BAL Lazio

Notizie

Antidepressivi e demenza negli anziani

Pubblicato mercoledì 10 Ottobre 2018

Con l’eccezione della paroxetina, l’uso a lungo termine della maggior parte degli antidepressivi non aumenta il rischio di demenza, queste solo le conclusioni a cui giunge una recente ricerca pubblicata sul Journal of American Geriatrics Society.

I risultati vengono da uno studio di coorte prospettico che ha coinvolto 3059 anziani (età ˃65 anni) che hanno ricevuto assistenza presso il Kaiser Permanente Washington, un servizio di assistenza sanitaria no profit statunitense. I partecipanti hanno usato inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI) come la paroxetina, antidepressivi triciclici e antagonisti della serotonina e inibitori del reuptake (SARI). I ricercatori hanno utilizzato i dati di Kaiser Permanente per calcolare l’esposizione cumulativa ai farmaci, definita come dosi giornaliere standardizzate totali (TSDD), su finestre temporali di 10 anni. Il TSDD è stato categorizzato in: nessun uso, da 1 a 90, da 91 a 365, da 366 a 1,095, e >1,095 (>3 anni di uso giornaliero).

Durante un periodo medio di follow-up di 7,7 anni, il 25,3% dei partecipanti ha sviluppato demenza e il 21,5% ha sviluppato una possibile o probabile malattia di Alzheimer. In generale non è stato trovato alcun legame tra le varie classi di antidepressivi e il rischio di demenza, indipendentemente dall’esposizione cumulativa agli antidepressivi.

C’è stata soltanto un’eccezione. Rispetto all’assenza di uso di antidepressivi, la paroxetina è stata associata a un aumentato rischio di demenza con qualsiasi esposizione (0-90 TSDD: HR=1,69, 95% IC = 1,18-2,42; 91-365 TSDD: HR=1,40, IC 95%=0,88-2,23; 366-1095 TSDD: HR=2,13, IC 95%=1,32-3,43; ≥1095 TSDD: HR=1,42, IC 95%=0,82-2,46). Analizzando i dati relativi ai partecipanti con depressione (n=1,210), l’uso di paroxetina è stata associata ad un rischio ancora più alto di demenza rispetto al non uso.

Gli autori, sulla base di questi risultati, hanno suggerito che il farmaco possa aumentare il rischio di demenza indipendentemente dalla durata dell’uso e hanno quindi avvertito i prescrittori di usare cautela nel prescriverlo agli anziani, soprattutto quelli affetti da depressione.

Al contrario, i SARI come il trazodone erano legati a un rischio di demenza lievemente ridotto. Le proprietà neuroprotettive del trazodone sono emerse in fase preclinica, ma sono necessarie ulteriori indagini per confermare l’associazione.

“I farmaci non anticolinergici più usati in età avanzata non sembrano essere associati al rischio di demenza”, hanno concluso gli autori. “Tuttavia la paroxetina e altri antidepressivi anticolinergici possono rappresentare delle eccezioni negli individui più anziani”.

Fonte
Heath L et al. Cumulative antidepressant use and risk of dementia in a prospective cohort study. J Am Geriatr Soc 2018 Sep 17. doi: 10.1111/jgs.15508. [Epub ahead of print]

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.