BAL Lazio

Notizie

Colica ureterale: farmaco e placebo a confronto

Pubblicato mercoledì 2 Settembre 2015

La terapia medica espulsiva in caso di colica ureterale è efficace? La risposta è negativa, secondo uno studio britannico, multicentrico randomizzato, controllato con placebo.

Lo studio. Per lo studio Spontaneous Urinary Stone Passage Enabled by Drugs (SUSPEND) sono stati arruolati 1136 soggetti provenienti da 24 ospedali britannici, di età compresa tra 18 e 65 anni, con un calcolo ureterale di dimensioni pari o inferiori a 10 mm; i pazienti sono stati randomizzati a ricevere per 4 settimane tamsulosina, nifedipina o placebo. Come esito principale dello studio è stato osservato il passaggio spontaneo del calcolo, definito come l’assenza di ulteriori trattamenti per eliminare i calcoli.

A 4 settimane dall’inizio dello studio, non è stata osservata nessuna differenza tra i diversi gruppi: 307 (81%) dei 378 partecipanti nel gruppo trattato con tamsulosina non necessitavano di nessun intervento confrontato con 304 (80%) dei 379 partecipanti nel gruppo trattato con nifedipina e con 303 (80%) dei 379 partecipanti del gruppo placebo. Riassumendo, il trattamento con tamsulosina o la nifedipina per 4 settimane non diminuisce la necessità di ulteriori trattamenti per eliminare i calcoli.

Il genere del paziente, la dimensione e la localizzazione del calcolo non avevano alcun effetto sugli esiti; nei tre gruppi di trattamento, inoltre, erano simili anche l’uso di analgesici, il tempo necessario per l’espulsione del calcolo e lo stato generale di salute. Come si legge sul Journal Watch del NEJM, “questo studio non solo dimostra chiaramente l’inefficacia della terapia medica espulsiva per i calcoli ureterali, ma riafferma l’importanza degli ampi studi randomizzati ben disegnati per valutare gli interventi clinici e formulare linee guida”.

Ma perché in urologia si utilizzano alfabloccanti come la tamsulosina per il trattamento dei calcoli urinari? Un motivo, si legge nell’editoriale che commenta l’articolo, potrebbe essere che importanti linee guida come quelle dell’American Urological Association e dell’European Association of Urology “includono gli alfabloccanti tra le loro raccomandazioni per il trattamento (…) anche se la loro efficacia è stata sostenuta solo da evidenze di secondo livello”. Studi ben disegnati come il SUSPEND sono dunque importanti per ottenere risultati rilevanti per la clinica, tuttavia sarebbe stato utile sapere se “i risultati sarebbero stati gli stessi se l’esito principale dello studio fosse stato l’espulsione del calcolo o la conferma dell’assenza di un calcolo con esami di imaging”.

Fonti:
Pickard R et al Medical expulsive therapy in adults with ureteric colic: A multicentre, randomised, placebo-controlled trial. Lancet 2015; 386 (9991): 341–9.
de la Rosette J, Laguna MP. Ureteric colic: evidence empowers responsible treatment. Lancet 2015; 386 (9991): 315–6.

Per approfondire, il rapporto HTA sul trial SUSPEND, che fa anche una valutazione sui costi:
Pickard R, Starr K, MacLennan G, Kilonzo M, Lam T, Thomas R, et al. Use of drug therapy in the management of symptomatic ureteric stones in hospitalised adults: a multicentre, placebo-controlled, randomised controlled trial and cost-effectiveness analysis of a calcium channel blocker (nifedipine) and an alpha-blocker (tamsulosin) (the SUSPEND trial). Health Technol Assess 2015; 19(63).

Le linee guida dell’European Association of Urology
Türk, C, Knoll, T, Petrik, A et al. European Association of Urology guidelines on urolithiasis (2014 update)..

Sul post Give the pill or not give the pill. SUSPEND tries to end the debate del blog del BJU International si possono leggere una serie di commenti all’articolo.

Archiviato in , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Zichi C et al. Adoption of multiple primary endpoints in phase III trials of systemic treatments in patients with advanced solid tumours. A systematic review. Eur j Canc 2021;149:49-60.

Seidler AN et al.; on behalf of the International Liaison Committee On Resuscitation Neonatal Life Support Task Force. Umbilical cord management for newborns <34 weeks' gestation: a meta-analysis. Pediatrics 2021; 147 (3) e20200576.

Gabrhelík R et al. Cannabis use during pregnancy and risk of adverse birth outcomes: a longitudinal cohort study. Eur Addict Res 2020. doi: 10.1159/000510821e

Ouldali N et al. Association of intravenous immunoglobulins plus methylprednisolone vs immunoglobulins alone with course of fever in multisystem inflammatory syndrome in children. JAMA. February 1, 2021. Epub ahead of print. doi:10.1001/jama.2021.0694

Freedman RA et al. Individualizing surveillance mammography for older patients after treatment for early-stage breast cancer: multidisciplinary expert panel and International Society of Geriatric Oncology Consensus Statement. JAMA Oncol. Published online January 28, 2021. doi:10.1001/jamaoncol.2020.7582

Fontanella CA et al. Association of cannabis use with self-harm and mortality risk among youths with mood disorders. JAMA Pediatr. Published online January 19, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2020.5494

Goldenberg JZ et al. Efficacy and safety of low and very low carbohydrate diets for type 2 diabetes remission: systematic review and meta-analysis of published and unpublished randomized trial data. BMJ 2021;372:m4743

Huang J, Yang F, Chien W, et al. Risk of substance use disorder and its associations with comorbidities and psychotropic agents in patients with autism. JAMA Pediatr. Published online January 04, 2021.

Ezekowitz JA et al. Is there a sex gap in surviving an acute coronary syndrome or subsequent development of heart failure? Circulation, 30 november 2020.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.