BAL Lazio

Notizie

Diabete e rischio cardiovascolare: un nuovo farmaco all’orizzonte?

Pubblicato martedì 22 Settembre 2015

Un nuovo farmaco per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 potrebbe ridurre del 38% la mortalità nelle persone diabetiche a elevato rischio cardiovascolare. Il farmaco è l’empagliflozin, un inibitore del co-trasportatore sodioglucosio di tipo 2 (SGLT2), che agisce facendo eliminare il glucosio con le urine: è stato sviluppato dalla florizina, una sostanza isolata dalla corteccia degli alberi di mele.

La ricerca è stata pubblicata sul New England Journal of Medicine ed è stata presentata (e applaudita) a Stoccolma, al congresso della EASD (European Association for the Study of Diabetes).

Lo studio: 7020 pazienti con documentata malattia cardiovascolare sono stati randomizzati a ricevere empagliflozin (10 o 25 mg) o placebo una volta al giorno.

Mortalità da cause cardiovascolari: 3.7% nel gruppo trattato con empagliflozin e 5.9% nel gruppo placebo, con una riduzione del rischio del 38%.
Ospedalizzazione da insufficienza cardiaca: 2.7% nel gruppo trattato con empagliflozin e 4.1% nel gruppo placebo, con una riduzione del rischio del 35%.
Mortalità da tutte le cause: 5.7% nel gruppo trattato con empagliflozin e 8.3% nel gruppo placebo, con una riduzione del rischio del 32%.

Non sono state invece rilevate differenze tra i due gruppi per l’infarto non fatale e per l’ictus non fatale. Tra i pazienti trattati con empagliflozin non si sono registrati effetti avversi superiori rispetto a quelli trattati con placebo, a parte un aumento delle infezioni genitali, soprattutto nelle donne.

Ancora non è chiaro quale sia il meccanismo d’azione del nuovo farmaco, e saranno necessari ulteriori studi di fisiopatologia per comprenderlo. Per ora c’è chi ipotizza che il trial, più che dimostrare l’effetto positivo del nuovo farmaco, evidenzi i rischi legati all’uso dell’insulina e delle sulfaniluree, somministrate in misura superiore al gruppo placebo. E c’è chi si chiede come mai nel dicembre del 2014 sia stato escluso l’infarto cardiaco silente dagli esiti primari e secondari compositi.

Nel complesso, l’impiego del empagliflozin ha comportato una riduzione dell’emoglobina glicata, del peso e della pressione arteriosa: la riduzione della mortalità potrebbe essere legata alla combinazione di tali effetti.

Fonti:
Zinman B, Wanner C, Lachin JM et al. Empagliflozin, cardiovascular outcomes, and mortality in type 2 diabetes. DOI: 10.1056/NEJMoa1504720
Nainggolan L. Diabetes drug empagliflozin cuts CV deaths in landmark EMPA-REG Trial. Medscape, September 17, 2015.
Richard Lehman’s journal review, 21 September 2015.

Per approfondire:
Zinman B, Inzucchi SE, Lachin JM et al. Rationale, design, and baseline characteristics of a randomized, placebo-controlled cardiovascular outcome trial of empagliflozin (EMPA-REG OUTCOME™). Cardiovasc Diabetol 2014; 13: 102. doi: 10.1186/1475-2840-13-102.
Pharmastar. Empagliflozin, primo antidiabetico che riduce la mortalità per cause cardiovascolari, 17 settembre 2015.

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Cascino TM, Somanchi S, Colvin M et al. Racial and sex inequities in the use of and outcomes after left ventricular assist device implantation among medicare beneficiaries. JAMA Netw Open 2022;5(7):e2223080.

Ma H et al. Adding salt to foods and hazard of premature mortality. Eur Heart J. 2022 Jul 10:ehac208. doi: 10.1093/eurheartj/ehac208. Epub ahead of print. PMID: 35808995.

Clarke PM et al. The comparative mortality of an elite group in the long run of history: an observational analysis of politicians from 11 countries. Eur J Epidemiol 2022:23:1-9.

Wang P et al. Associations between long-term drought and diarrhea among children under five in low- and middle-income countries. Nat Commun 2022;13(1):3661.

McDonagh MS et al. Cannabis-based products for chronic pain : a systematic review. Ann Intern Med. 2022 Jun 7. doi: 10.7326/M21-4520. Epub ahead of print. PMID: 35667066.

Global Burden of Disease 2019 Cancer Collaboration et al. Cancer Incidence, Mortality, Years of Life Lost, Years Lived With Disability, and Disability-Adjusted Life Years for 29 Cancer Groups From 2010 to 2019: A Systematic Analysis for the Global Burden of Disease Study 2019. JAMA Oncol 2022;8(3):420-444.

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine