BAL Lazio

Notizie

Covid-19: lo strano caso degli ACE-inibitori

Pubblicato venerdì 24 Aprile 2020

Un articolo pubblicato su Circulation Research difende l’uso degli ACE-inibitori e dei sartani (entrambi farmaci anti-ipertensivi) nei pazienti con Covid-19.

Anche se la pandemia di COVID-19 continua a provocare malattia e morte in gran parte del mondo, i ricercatori stanno facendo gli straordinari per trovare risposte ad alcuni problemi pratici che affrontano durante la cura dei pazienti malati con più condizioni di rischio. L’ipertensione è il comune denominatore in molti di questi casi.

Tra le vittime causate da COVID-19, la stragrande maggioranza è rappresentata da persone di età superiore ai 50 anni, in particolare oltre i 70. Un fattore importante che fa da sfondo a questo notevole aumento del rischio di complicanze fatali è la presenza di ipertensione. Di conseguenza gestire in modo corretto la pressione arteriosa ne pazienti affetti da Covid-19 diventa una questione prioritaria.

Gli ACE-inibitori  e i sartani sono tra i farmaci più utilizzati nella cura dell’ipertensione. Tuttavia, dal momento che il recettore ACE2 è il punto di ingresso per il nuovo coronavirus, l’uso di questo genere di farmaci ha creato non pochi sospetti sulla sua pericolosità. L’ipotesi alla base di questo atteggiamento è che i farmaci che modulano il sistema renina-angiotensina-aldosterone potrebbero in teoria aumentare il tasso di espressione di ACE2, fornendo al virus più punti di accesso e aumentando il rischio di malattia grave. D’altra parte, non ci sono prove che ACE2 sia inibito dalle dosi cliniche attualmente prescritte di ACE-inibitori o dii sartani.

Sempre su Circulation Research è stato pubblicati uno studio cinese pubblicato con un’analisi retrospettiva su oltre 3000 pazienti con COVID-19 (di cui 1100 pazienti con ipertensione) a Hubei in Cina,.

Come esito principale i ricercatori hanno considerato la mortalità a 28 giorni, rilevando che l’aumento della pressione sanguigna ha portato a uno stadio più grave di malattia e a una mortalità più elevata. Una volta aggiustata una serie di fattori confondenti, tra cui l’età, il sesso, la presenza di infiammazione e alcune malattie sottostanti, dallo studio emerge anche che i pazienti che avevano ricevuto o ricevevano ACE-inibitori o sartani avevano meno probabilità di sviluppare malattia grave o di morire.

I limiti dello studio sono evidenti: da una parte la sua natura osservazionale e retrospettiva che non può far assegnare un ruolo causale a nessuna associazione osservata; dall’altra fattori confondenti sconosciuti potrebbero aver influenzato il risultato perché non si tratta di uno studio randomizzato. Nonostante queste limitazioni, ci sono comunque ragioni plausibili per cui da questi farmaci potrebbero trarre beneficio i pazienti COVID-19 attraverso il meccanismo di blocco del sistema renina-angiotensina-aldosterone: visto che quando SARS-CoV-2 entra nella cellula ospite abbassa il livello dell’espressione ACE2 nella cellula, la misura in cui viene soppresso l’ACE2 può determinare la gravità della lesione polmonare.

Lo studio, provano a sintetizzare i commentatori, “è un generatore di ipotesi e non dovrebbe essere usato per guidare la scelta della modalità terapeutica. Inoltre non offre alcun aiuto per capire come i farmaci modulano il sistema renina-angiotensina-aldosterone peggiorando o migliorando la condizione dei pazienti; i dati retrospettivi offrono supporto agli studi controllati randomizzati attualmente in corso su questi farmaci”. Ne segue naturalmente la conclusione che “Attualmente, al di fuori di chiare indicazioni cliniche per interrompere questi farmaci che esistono da molto prima dell’attuale pandemia, l’astensione dall’uso nelle condizioni in cui hanno un beneficio provato può effettivamente causare più danni che vantaggi”.

Fonte
Shah R et al. ACEing COVID-19: A Role For Angiotensin Axis Inhibition in SARS-CoV-2 infection? Circ Res 2020 Apr 17. doi: 10.1161/CIRCRESAHA.120.317174. [Epub ahead of print]
Zhang P et al. Association of inpatient use of angiotensin converting enzyme inhibitors and angiotensin ii receptor blockers with mortality among patients with hypertension hospitalized with COVID-19. Circ Res 2020 Apr 17. doi: 10.1161/CIRCRESAHA.120.317134. [Epub ahead of print]

Archiviato in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

US Preventive Services Task Force et al. Screening for hepatitis C virus infection in adolescents and adults: US Preventive Services Task Force Recommendation Statement. JAMA 2020 Mar 2. doi: 10.1001/jama.2020.

Sterling TR et al. Guidelines for the Treatment of latent tuberculosis infection: recommendations from the National Tuberculosis Controllers Association and CDC, 2020. MMWR Recomm Rep 2020;69(1):1-11.1123. [Epub ahead of print]

Wakeman SE et al. Comparative effectiveness of different treatment pathways for opioid use disorder. JAMA Netw Open 2020;3(2):e1920622.

Litonjua AA et al. Six-year follow-up of a trial of antenatal vitamin d for asthma reduction. N Engl J Med 2020;382(6):525-533.

Corder K et al. Becoming a parent: A systematic review and meta-analysis of changes in BMI, diet, and physical activity. Obes Rev 2020 Jan 19. doi: 10.1111/obr.12959. [Epub ahead of print]

Winpenny EM et al. Changes in physical activity, diet, and body weight across the education and employment transitions of early adulthood: A systematic review and meta-analysis. Obes Rev 2020 Jan 19. doi: 10.1111/obr.12962. [Epub ahead of print]

Fralick M et al. Assessing the risk for gout with sodium-glucose cotransporter-2 inhibitors in patients with type 2 diabetes: a population-based cohort study. Ann Intern Med 2020 Jan 14. doi: 10.7326/M19-2610. [Epub ahead of print]

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.