BAL Lazio

Notizie

Covid-19: lo strano caso degli ACE-inibitori

Pubblicato venerdì 24 Aprile 2020

Un articolo pubblicato su Circulation Research difende l’uso degli ACE-inibitori e dei sartani (entrambi farmaci anti-ipertensivi) nei pazienti con Covid-19.

Anche se la pandemia di COVID-19 continua a provocare malattia e morte in gran parte del mondo, i ricercatori stanno facendo gli straordinari per trovare risposte ad alcuni problemi pratici che affrontano durante la cura dei pazienti malati con più condizioni di rischio. L’ipertensione è il comune denominatore in molti di questi casi.

Tra le vittime causate da COVID-19, la stragrande maggioranza è rappresentata da persone di età superiore ai 50 anni, in particolare oltre i 70. Un fattore importante che fa da sfondo a questo notevole aumento del rischio di complicanze fatali è la presenza di ipertensione. Di conseguenza gestire in modo corretto la pressione arteriosa ne pazienti affetti da Covid-19 diventa una questione prioritaria.

Gli ACE-inibitori  e i sartani sono tra i farmaci più utilizzati nella cura dell’ipertensione. Tuttavia, dal momento che il recettore ACE2 è il punto di ingresso per il nuovo coronavirus, l’uso di questo genere di farmaci ha creato non pochi sospetti sulla sua pericolosità. L’ipotesi alla base di questo atteggiamento è che i farmaci che modulano il sistema renina-angiotensina-aldosterone potrebbero in teoria aumentare il tasso di espressione di ACE2, fornendo al virus più punti di accesso e aumentando il rischio di malattia grave. D’altra parte, non ci sono prove che ACE2 sia inibito dalle dosi cliniche attualmente prescritte di ACE-inibitori o dii sartani.

Sempre su Circulation Research è stato pubblicati uno studio cinese pubblicato con un’analisi retrospettiva su oltre 3000 pazienti con COVID-19 (di cui 1100 pazienti con ipertensione) a Hubei in Cina,.

Come esito principale i ricercatori hanno considerato la mortalità a 28 giorni, rilevando che l’aumento della pressione sanguigna ha portato a uno stadio più grave di malattia e a una mortalità più elevata. Una volta aggiustata una serie di fattori confondenti, tra cui l’età, il sesso, la presenza di infiammazione e alcune malattie sottostanti, dallo studio emerge anche che i pazienti che avevano ricevuto o ricevevano ACE-inibitori o sartani avevano meno probabilità di sviluppare malattia grave o di morire.

I limiti dello studio sono evidenti: da una parte la sua natura osservazionale e retrospettiva che non può far assegnare un ruolo causale a nessuna associazione osservata; dall’altra fattori confondenti sconosciuti potrebbero aver influenzato il risultato perché non si tratta di uno studio randomizzato. Nonostante queste limitazioni, ci sono comunque ragioni plausibili per cui da questi farmaci potrebbero trarre beneficio i pazienti COVID-19 attraverso il meccanismo di blocco del sistema renina-angiotensina-aldosterone: visto che quando SARS-CoV-2 entra nella cellula ospite abbassa il livello dell’espressione ACE2 nella cellula, la misura in cui viene soppresso l’ACE2 può determinare la gravità della lesione polmonare.

Lo studio, provano a sintetizzare i commentatori, “è un generatore di ipotesi e non dovrebbe essere usato per guidare la scelta della modalità terapeutica. Inoltre non offre alcun aiuto per capire come i farmaci modulano il sistema renina-angiotensina-aldosterone peggiorando o migliorando la condizione dei pazienti; i dati retrospettivi offrono supporto agli studi controllati randomizzati attualmente in corso su questi farmaci”. Ne segue naturalmente la conclusione che “Attualmente, al di fuori di chiare indicazioni cliniche per interrompere questi farmaci che esistono da molto prima dell’attuale pandemia, l’astensione dall’uso nelle condizioni in cui hanno un beneficio provato può effettivamente causare più danni che vantaggi”.

Fonte
Shah R et al. ACEing COVID-19: A Role For Angiotensin Axis Inhibition in SARS-CoV-2 infection? Circ Res 2020 Apr 17. doi: 10.1161/CIRCRESAHA.120.317174. [Epub ahead of print] Zhang P et al. Association of inpatient use of angiotensin converting enzyme inhibitors and angiotensin ii receptor blockers with mortality among patients with hypertension hospitalized with COVID-19. Circ Res 2020 Apr 17. doi: 10.1161/CIRCRESAHA.120.317134. [Epub ahead of print]

Tagged ,

One thought on “Covid-19: lo strano caso degli ACE-inibitori”

  1. GIORGINA CRAVERO ha detto:

    Mi domando come mai non sia mai stato fatto uno screening tra i pazienti che hanno contratto il covid per vedere se quelli che sono morti assumevano afe inibitori o sartanici. Nkn c’e bisognk di fare ranti studi basta controllare se gli anziani o altri morti assumevano questa molecola antioertensiva. Da qyanto hk capitoit io non e il medicinale che provoca la morte ma la provoca se, durante l’infezione, si continua ad assumerlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine