BAL Lazio

Aree tematiche

Naltrexone a rilascio prolungato per la dipendenza da oppiacei

Pubblicato giovedì 19 Gennaio 2017

Lobmaier P, Kornor H, Kunoe N, Bjørndal A. Sustained-release naltrexone for opioid dependence. Cochrane Database of Systematic Reviews 2008, Issue 2. Art. No.: CD006140. DOI: 10.1002/14651858.CD006140.pub2.

Background
Il naltrexone è un antagonista degli oppiacei che blocca in modo efficace gli effetti dell’eroina. Poiché il trattamento con naltrexone per via orale si accompagna ad alti tassi di abbandono del trattamento, si stanno studiando altre modalità quali la somministrazione per via iniettiva e gli impianti a rilascio prolungato. Le formulazioni a rilascio prolungato si sono affermate come efficaci, ma manca una revisione sistematica della letteratura disponibile.

Obiettivi
Valutare l’efficacia del naltrexone a rilascio prolungato per la dipendenza da oppiacei e gli effetti collaterali prodotti in differenti tipi di popolazione.

Strategia di ricerca
Sono stati ricercati i seguenti database fino a marzo 2007: Il Registro Cochrane dei trial controllati, MEDLINE, EMBASE, CINAHL, LILACS, PsycINFO, ISI Web of Science. Per reperire ulteriori studi sono stati ricercati i riferimenti bibliografici degli articoli, web site rilevanti, il registro dei trial http://www.clinicaltrials.gov, atti di Convegni, (Annual Meetings of the College on Problems of Drug Dependence (CPDD), Annual Meetings of the American Academy of Addiction Psychiatry (AAAP). Sono stati inoltre ricercati i riferimenti bibliografici degli studi, le revisioni pubblicate, i siti web rilevanti. Le case farmaceutiche e gli autori degli studi sono stati contattati per ottenere eventuali trial non pubblicati.

Criteri di selezione degli studi
Per valutare l’efficacia sono stati inclusi solo RCT. Per valutare la sicurezza sono stati valutati tutti gli studi clinici. La condizione di trattamento è stata estesa per includere anche persone dipendenti da alcol e volontari sani.

Raccolta e analisi dei dati
Gli autori indipendentemente hanno valutato gli studi per l’inclusione e la loro qualità metodologica ed estratto i dati. Sono state fatte analisi separate pei i dipendenti da oppiacei, i dipendenti da alcol ed i soggetti sani.

Risultati principali
Per l’efficacia dell’intervento solo uno studio ha soddisfatto i criteri di inclusione. In questo studio due dosaggi di naltrexone depot (192 e 384 mg) erano confrontati col placebo. Le alte dosi miglioravano significativamente i giorni in trattamento se paragonate col placebo: WMD 21.00 (95% IC da 10.68 a 31.32, p<0.0001). Anche le alte dosi confrontate con le basse dosi miglioravano significativamente i giorni in trattamento: WMD 12.00 (95% IC da 1.69 a 22.31, p=0.02). Per gli effetti collaterali, 17 studi sono stati inclusi, di questi 6 erano RCT.  In generale gli eventi avversi erano più frequenti nei gruppi trattati con naltrexone depot rispetto a quelli trattati con placebo. Nei pazienti alcolisti, gli eventi avversi erano più frequenti nei gruppi trattati con bassi dosaggi di naltrexone depot rispetto al placebo: RR 1.18 (95% IC da 1.02 a 1.36, p=0.02). Nei pazienti dipendenti da oppiacei, le differenze tra i gruppi non erano statisticamente significative.  In generale, comunque, i dati sugli effetti collaterali erano scarsi ed eterogenei.

Conclusioni degli autori
Le evidenze disponibili sono insufficienti per valutare l’efficacia del naltrexone a rilascio prolungato nel trattamento della dipendenza da oppiacei. Per quanto attiene la somministrazione di naltrexone per via iniettiva, sono stati osservati effetti avversi nella sede dell’iniezione, ma essi sembrano poco frequenti e di breve durata. Per una valutazione rischi-benefici degli impianti di naltrexone a rilascio prolungato, sono necessari nuovi studi che forniscano dati sugli effetti collaterali avversi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Hillis S, Unwin J, Cluver L, et al. Children: the hidden pandemic 2021: a joint report of COVID-19-associated orphanhood and a strategy for action. Lancet 2021; 398:391-402.

Fu M, Naci H, Booth CM, et al. Real-world use of and spending on new oral targeted cancer drugs in the US, 2011-2018. JAMA Intern Med 2021 Oct 18; doi:10.1001/jamainternmed.2021.5983

Addis A, Amato L, Cruciani F, et al. The Standard of Care definitions on COVID-19 pharmacological clinical trials: A systematic review. Frontiers in Pharmacology 2021;2712.

Grummitt LR et al. Association of childhood adversity with morbidity and mortality in US adults: a systematic Review. JAMA Pediatr. Published online October 04, 2021.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine