BAL Lazio

Notizie

Amianto e salute pubblica: sfide nazionali e globali

Pubblicato mercoledì 22 Aprile 2015

Quale il ruolo degli scienziati nella difesa dell’integrità della scienza e delle politiche sanitarie in materia di salute pubblica?

Interverrà sull’argomento Kathleen Ruff (International Joint Policy Committee of Societies of Epidemiology, IJPC-SE), il 5 maggio, all’Istituto Superiore di Sanità (Aula Bovet, ore 15,00 – 17,00): l’attivista è stata protagonista di una campagna di advocacy che è riuscita a sconfiggere l’industria dell’amianto in Canada. L’esperta canadese ha lavorato nel campo dei diritti umani per molti anni. Il rapporto che stilò nel 2008 Exporting Harm: How Canada markets asbestos to the developing world portò all’attenzione pubblica il ruolo del Canada nell’esportazione dell’amianto e nel finanziamento della propaganda a favore della sua produzione. Nel 2011 ricevette il Canadian Public Health Association’s National Public Health Hero Award per il suo impegno contro la distorsione da parte dell’industria delle evidenze scientifiche e per porre termine all’esportazione di amianto dal Canada. Nel 2013 il Collegium Ramazzini le ha conferito il premio speciale per il suo impegno nell’eliminazione dell’uso dell’amianto e per promuovere migliori protezioni occupazionali e ambientali in tutto il mondo. I suoi scritti sono stati pubblicati sui principali mezzi di informazione e riviste scientifiche.

Aprirà il seminario Pietro Comba, Istituto Superiore di Sanità (Dipartimento di Epidemiologia ambientale). Le conclusioni saranno affidate a Francesco Forastiere (Centro Operativo Regionale del Lazio, Dipartimento di Epidemiologia S.S.R – Regione Lazio): in occasione del recente incontro “Per una Regione libera dall’amianto” ha illustrato alcuni dati sull’incidenza del mesotelioma maligno (MM) nel Lazio basati sul Registro Regionale dei mesoteliomi maligni attivo dal 2007 e ha condiviso alcune importanti informazioni: la latenza tra l’esposizione e la malattia è di circa 40 anni e stime recenti indicano che il picco di mesoteliomi in Italia avverrà tra il 2015 ed il 2024. Il divieto di produzione e impiego dell’amianto risale al 1992 (Legge 257/92) ma le procedure di dismissione dell’amianto sono ancora molto indietro e sono esse stesse la causa di dispersione di amianto nell’ambiente. Una parte della popolazione è ancora esposta in modo indiretto perché lavora in ambienti in cui era già installato. A cosa serve un registro? “L’attività del registro si conferma fondamentale”, scrive Forastiere, “perché consente di migliorare le conoscenze sull’eziologia e sulla diagnosi del MM il che ha ovviamente importanti implicazioni sulla prevenzione, sul trattamento e sul riconoscimento previdenziale della patologia.”

Raccolta dati, prevenzione, provvedimenti normativi, campagne internazionali: sono tutti interventi che convergono a tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente contro i danni che l’amianto continua a provocare.

Asbestos and public health: national and global challenges
Martedì 5 maggio, ore 15,00 – 17,00.
Roma, Istituto Superiore di Sanità, Aula Bovet, Viale Regina Elena 299
Info: daniela.marsili@iss.it
Locandina: Asbestos and Public Health (PDF 277 KB)

Per approfondire:
Incidenza di mesotelioma nel Lazio, anno 2014. Rapporto sulla incidenza di mesotelioma nel Lazio, anno 2014, curato dal Centro Operativo Regionale (C.O.R.) Lazio – Tumori Professionali.
Tumori professionali e registro mesoteliomi (DEP Lazio) istituito presso il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale del Lazio (DGR n. 438 del 18/07/2006 e DGR 177 del 27/03/2009).
Per una Regione libera dall’amianto. Verso una nuova legge nel Lazio, 04/02/15 – Consiglio regionale del Lazio. La presentazione di Francesco Forastiere COR LAZIO tumori professionali.
Corfiati M, Scarselli A, Binazzi A et al. Epidemiological patterns of asbestos exposure and spatial clusters of incident cases of malignant mesothelioma from the Italian national registry. BMC Cancer. 2015 Apr 15;15(1):286.

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Fontanella CA et al. Association of cannabis use with self-harm and mortality risk among youths with mood disorders. JAMA Pediatr. Published online January 19, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2020.5494

Goldenberg JZ et al. Efficacy and safety of low and very low carbohydrate diets for type 2 diabetes remission: systematic review and meta-analysis of published and unpublished randomized trial data. BMJ 2021;372:m4743

Huang J, Yang F, Chien W, et al. Risk of substance use disorder and its associations with comorbidities and psychotropic agents in patients with autism. JAMA Pediatr. Published online January 04, 2021.

Ezekowitz JA et al. Is there a sex gap in surviving an acute coronary syndrome or subsequent development of heart failure? Circulation, 30 november 2020.

Collaborative Group on Hormonal Factors in Breast Cancer. Type and timing of menopausal hormone therapy and breast cancer risk: individual participant meta-analysis of the worldwide epidemiological evidence. Lancet 2019;394(10204):1159-68.

Vinogradova Y et al. Use of hormone replacement therapy and risk of breast cancer: nested case-control studies using the QResearch and CPRD databases. BMJ 2020; 371 :m3873

Gibbison B al. Prophylactic corticosteroids for paediatric heart surgery with cardiopulmonary bypass. Cochrane Database of Systematic Reviews 2020, Issue 10.

Hartmann‐Boyce  J, McRobbie  H, Bullen  C, Begh  R, Stead  LF, Hajek  P. Electronic cigarettes for smoking cessation. Cochrane Database of Systematic Reviews 2016, Issue 9. Art. No.: CD010216. DOI:

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.