BAL Lazio

Notizie

Diagnosi di autismo… in anticipo

Pubblicato lunedì 19 Luglio 2021

Una nuova ricerca condotta dall’Università di Cambridge suggerisce che l’autismo può essere rilevato a 18-30 mesi di età utilizzando la Quantitative Checklist for Autism in Toddlers (Q-CHAT), ma non è comunque possibile identificare ogni bambino che sarà successivamente diagnosticato come autistico. I risultati sono pubblicati su The BMJ Pediatrics Open.

Il team dell’Autism Research Center di Cambridge ha condotto uno studio prospettico di screening della popolazione su quasi 4000 bambini utilizzando uno strumento di segnalazione chiamato Quantitative Checklist for Autism in Toddlers (Q-CHAT). I bambini sono stati selezionati a 18 mesi con un follow-up a 4 anni.

La Q-CHAT è una revisione della CHAT pubblicata per la prima volta dagli stessi autori negli anni ’90 nel tentativo di migliorare l’accuratezza dello screening. Ne mantiene gli aspetti chiave ma include elementi aggiuntivi sullo sviluppo del linguaggio, sui comportamenti ripetitivi e sensoriali, e su altri aspetti del comportamento sociale. Ciascuno dei 25 item contiene una gamma di opzioni che consente più variabilità nelle risposte e una migliore comprensione delle distribuzioni tra i tratti specifici.

Nella fase uno 13.070 caregiver sono stati invitati a completare la Q-CHAT sul proprio bambino a 18-30 mesi. 3770 caregiver hanno restituito il Q-CHAT e tra questi 121 sono stati invitati a una valutazione diagnostica di autismo.

Nella fase due il campione è stato ricontrollato quando i partecipanti avevano 4 anni utilizzando il Childhood Autism Screening Test (CAST) e una lista di controllo per verificare se a qualcuno di quei bambini fosse stata diagnosticata una condizione dello sviluppo, autismo incluso.

La sensibilità (la proporzione di bambini autistici correttamente identificati dal Q-CHAT come tali) del Q-CHAT nel predire l’autismo nella fase due è stata del 44% e la specificità (la proporzione di bambini che non sono autistici e che sono correttamente identificato dal Q-CHAT come non autistici) del 98%. I risultati hanno anche mostrato che il “valore predittivo positivo ” (la percentuale di bambini positivi al Q-CHAT che sono poi risultati autistici) è stata del 28%.

Il fatto che il Q-CHAT non abbia identificato durante l’infanzia tutti i bambini che successivamente hanno avuto una diagnosi di autismo all’età di 4 anni probabilmente va interpretato nel senso che alcuni bambini autistici non mostrano sintomi di gravità sufficiente fino alla tarda infanzia.

Infine, da altri studi, come evidenziano gli autori, risulta che alcune persone autistiche non ricevono di fatto diagnosi fino all’adolescenza o addirittura all’età adulta, forse perché il supporto familiare modera la necessità della diagnosi fino a quando le richieste sociali non aumentano, per esempio al momento del passaggio alla scuola secondaria o all’età adulta.

Fonte
Allison C et al. Quantitative Checklist for Autism in Toddlers (Q-CHAT). A population screening study with follow-up: the case for multiple time-point screening for autism. BMJ Paediatrics Open 2021;5:e000700. doi: 10.1136/bmjpo-2020-000700

Tagged ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Hillis S, Unwin J, Cluver L, et al. Children: the hidden pandemic 2021: a joint report of COVID-19-associated orphanhood and a strategy for action. Lancet 2021; 398:391-402.

Fu M, Naci H, Booth CM, et al. Real-world use of and spending on new oral targeted cancer drugs in the US, 2011-2018. JAMA Intern Med 2021 Oct 18; doi:10.1001/jamainternmed.2021.5983

Addis A, Amato L, Cruciani F, et al. The Standard of Care definitions on COVID-19 pharmacological clinical trials: A systematic review. Frontiers in Pharmacology 2021;2712.

Grummitt LR et al. Association of childhood adversity with morbidity and mortality in US adults: a systematic Review. JAMA Pediatr. Published online October 04, 2021.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine