BAL Lazio

Notizie

Covid e inquinamento atmosferico: il punto

Pubblicato mercoledì 26 Agosto 2020

I ricercatori della Harvard TH Chan School of Public Health, della Harvard University e del Dana-Farber Cancer Institute hanno condotto una revisione sulle prove disponibili rispetto alle potenziali associazioni tra l’esposizione all’inquinamento atmosferico e gli esiti negativi di salute in caso di covid-19.

L’articolo è in fase di peer review, ma una versione preprint è già disponibile sul server medRxiv.

Da un cospicuo numero di studi sono arrivate prove evidenti a sostegno del fatto che l’esposizione a breve e lungo termine all’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di mortalità e morbilità. D’altra parte l’inquinamento atmosferico contribuisce alle infezioni respiratorie e a varie condizioni di salute croniche, incluse le malattie cardiache, le malattie polmonari ostruttive croniche e il diabete.

Lo studio
Per la revisione il team d ricerca ha utilizzato PubMed, Embase, Cochrane, Web of Science, medRxiv e bioRxiv. Sono stati inclusi 28 articoli, classificati come studi a lungo termine, studi di serie storiche a breve termine e studi trasversali a breve termine. Dei 28 studi, 27 hanno riportato un’associazione positiva statisticamente significativa tra l’esposizione all’inquinamento atmosferico e gli esiti per la salute nel covid-19.

Più in particolare:

  • Dodici studi trasversali sull’effetto dell’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico hanno ipotizzato che influisca negativamente sulla salute respiratoria, il che aumenta la suscettibilità alle infezioni da SARS-CoV-2.
  • Nove studi di serie storiche hanno esaminato gli effetti a breve termine dell’esposizione confrontando le variazioni giornaliere dell’inquinamento atmosferico con gli esiti di salute del covid-19.
  • Otto studi trasversali si sono infine anche concentrati sugli effetti a breve termine confrontando i livelli di inquinamento durante l’epidemia o poco prima con gli esiti del covid-19.

Sia queste serie storiche che gli studi trasversali hanno ipotizzato che l’esposizione a breve termine all’inquinamento atmosferico aumenti la trasmissione di SARS-CoV-2 o la gravità del covid-19.

Problemi di uniformità
I ricercatori hanno sottolineato le significative differenze tra gli studi rispetto all’utilizzo di modelli statistici, set di dati, fattori di confondimento e risultati sulla salute del covid-19:

  • In tutti i 12 studi trasversali a lungo termine, sono stati utilizzati 5 diversi esiti di salute, 7 nei 16 studi a breve termine.
  • Gli studi differivano anche per il tipo di esposizione all’inquinamento atmosferico preso in considerazione. Undici dei 12 studi a lungo termine hanno esaminato i dati raccolti in periodi di tempo compresi tra 1 e 16 anni. Dieci hanno valutato i livelli di inquinamento atmosferico o i valori dell’indice di qualità dell’aria e 3 il numero di volte in cui sono stati superati i limiti giornalieri.
  • Dodici studi a lungo termine, 9 studi di serie storiche e 3 studi trasversali non prendevano in considerazione gli stessi fattori di confondimento.
  • Infine, sono stati utilizzati 8 diversi tipi di modelli statistici nei 12 studi a lungo termine, 9 nei 16 a breve termine.

Margini di miglioramento
“Non esiste una definizione uniforme di “morte per covid-19”, e ci sono anche errori diagnostici nei casi di covid-19”, scrivono gli autori. “Questo potrebbe potenzialmente contribuire a un alto grado di sovrastima o sottostima”.

Dei 28 studi, 27 erano studi ecologici che comportano l‘interpretazione dei dati statistici basata su inferenze sulla natura degli individui a partire dal gruppo a cui appartengono. Questo tipo di analisi dei dati non si adatta generalmente ai fattori di rischio individuali come età, sesso, etnia o occupazione.

Aumentare l’affidabilità di questo tipo di ricerche nell’area in questione richiederebbe l’accesso a dati rappresentativi a livello nazionale e individuale sugli esiti sanitari del covid-19, compresi i dati sugli indirizzi di residenza, quelli demografici e i fattori confondenti. “Una sfida enorme che richiederà molti compromessi legali, etici e sulla privacy”.

Prospettive future
L’obiettivo principale dichiarato della revisione era quello di stabilire modi per iniziare a superare le tante sfide metodologiche degli studi epidemiologici sulla salute ambientale. Ma altrettanto importante è l’identificazione di nuove opportunità, aggiungono gli autori.

“Ad esempio, le misure estreme attuate durante il lockdown stanno fornendo nuove opportunità di ricerca per indagare importanti sulle riduzioni ottenibili nell’esposizione all’inquinamento atmosferico e gli effetti sulla salute”. “Queste misure di blocco rappresentano un’opportunità unica per valutare la misura in cui diversi inquinanti sono diminuiti e stimare i potenziali effetti “benefici” sugli esiti sanitari”, prospettano in conclusione gli autori.

Fonte
Dominici F, et al. Air pollution, SARS-CoV-2 transmission, and COVID-19 outcomes: a state-of-the-science review of a rapidly evolving research area. medRxiv 2020. doi: https://doi.org/10.1101/2020.08.16.20175901

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Garutti M et al. Checkpoint inhibitors, fertility, pregnancy, and sexual life: a systematic review. ESMO Open 2021;6(5):100276.

Hauptman M et al. Individual- and community-level factors associated with detectable and elevated blood lead levels in US children: results from a national clinical laboratory. JAMA Pediatr. Published online September 27, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2021.3518

Marcus GM et al. Acute consumption of alcohol and discrete atrial fibrillation events. Ann Intern Med 2021 Aug 31. doi: 10.7326/M21-0228. Epub ahead of print. PMID: 34461028.

Fakir AMS et al. Pandemic catch-22: the role of mobility restrictions and institutional inequalities in halting the spread of COVID-19. PLOS ONE 2021; 16(6): e0253348.

Alemany S, Avella-García C, Liew Z, et al. Prenatal and postnatal exposure to acetaminophen in relation to autism spectrum and attention-deficit and hyperactivity symptoms in childhood: Meta-analysis in six European population-based cohorts. Eur J Epidemiol (2021). https://doi.org/10.1007/s10654-021-00754-4

Salazar de Pablo G et al. Universal and selective interventions to prevent poor mental health outcomes in young people: systematic review and meta-analysis. Harvard Review of Psychiatry 2021;29 (3) 196-215.

Currie JM et al. Prescribing of opioid analgesics and buprenorphine for opioid use disorder during the covid-19 pandemic. JAMA Netw Open 2021;4(4):e216147.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of valproate versus levetiracetam for newly diagnosed generalised and unclassifiable epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1375-1386.

Marson A, Burnside G, Appleton R, et al.; SANAD II collaborators. The SANAD II study of the effectiveness and cost-effectiveness of levetiracetam, zonisamide, or lamotrigine for newly diagnosed focal epilepsy: an open-label, non-inferiority, multicentre, phase 4, randomised controlled trial. Lancet 2021;397(10282):1363-1374.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.