BAL Lazio

Notizie

Anoressia nervosa e gravidanza: prime linee guida

Pubblicato martedì 3 Maggio 2022

Sono state pubblicate su Lancet Psychiatry le prime linee guida complete per la gestione delle donne con anoressia nervosa in gravidanza.

L’anoressia nervosa in gravidanza è una causa di rischio aumentato di nati morti, bambini sottopeso o di parti pretermine, ma finora non esistevano linee guida chiare e specifiche sulla gestione della condizione.

“L’anoressia in gravidanza ha rappresentato un’area trascurata dell’assistenza clinica perché molti credevano che solo le donne in remissione rimanessero incinte, ed è chiaro che non è così”, spiega Megan Galbally (Centre of Women’s and Children’s Mental Health at Monash University School of Clinical Sciences, Melbourne, Australia).

Negli ultimi 3 o 4 anni, c’è stato un “forte aumento delle donne che si presentano in gravidanza con un indice di massa corporea (BMI) molto basso e anoressia nervosa che richiedono un trattamento”, aggiunge Galbally.

Nonostante la complessità della gestione dell’anoressia in gravidanza, sono disponibili pochi studi sull’assistenza. In una revisione sistematica i ricercatori hanno identificato soltanto otto studi che hanno affrontato la gestione in gravidanza. E in più si trattava di case-studies o case-report che esaminavano aspetti circoscritti della gestione delle pazienti.

Per migliorare i risultati gli autori hanno condotto una revisione più approfondita contemplando anche discipline e aree di competenza rilevanti per la gestione dell’anoressia nervosa in gravidanza. Poi hanno sintetizzato i risultati in “raccomandazioni e principi” per la cura multidisciplinare delle donne in gravidanza con anoressia nervosa.

È emerso che l’anoressia nervosa in gravidanza è associata a maggiori rischi di complicanze e a esiti peggiori per i bambini. Inoltre è stato osservato che indici tradizionali come l’IMC sono meno accurati in gravidanza per valutare la gravità o l’andamento dell’anoressia nervosa. Il meccanismo attraverso il quale l’anoressia si ripercuote sulla gravidanza consiste in: basso apporto calorico, carenze nutrizionali e vitaminiche, stress, digiuno, massa corporea ridotta e scarsa placentazione e funzione uteroplacentare.

Quindi l’anoressia nervosa in gravidanza, sottolineano gli autori, richiede un’assistenza multidisciplinare che tenga conto dei cambiamenti fisiologici delle donne e dei requisiti per il monitoraggio della crescita e dello sviluppo fetale.

Le raccomandazioni minime per il monitoraggio includono:

  • Concentrazione di sodio, potassio, magnesio, fosfato e cloruro
  • Ferro, vitamina D e densità minerale ossea, concentrazione di zucchero nel sangue (a digiuno o casuale) e A1c
  • Funzionalità epatica (inclusi bilirubina, aspartato transaminasi, alanina aminotransferasi e gamma-glutamil transferasi) e funzionalità del midollo osseo (inclusi esame del sangue completo, conta leucocitaria, conta dei neutrofili, piastrine ed emoglobina)
  • Marcatori infiammatori (proteina C-reattiva e velocità di eritrosedimentazione)
  • Funzione cardiaca (elettrocardiogramma ed ecocardiogramma)
  • Pressione arteriosa, frequenza cardiaca (sdraiata e in piedi) e temperatura corporea

“Anche se abbiamo fornito alcune raccomandazioni, l’assistenza richiede comunque un notevole adattamento alle presentazioni e alle circostanze individuali e questo è meglio farlo con un servizio di maternità che gestisce altre gravidanze ad alto rischio, ad esempio i team di medicina materno-fetale”, ha spiegato Galbally, “è importante che i servizi per la gravidanza ad alto rischio e la salute mentale lavorino insieme per migliorare l’assistenza alle donne con anoressia in gravidanza”.

Fonte
Galbally M, Himmerich H, Senaratne S, Fitzgerald P, Frost J, Woods N, Dickinson JE. Management of anorexia nervosa in pregnancy: a systematic and state-of-the-art review. Lancet Psychiatry. 2022 May;9(5):402-412. doi: 10.1016/S2215-0366(22)00031-1. Epub 2022 Mar 24. PMID: 35339207.

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine