BAL Lazio

Notizie

Antidepressivi e demenza negli anziani

Pubblicato mercoledì 10 Ottobre 2018

Con l’eccezione della paroxetina, l’uso a lungo termine della maggior parte degli antidepressivi non aumenta il rischio di demenza, queste solo le conclusioni a cui giunge una recente ricerca pubblicata sul Journal of American Geriatrics Society.

I risultati vengono da uno studio di coorte prospettico che ha coinvolto 3059 anziani (età ˃65 anni) che hanno ricevuto assistenza presso il Kaiser Permanente Washington, un servizio di assistenza sanitaria no profit statunitense. I partecipanti hanno usato inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI) come la paroxetina, antidepressivi triciclici e antagonisti della serotonina e inibitori del reuptake (SARI). I ricercatori hanno utilizzato i dati di Kaiser Permanente per calcolare l’esposizione cumulativa ai farmaci, definita come dosi giornaliere standardizzate totali (TSDD), su finestre temporali di 10 anni. Il TSDD è stato categorizzato in: nessun uso, da 1 a 90, da 91 a 365, da 366 a 1,095, e >1,095 (>3 anni di uso giornaliero).

Durante un periodo medio di follow-up di 7,7 anni, il 25,3% dei partecipanti ha sviluppato demenza e il 21,5% ha sviluppato una possibile o probabile malattia di Alzheimer. In generale non è stato trovato alcun legame tra le varie classi di antidepressivi e il rischio di demenza, indipendentemente dall’esposizione cumulativa agli antidepressivi.

C’è stata soltanto un’eccezione. Rispetto all’assenza di uso di antidepressivi, la paroxetina è stata associata a un aumentato rischio di demenza con qualsiasi esposizione (0-90 TSDD: HR=1,69, 95% IC = 1,18-2,42; 91-365 TSDD: HR=1,40, IC 95%=0,88-2,23; 366-1095 TSDD: HR=2,13, IC 95%=1,32-3,43; ≥1095 TSDD: HR=1,42, IC 95%=0,82-2,46). Analizzando i dati relativi ai partecipanti con depressione (n=1,210), l’uso di paroxetina è stata associata ad un rischio ancora più alto di demenza rispetto al non uso.

Gli autori, sulla base di questi risultati, hanno suggerito che il farmaco possa aumentare il rischio di demenza indipendentemente dalla durata dell’uso e hanno quindi avvertito i prescrittori di usare cautela nel prescriverlo agli anziani, soprattutto quelli affetti da depressione.

Al contrario, i SARI come il trazodone erano legati a un rischio di demenza lievemente ridotto. Le proprietà neuroprotettive del trazodone sono emerse in fase preclinica, ma sono necessarie ulteriori indagini per confermare l’associazione.

“I farmaci non anticolinergici più usati in età avanzata non sembrano essere associati al rischio di demenza”, hanno concluso gli autori. “Tuttavia la paroxetina e altri antidepressivi anticolinergici possono rappresentare delle eccezioni negli individui più anziani”.

Fonte
Heath L et al. Cumulative antidepressant use and risk of dementia in a prospective cohort study. J Am Geriatr Soc 2018 Sep 17. doi: 10.1111/jgs.15508. [Epub ahead of print]

Tagged ,

One thought on “Antidepressivi e demenza negli anziani”

  1. Giampietro ha detto:

    molto interessante e puntuale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine