BAL Lazio

Notizie

Antibiotico? Sì, grazie!

Pubblicato giovedì 25 Ottobre 2018

Uno studio recente conferma ciò che ogni clinico accorto sa già benissimo. Le infezioni del tratto respiratorio sono per lo più di natura virale e raramente giustificano il trattamento con antibiotici. Molti pazienti che cercano assistenza si aspettano però di ricevere un antibiotico. Quando gliene viene prescritto uno, sono più felici che se non avviene.

Lo studio ha considerato pazienti che hanno ricevuto cure per un’infezione del tratto respiratorio in un servizio di telemedicina. È stato quindi valutato il numero di prescrizioni di un antibiotico, la prescrizione di altri farmaci o nessuna prescrizione. La soddisfazione dei pazienti è stata misurata attraverso l’uso di una scala a 5 stelle, dove 5 è il valore di massima soddisfazione.

Tra i 8437 pazienti (incontri completati tra il 1° gennaio 2013 e il 31 agosto 2016) che hanno ricevuto cure per un’infezione del tratto respiratorio da parte di 85 medici, al 66,1% è stato prescritto un antibiotico.

Il tasso aggiustato di prescrizione di antibiotici (per caratteristiche del paziente e del medico) da parte dei medici variava dal 19% al 90% (range 56-77%), dimostrando che queste non erano decisioni basate su dati concreti. E le valutazioni di soddisfazione sono fortemente correlate con i tassi di prescrizione di antibiotici (correlazione di Pearson, 0,41;  p <0,001).

La maggioranza degli incontri (87%) è stato giudicato con il massimo punteggio di soddisfazione. Nessun medico nella metà inferiore dei prescrittori ha superato il 75° percentile riguardo la soddisfazione del paziente. Pochi medici hanno raggiunto il 50° percentile mantenendo bassi tassi di prescrizione di antibiotici. Quasi tutti i medici sopra il 90° percentile avevano un tasso di prescrizione di antibiotici superiore al 75%.

Non è la prima volta che emergono dati di questo tipo. In uno studio precedente, confrontando il caso di antibiotici immediati rispetto a quelli differiti (insieme a un intervento educativo), i pazienti con la prescrizione immediata avevano molte più probabilità di essere soddisfatti delle loro cure, anche se i risultati clinici erano, non sorprendentemente, uguali nei due gruppi.

Jeffrey Linder – che studia la prescrizione appropriata di antibiotici a livello ambulatoriale – ricorda che non tutti gli studi dimostrano questa correlazione tra prescrizione di antibiotici e soddisfazione del paziente. Ma, ciononostante, il suo gruppo ha dimostrato che molte prescrizioni di antibiotici non sono state fatte nel contesto di una visita al paziente, e , tra l’altro, spesso per diagnosi non ancora legate all’infezione.

Qual è il modo più rapido per i medici, soprattutto nell’urgenza e in telemedicina, per ottenere punteggi più alti nella soddisfazione del paziente? Nella nostra società dominata dall’“azione”, premia di più “fare qualcosa” (antibiotici, antidolorifici, ausili per il sonno, risonanza magnetica) piuttosto che “nulla” (osservazione). Ci vuole energia e tempo per spiegare perché l’osservazione è spesso la scelta giusta…

Fonte
Little P et al. Information leaflet and antibiotic prescribing strategies for acute lower respiratory tract infectiona randomized controlled trial. JAMA 2005;293(24):3029-3035.
Martinez KA et al. Association between antibiotic prescribing for respiratory tract infections and patient satisfaction in direct-to-consumer telemedicine. JAMA Intern Med. Published online October 01, 2018.

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Zichi C et al. Adoption of multiple primary endpoints in phase III trials of systemic treatments in patients with advanced solid tumours. A systematic review. Eur j Canc 2021;149:49-60.

Seidler AN et al.; on behalf of the International Liaison Committee On Resuscitation Neonatal Life Support Task Force. Umbilical cord management for newborns <34 weeks' gestation: a meta-analysis. Pediatrics 2021; 147 (3) e20200576.

Gabrhelík R et al. Cannabis use during pregnancy and risk of adverse birth outcomes: a longitudinal cohort study. Eur Addict Res 2020. doi: 10.1159/000510821e

Ouldali N et al. Association of intravenous immunoglobulins plus methylprednisolone vs immunoglobulins alone with course of fever in multisystem inflammatory syndrome in children. JAMA. February 1, 2021. Epub ahead of print. doi:10.1001/jama.2021.0694

Freedman RA et al. Individualizing surveillance mammography for older patients after treatment for early-stage breast cancer: multidisciplinary expert panel and International Society of Geriatric Oncology Consensus Statement. JAMA Oncol. Published online January 28, 2021. doi:10.1001/jamaoncol.2020.7582

Fontanella CA et al. Association of cannabis use with self-harm and mortality risk among youths with mood disorders. JAMA Pediatr. Published online January 19, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2020.5494

Goldenberg JZ et al. Efficacy and safety of low and very low carbohydrate diets for type 2 diabetes remission: systematic review and meta-analysis of published and unpublished randomized trial data. BMJ 2021;372:m4743

Huang J, Yang F, Chien W, et al. Risk of substance use disorder and its associations with comorbidities and psychotropic agents in patients with autism. JAMA Pediatr. Published online January 04, 2021.

Ezekowitz JA et al. Is there a sex gap in surviving an acute coronary syndrome or subsequent development of heart failure? Circulation, 30 november 2020.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.