BAL Lazio

Notizie

Diabete e metformina: buone notizie

Pubblicato lunedì 23 Settembre 2019

Un nuovo studio condotto dalla Vanderbilt University (Stati Uniti) sta facendo luce sulla differenza negli esiti per i pazienti diabetici con ridotta funzionalità renale quando ricevono monoterapia con metformina rispetto alla monoterapia con sulfaniluree. Dopo aver esaminato quasi 100.000 pazienti, i ricercatori hanno stabilito che il trattamento con metformina è associato a un minor rischio di eventi cardiovascolari maggiori (MACE) rispetto alla sulfaniluree.

Pubblicato sul JAMA lo studio americano di coorte ha incluso pazienti con diabete di tipo 2 di nuova insorgenza che hanno ricevuto assistenza all’interno della national Veterans Health Administration (ulteriori dati sono stati raccolti da Medicare, Medicaid e National Death Index) per almeno 2 anni nel periodo 2002-2016.

A 67.749 soggetti era stata prescritta una monoterapia a base di metformina, mentre circa 28.976 hanno iniziato con glipizide, glyburide o glimepiride. All’ingresso tutti i pazienti avevano una ridotta funzionalità renale definita come un livello sierico di creatinina di 1,5 mg/dl per gli uomini o 1,4 mg/dl per le donne o un eGFR inferiore a 60 ml/min/1,73 m2. Durante il periodo di follow-up – durata mediana 1 anno per la metformina e 1,2 anni per la sulfonilurea – i ricercatori hanno identificato 1048 esiti di MACE tra i pazienti con metformina (23,0 per 1000 persone/anno) e 1394 eventi tra gli utenti di sulfanilurea (29,2 per 1000 persone/anno).

Rispetto a chi cominciava con le sulfaniluree, i soggetti con lieve insufficienza renale che partivano con la metformina presentavano un rischio inferiore del 20% per un evento cardiovascolare (HR aggiustato 0,80, IC 95% 0,75-0,86). In sostanza quasi 6 eventi MACE in meno per 1000 persone/anno tra i nuovi utilizzatori di metformina rispetto a quelli che iniziavano con le sulfaniluree.

Da rilevare che i MACE erano rappresentati da ricovero per infarto miocardico acuto, ictus ischemico o emorragico, attacco ischemico transitorio o morte cardiovascolare, ed è quest’ultima componente ad aver contribuito in misura maggiore alla riduzione complessiva del rischio con metformina.

Nonostante i limiti (esclusione dei pazienti che interrompevano il trattamento, switch farmacologico, scarsa generalizzabilità, coorte composta soprattutto da maschi bianchi), “L’attuale studio fornisce informazioni importanti per il clinico”, ha sintetizzato Christianne L. Roumie. “La metformina deve essere continuata dopo aver raggiunto una ridotta funzionalità renale”, ha proseguito, aggiungendo che il suo gruppo sta continuando la ricerca in questo settore, esaminando diversi risultati clinici tra i pazienti con diabete e funzionalità renale compromessa.

Nota. Già nel 2016, la FDA ha rivisto il warning di sicurezza sulla metformina, inizialmente riservato ai pazienti con livelli sierici di creatinina di 1,5 mg/dl o più per gli uomini o 1,4 mg/dl o più per le donne, estendendola invece anche a quelli con malattia renale lieve/moderata.

Fonte
Roumie CLet al. Association of treatment with metformin vs sulfonylurea with major adverse cardiovascular events among patients with diabetes and reduced kidney function. JAMA. Published online September 19, 2019. doi:10.1001/jama.2019.13206

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine