BAL Lazio

Notizie

Covid e conseguenze cardiovascolari: il rischio c’è

Pubblicato mercoledì 9 Febbraio 2022

Un’analisi dei dati sanitari americani indica che le persone che hanno avuto covid-19 sono più a rischio di sviluppare complicanze cardiovascolari entro il primo mese o un anno dopo l’infezione, incluse infiammazione del cuore, coaguli, ictus, malattia coronarica, infarto, insufficienza cardiaca e morte. Questo secondo una ricerca pubblicata su Nature Medicine.

L’analisi approfondita dei dati sanitari federali curata dai ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis indica che le persone che hanno avuto covid-19 hanno un rischio maggiore di sviluppare complicanze cardiovascolari entro il primo mese fino a un anno dopo l’infezione.

“Per le persone che erano chiaramente a rischio per una condizione cardiaca prima di essere infettate da SARS-CoV-2, i risultati suggeriscono che covid-19 può amplificare il rischio. Ma anche le persone che non hanno mai avuto problemi cardiaci ed erano considerate a basso rischio stanno sviluppando problemi cardiaci post covid-19. I nostri dati hanno mostrato un aumento del rischio di danni cardiaci per giovani e anziani; maschi e femmine; neri, bianchi e per tutte le razze; persone con obesità e persone normopeso; persone con diabete e senza; persone con precedenti malattie cardiache e senza; persone con lievi infezioni da covid e quelle con covid più grave che avevano bisogno di essere ricoverate in ospedale”, commenta Ziyad Al-Aly (Washington University), autore dello studio.

Il database includeva informazioni sulla salute di 153.760 persone che erano risultate positive al covid-19 dal 1 marzo 2020 al 15 gennaio 2021 e che erano sopravvissute ai primi 30 giorni della malattia. Pochissimi soggetti nello studio sono stati vaccinati prima dello sviluppo di covid-19, poiché i vaccini non erano ancora disponibili nelle quantità attuali in quella fase.

I ricercatori hanno analizzato la salute cardiaca del campione con covid per un periodo di un anno confrontandola con campioni di popolazione senza covid. Le malattie cardiache, inclusi insufficienza cardiaca e morte, si sono verificate nel 4% in più rispetto al gruppo senza infezione da covid-19.

“Si potrebbe pensare che il 4% sia un numero piccolo, ma non lo è, date le dimensioni della pandemia”, ha detto Al-Aly. “Questo si traduce in circa 3 milioni di persone negli Stati Uniti che hanno sofferto di complicazioni cardiovascolari a causa del covid-19”.

Rispetto a quelle dei gruppi di controllo senza infezione, le persone che hanno contratto il covid-19 avevano il 72% in più di probabilità di soffrire di malattia coronarica, il 63% in più di avere un infarto e il 52% in più di avere un ictus.

Complessivamente gli individui infettati dal virus avevano il 55% in più di probabilità rispetto agli altri di avere un grave evento cardiovascolare, inclusi infarto, ictus e morte.

“I governi e i sistemi sanitari di tutto il mondo dovrebbero essere preparati ad affrontare il probabile contributo significativo della pandemia di COVID-19 all’aumento del carico delle malattie cardiovascolari”, conclude Ziyad Al-Aly. “A causa della natura cronica di queste condizioni, avranno probabilmente conseguenze di lunga durata per i pazienti e i sistemi sanitari, e avranno anche ampie implicazioni sulla produttività economica e sull’aspettativa di vita. Affrontare le sfide poste dal COVID lungo richiederà una strategia, finora mancata, di risposta globale a lungo termine urgente e coordinata”.

C’è da notare che lo studio non include i dati sulle varianti delta e omicron del virus, che hanno iniziato a diffondersi rapidamente solo nella seconda metà del 2021.

Fonte
Xie Y et al. Long-term cardiovascular outcomes of COVID-19. Nat Med 2022 Feb 7. doi: 10.1038/s41591-022-01689-3. Epub ahead of print. PMID: 35132265.

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine