BAL Lazio

Notizie

Cistectomia radicale e chemioterapia: differenze di genere

Pubblicato lunedì 13 Gennaio 2020

Sulla rivista Clinical Genitourinary Cancer sta per essere pubblicata una revisione sistematica sistematica sugli studi che hanno riguardato l’effetto del genere sulla risposta chemioterapica e sugli esiti oncologici dopo cistectomia radicale e chemioterapia perioperatoria.

Sono vari i tumori con differenze di incidenza, diagnosi e sopravvivenza tra uomini e donne (per esempio, quello del colon retto, del polmone e quello testa-collo), differenze che hanno contribuito alla creazione di raccomandazioni specifiche per genere in oncologia.

Nel caso del carcinoma della vescica i pazienti maschi presentano un rischio 3-4 volte maggiore di sviluppare il tumore rispetto alle controparti femminili. Tra l’altro l’incidenza di UCB è aumentata del 25% più velocemente negli uomini rispetto alle donne negli ultimi dieci anni. Nonostante questa evidente disparità di genere nell’epidemiologia del carcinoma della vescica, ci sono evidenze che le donne presentino stadi di malattia più avanzati al momento della diagnosi primaria e possano avere esiti peggiori rispetto ai loro omologhi maschi. Di conseguenza il genere è stato incluso come prognostico per gli esiti del carcinoma della vescica nei vari tool predittivi.

Restava da chiarire l’effetto del genere sulla risposta chemioterapica e sugli esiti oncologici dopo cistectomia radicale (RC) e chemioterapia perioperatoria, problema di cui si è occupata la revisione sistematica di Kimura e colleghi. Sono stati selezionati 15 studi pubblicati tra il 2008-2019. Nel caso dei pazienti che avevano ricevuto la chemioterapia neoadiuvante (NAC), il genere femminile non era associato a una risposta completa (OR 0,94; IC 95%, 0,69 -1,26) né a una risposta completa o parziale (OR 0,96; IC 95%, 0,73-1,27). Inoltre, le pazienti che erano state sottoposte a RC e NAC avevano con maggiore probabilità tassi migliori di recidiva della malattia e di mortalità cancro-specifica rispetto ai pazienti maschi (HR 0,66; IC 95% 0,44-0,98; e HR 0,49; IC 95%, 0,29-0,81, rispettivamente). Per i pazienti che erano stati sottoposti a chemioterapia adiuvante, il genere femminile non era associato a mortalità complessiva (FC aggregata, 1,15; IC 95%, 0,7-1,89), recidiva della malattia (HR aggregata, 0,95; IC 95%, 0,74-1,23) e a mortalità specifica per cancro (HR aggregata, 1,07; IC 95%, 0,81-1,43). Infine le pazienti con carcinoma della vescica sembravano trarre maggiori benefici dalla NAC rispetto alle controparti maschili.

Fonte
Kimura S et al. Impact of gender on chemotherapeutic response and oncologic outcomes in patients treated with radical cystectomy and perioperative chemotherapy for bladder cancer: a systematic review and meta-analysis. Clin Genitourin Cancer. 2019 Dec 5. pii: S1558-7673(19)30358-1. doi: 10.1016/j.clgc.2019.11.007. [Epub ahead of print]

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Razaz N et al. Association between Apgar scores of 7 to 9 and neonatal mortality and morbidity: population based cohort study of term infants in Sweden. BMJ 2019; 365:1656.

Razaz N et al One-minute and five-minute Apgar scores and child developmental health at 5 years of age: a population-based cohort study in British Columbia, Canada BMJ Open 2019;9:e027655.

European Association for the Study of Obesity. Pregnant women who were overweight children are at increased risk of developing hypertensive disorders.

Spinelli A et al. Prevalence of severe obesity among primary school children in 21 european countries. Obes Facts 2019;12:244-258.

Akyea RK et al. Sub-optimal cholesterol response to initiation of statins and future risk of cardiovascular disease. Heart Published Online First: 15 April 2019. doi: 10.1136/heartjnl-2018-314253.

Qaseem A et al.; for the Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Screening for breast cancer in average-risk women: a guidance statement from the american college of physicians. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M18-2147.

Elmore JG, Lee CI. A guide to a guidance statement on screening guidelines. Ann Intern Med. [Epub ahead of print 9 April 2019] doi: 10.7326/M19-0726.

Feldman AG et al. Incidence of hospitalization for vaccine-preventable infections in children following solid organ transplant and associated morbidity, mortality, and costs. JAMA Pediatr. 2019 Jan 14. [Epub ahead of print]

Feldman AG et al. Hospitalizations for respiratory syncytial virus and vaccine-preventable infections in the first 2 years after pediatric liver transplant. J Pediatr 2017;182:232-238.e1.

Feldman AG et al. Immunization practices among pediatric transplant hepatologists. Pediatr Transplantation 2016;20:1038-1044.

Rubin LG et al.; Infectious Diseases Society of America. 2013 IDSA clinical practice guideline for vaccination of the immunocompromised host. Clin Infect Dis 2014;58(3):e44-100.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.