, 8 studi, 1040 partecipanti, RR 2.71 (95%IC da 1.84 a 3.97); se confrontata con la terapia individuale, non si evidenziano differenze statisticamente significative tra i due interventi, né la terapia di gruppo sembra migliorare l’efficacia della terapia sostitutiva con nicotina.

Intervista motivazionale. 1 revisione (Lai 2010), 14 RCT inclusi, considera l’efficacia dell’intervista motivazionale per smettere di fumare, concludendo che può aiutare a smettere di fumare se confrontata con interventi brevi o di routine, 14 studi, 10538 partecipanti, RR 1.27 (95%IC da 1.14 a 1.42), ma i risultati vanno interpretati con cautela a causa della variabilità della qualità degli studi, della fedeltà al tipo di intervento e alla possibilità di bias di pubblicazione e nel riportare le misure di risultato. Un’altra revisione (Grimhaw 2010) considera l’efficacia dell’intervista motivazionale per aiutare i giovani a smettere di fumare evidenziando che approcci complessi mostrano di essere efficaci per la prevalenza di giovani astinenti a 30 giorni e a 6 mesi, soprattutto quelli che includono approcci motivazionali e comportamentali, 5 studi, 1419 partecipanti, RR 1.93 (95%IC da 1.28 a 2.90), tuttavia le prove disponibili non consentono di individuare un unico intervento da implementare. Gli autori sottolineano che per questo tipo di popolazione continua a esservi bisogno di grossi trial ben disegnati e condotti.

Interventi di auto-aiuto e counselling telefonico. Una revisione (Lancaster 2009), 68 studi inclusi, considera diverse forme di materiale di auto-aiuto: manuali, videocassette o cassette audio consegnate ai fumatori, contenenti informazioni sui danni del fumo e strategie per smettere di fumare, più recentemente sono disponibili anche programmi per computer. Il materiale di auto-aiuto risulta leggermente più efficace di nessun intervento, 19 studi, 22337 partecipanti, RR 1.24 (IC95% 1.11- 1.39), mentre non vi sono evidenze che l’intervento di auto aiuto associato ad altri quali avviso da parte di sanitari o NRT, ne potenzi l’efficacia. Il materiale mirato per singoli individui è più efficace di quello generico, 25 studi, 28189 partecipanti, RR 1.31 (95%IC da 1.20 a 1.42). Un’altra revisione (Stead 2009), 48 studi inclusi, valuta l’efficacia di interventi di counselling telefonico evidenziando che il counselling telefonico prolungato aiuta i fumatori interessati a smettere, 9 studi, 24904 partecipanti, RR 1.37 (95%IC da 1.26 a 1.50). Un protocollo con una – due chiamate è meno efficace. Un protocollo di tre – quattro chiamate è più efficace della semplice offerta di materiale di auto-aiuto, 27 studi, 16194 partecipanti, RR 1.34 (95%IC da 1.22 a 1.47), consiglio breve, 9 studi, 2953 partecipanti, RR 1.38 (95%IC da 1.14 a 1.68) e terapia farmacologia, 9 studi, 5664 partecipanti RR 1.16 (95%IC da 1.03 a 1.32).

Interventi per cui non è possibile trarre conclusioni circa l’utilità
Interventi di tipo comportamentale.
Hajek 2009, 54 RCT inclusi, valuta questo intervento rispetto alla sua capacità di prevenire le ricadute sottolineando che, al momento, non vi sono evidenze sufficienti che sostengono l’uso di specifici interventi comportamentali per la prevenzione delle ricadute.

Intervista motivazionale. Cahill 2010, 41 RCT inclusi, valuta l’efficacia di vari interventi confrontandoli tra loro stessi a seconda che considerino lo stadio motivazionale, cioè il livello attuale di motivazione dei partecipanti oppure no, e conclude che vi sono poche differenze significative tra gli interventi di auto-aiuto ed il counselling individuale. entrambi basati sul livello motivazionale, e gli stessi interventi quando non considerano il livello di motivazione del soggetto. Il valore additivo di adattare l’intervento allo stato di motivazione di chi vuole smettere è incerto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine