BAL Lazio

Notizie

Divario di genere nel post-infarto

Pubblicato giovedì 3 Dicembre 2020

Le donne hanno rispetto agli uomini un rischio aumentato del 20% di insufficienza cardiaca o di morte entro 5 anni dal loro primo grave infarto, secondo uno studio appena pubblicato su Circulation, la rivista ammiraglia dell’American Heart Association.

La ricerca in precedenza si è soffermata sulle differenze di genere nella salute cardiaca mettendo a fuoco soprattutto gli infarti ricorrenti o la mortalità, mentre la vulnerabilità allo scompenso cardiaco è ancora poco esplorata.

Per affrontare questo aspetto i ricercatori hanno analizzato i dati di 45.000 pazienti (30,8% donne) ospedalizzati per un primo infarto nel periodo 2002-2016 ad Alberta, Canada.

Si sono soffermati in particolare su due tipi di infarto: quello più grave, STEMI, ovvero con sopraslivellamento del tratto ST, e il tipo meno grave non-STEMI o NSTEMI, cioè senza sopraslivellamento, che è anche il più comune. I pazienti sono stati seguiti per un tempo mediano di 6,2 anni.

Le donne erano in media più anziane, hanno avuto varie complicanze e mostravano più fattori di rischio: tutti fattori che aumentavano laprobabilità di scompenso cardiaco dopo l’infarto.

Oltre al rischio più elevato di sviluppare scompenso cardiaco da parte delle donne, dalla ricerca sono emersi altri elementi:

  • Complessivamente 737 pazienti hanno avuto uno NSTEMI; 34,3% erano donne e 65,7% uomini.
  • 327 pazienti hanno sperimentato invece uno STEMI; 26,5% erano donne e 73,5% erano uomini.
  • Le donne avevano un quadro più complicato all’anamnesi: ipertensione, diabete, fibrillazione atriale e malattia polmonare ostruttiva cronica, tutti fattori di rischio che possono contribuire all’aumento di rischio di infarto.
  • Le donne sono state viste meno spesso da uno specialista cardiovascolare in ospedale: il 72,8% contro l’84% per gli uomini.
  • Il rischio di scompenso cardiaco sia in ospedale sia dopo la dimissione è rimasto più alto per le donne per entrambi i tipi di infarto, anche dopo aver aggiustamento per i fattori confondenti.
  • Le donne hanno avute un tasso più alto di mortalità in ospedale rispetto agli uomini sia nei gruppi STEMI (9,4% vs 4,5%) che in quelli NSTEMI (4,7% vs, 2,9%), differenza che rimane significativa, dopo aggiustamento per fattori confondenti, solo nel gruppo STEMI.
  • Era più probabile che le donne fossero più anziane degli uomini al momento del primo infarto (di solito in media 72 anni contro i 61 degli uomini).

Indipendentemente dal fatto che si trattasse di infarti gravi o meno gravi, a un minor numero di donne erano stati prescritti farmaci come i betabloccanti o le statine.

“Identificare quando e come le donne possono essere a più alto rischio di scompenso cardiaco dopo un attacco di cuore può indirizzare verso interventi più efficaci per la prevenzione”, ha commentato l’autore Justin A. Ezekowitz (cardiologo e co-direttore del Canadian VIGOR Center). “Una migliore aderenza rispetto alla riduzione del colesterolo, al controllo della pressione alta, fare più esercizio fisico, seguire una dieta sana e smettere di fumare, combinata con il riconoscimento di questi problemi all’inizio della vita, salverebbe migliaia di vite di donne e uomini”.

Il divario tra uomini e donne negli esiti clinici chiave è diminuito per lo STEMI ma non per lo NSTEMI negli ultimi 15 anni. Data la frequenza di entrambi gli eventi, dallo studio arriva il richiamo a prestare ulteriore attenzione ai pazienti di entrambi i sessi con sindromi coronariche acute per la prevenzione dello scompenso.

Fonte
Ezekowitz JA et al. Is there a sex gap in surviving an acute coronary syndrome or subsequent development of heart failure? Circulation, 30 november 2020.

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accedi agli articoli

Dehmer SP et al. Aspirin use to prevent cardiovascular disease and colorectal cancer: a decision analysis: technical report [Internet]. Rockville (MD): Agency for Healthcare Research and Quality (US); 2015 Sep. Report No.: 15-05229-EF-1.

Ezekowitz JA et al.; SODIUM-HF Investigators. Reduction of dietary sodium to less than 100 mmol in heart failure (SODIUM-HF): an international, open-label, randomised, controlled trial. Lancet 2022:S0140-6736(22)00369-5.

Fang Z et al. The role of mendelian randomization studies in deciphering the effect of obesity on cancer. JNCI: Journal of the National Cancer Institute 2022; 114 (3); 361-71.

Wong Chung JERE et al. Time to functional recovery after laser tonsillotomy performed under local anesthesia vs conventional tonsillectomy with general anesthesia among adults: a randomized clinical trial. JAMA Netw Open 2022;5(2):e2148655. JAMA Netw Open. 2022;5(2):e2148655.

Sundbøll J. Risk of parkinson disease and secondary parkinsonism in myocardial infarction survivors. Journal of the American Heart Association 2022; doi: 10.1161/JAHA.121.022768

Ferroni E et al. Gender related differences in gastrointestinal bleeding with oral anticoagulation in atrial fibrillation. J Cardiovasc Pharmacol Ther 2022;27:10742484211054609.

Lowenstein M et al. Sustained implementation of a multicomponent strategy to increase emergency department-initiated interventions for opioid use disorder. Ann Emerg Med 2021:S0196-0644(21)01380-9.

Okereke OI et al. Effect of long-term supplementation with marine omega-3 fatty acids vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: a randomized clinical trial. JAMA 2021;326(23):2385-2394.

Gaillard EA et al. European Respiratory Society clinical practice guidelines for the diagnosis of asthma in children aged 5-16 years. Eur Respir J 2021;58(5):2004173.

Slomski A. Thousands of US youths cope with the trauma of losing parents to COVID-19. JAMA. Published online November 17, 2021.

Hillis SD, Blenkinsop A, Villaveces A, et al. COVID-19-associated orphanhood and caregiver death in the United States. Pediatrics. 2021 Oct 7:e2021053760.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine