Home / Notizie / Capire il long covid

Capire il long covid

Il rischio di sviluppare long covid è significativamente più basso dopo un’infezione con la variante Omicron rispetto alle varianti precedenti di coronavirus. È quanto emerge da uno studio dell’Università di Medicina di Halle pubblicato sull’International Journal of Infectious Diseases.

Sono state esaminate le informazioni raccolte sulla storia sull’infezione di 11.000 persone, sullo stato delle vaccinazioni e sui sintomi post-infezione.

Dopo un’infezione da Omicron è risultato che il rischio era da tre a quattro volte inferiore rispetto a un’infezione con la variante wild-type. In quest’ultimo caso circa la metà di tutti gli individui colpiti ha riportato sintomi persistenti. Va notato comunque che la maggior parte delle infezioni si è verificata mentre Omicron era dominante. “In termini puramente numerici, ciò significa che la maggior parte delle persone ha sviluppato il covid a lungo termine in seguito a un’infezione da Omicron”, spiega Sophie Diexer (Università di Medicina di Halle e autrice dello studio).

Lo studio fornisce inoltre prove evidenti di un effetto protettivo una volta che il paziente si è ripreso da un’infezione da coronavirus. “Le persone che non hanno sviluppato sintomi persistenti dopo l’infezione iniziale avevano un rischio significativamente inferiore di sviluppare long covid dopo la reinfezione rispetto alle persone che sono state infettate dal coronavirus per la prima volta. Siamo rimasti sorpresi dall’entità di questo effetto”, continua la Diexer. Ma gli scienziati non sono stati in grado di dimostrare che il vaccino avesse un effetto protettivo contro il long covid.

Lo studio si basa sul progetto DigiHero condotto in tutta la Germania, a cui hanno partecipato più di 48.000 persone fino a giugno 2022. “Gli studi hanno già esaminato la relazione tra il rischio di long covid e le diverse varianti, ma nessuno ha preso in considerazione la storia dell’infezione”, spiega Rafael Mikolajczyk, direttore dell’Istituto di epidemiologia medica dell’Università di Medicina di Halle. “Tra gli intervistati, circa 11.000 hanno segnalato almeno un’infezione da coronavirus avvenuta nelle dodici settimane precedenti la raccolta dei dati per il nostro studio. La classificazione si basava sulla variante dominante al momento dell’infezione segnalata”. I partecipanti sono stati consultati su 24 tipici sintomi del long covid, con 2.822 persone che hanno riferito di aver manifestato sintomi di quel tipo. Di queste 406 (14%) hanno riferito di provare notevole affaticamento, 237 (8%) forti mal di testa e 202 (7%) grave mancanza di respiro. L’intensità dei sintomi non era correlata alla variante del coronavirus.

Attualmente sono in corso dei follow-up per raccogliere elementi sulla persistenza dei sintomi di long covid. “Oltre ai possibili sintomi a lungo termine conseguenti a un’infezione da coronavirus, DigiHero sta affrontando un’ampia gamma di problemi sanitari e altri impatti della pandemia di COVID-19”, aggiunge Mikolajczyk. Sulla base di DigiHero, l’Università di Medicina di Halle ha anche lanciato il registro Long COVID in collaborazione con l’Università di Magdeburgo Otto von Guericke e l’Ospedale Rechts der Isar della Scuola di Medicina TUM. Il registro si occupa non soltanto dei sintomi, ma anche della loro progressione, gravità e alleviamento attraverso terapie specifiche.

Fonte
Diexer S et al. Association between virus variants, vaccination, previous infections, and post covid-19 risk. Int J Infect Dis 2023:S1201-9712(23)00702-6.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *