BAL Lazio

Notizie

Buprenorfina e disturbo da uso di oppiacei: strategie per diffondere le prescrizioni

Pubblicato lunedì 3 Gennaio 2022

Una ricerca della Perelman School of Medicine (Pennsylvania University) dimostra come un programma per incrementare l’avvio di trattamenti con buprenorfina per il disturbo da uso di oppiacei nei dipartimenti di emergenza ha portato a un aumento del suo uso di sei volte in tre ospedali di Penn Medicine. Facendo uso di varie strategie – dagli incentivi finanziari per i medici a formarsi per il trattamento del disturbo da uso di oppiacei a una connessione automatizzata con specialisti del recupero tra pari – il programma non solo è stato in grado di aumentare i tassi di trattamento con buprenorfina sin dall’inizio, ma ha sostenuto anche il cambiamento.

Per fornire questo farmaco potenzialmente salvavita ai pazienti, i ricercatori hanno prima dovuto semplificare la prescrizione della buprenorfina aumentando la percentuale di medici autorizzati a prescriverla.  Il team ha anche aumentato la motivazione e influenzato le norme sociali condividendo le storie di successo dei pazienti e congratulandosi pubblicamente con i medici che iniziavano il trattamento.

La capacità di prescrivere è stato il primo passo. Il passo successivo è stato identificare i pazienti, quindi collegarli al trattamento in corso. È stato sviluppato un sistema per identificare automaticamente i pazienti tramite cartelle cliniche elettroniche e collegarli immediatamente a specialisti del recupero tra pari per guidare l’assistenza sia in ospedale che nei passaggi successivi verso il recupero.

E da marzo 2017 a luglio 2020 i miglioramenti si sono visti: il tasso di pazienti con disturbo da uso di oppiacei nei dipartimenti di emergenza che ricevevano buprenorfina è salito dal 3% al 23%. In altre parole un aumento del 25% della probabilità che un paziente ricevesse buprenorfina durante la visita al pronto soccorso.

E non si è trattato di risultati temporanei: il tasso di utilizzo è stato costantemente sostenuto ed è anche aumentato un anno dopo l’entrata in vigore delle modifiche. Inoltre il numero di medici che hanno prescritto buprenorfina almeno una volta è balzato dal 7 al 70%.

“Il fatto che alcuni medici del nostro gruppo siano stati in grado di fornire questo trattamento basato sull’evidenza a più della metà dei loro pazienti mentre altri la possibilità di farlo, ma non l’hanno mai fatto, ha mostrato che c’era molto più lavoro da fare per spingere i medici e rendere l’offerta di questo trattamento un processo standardizzato”, ha spiegato l’autore M. Kit Delgado.

Questa ampia variabilità è il motivo che ha spinto il team di ricerca a intraprendere un altro studio che ha coinvolto un focus group di 29 medici e infermieri del dipartimento di emergenza. I risultati sono stati pubblicati su NEJM Catalyst.

Uno dei punti principali riguardava l’identificazione dei pazienti: il processo automatizzato descritto nel primo studio non trovava tutti i pazienti idonei a iniziare il trattamento perché l’algoritmo non era così specifico o sensibile come avrebbe dovuto essere. Lo studio ha anche scoperto che tutti i membri del team del pronto soccorso hanno sostenuto il coinvolgimento degli infermieri nell’identificazione dei pazienti attraverso lo screening universale durante il tradizionale processo di triage. L’automazione potrebbe ancora svolgere un ruolo, ma è stata più utile dopo l’identificazione dei pazienti per attivare suggerimenti rivolti a medici, infermieri e specialisti del recupero tra pari e guidare la cura.

Fonte
Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Hillis S, Unwin J, Cluver L, et al. Children: the hidden pandemic 2021: a joint report of COVID-19-associated orphanhood and a strategy for action. Lancet 2021; 398:391-402.

Fu M, Naci H, Booth CM, et al. Real-world use of and spending on new oral targeted cancer drugs in the US, 2011-2018. JAMA Intern Med 2021 Oct 18; doi:10.1001/jamainternmed.2021.5983

Addis A, Amato L, Cruciani F, et al. The Standard of Care definitions on COVID-19 pharmacological clinical trials: A systematic review. Frontiers in Pharmacology 2021;2712.

Grummitt LR et al. Association of childhood adversity with morbidity and mortality in US adults: a systematic Review. JAMA Pediatr. Published online October 04, 2021.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine