BAL Lazio

Notizie

Divario di genere nel post-infarto

Pubblicato giovedì 3 Dicembre 2020

Le donne hanno rispetto agli uomini un rischio aumentato del 20% di insufficienza cardiaca o di morte entro 5 anni dal loro primo grave infarto, secondo uno studio appena pubblicato su Circulation, la rivista ammiraglia dell’American Heart Association.

La ricerca in precedenza si è soffermata sulle differenze di genere nella salute cardiaca mettendo a fuoco soprattutto gli infarti ricorrenti o la mortalità, mentre la vulnerabilità allo scompenso cardiaco è ancora poco esplorata.

Per affrontare questo aspetto i ricercatori hanno analizzato i dati di 45.000 pazienti (30,8% donne) ospedalizzati per un primo infarto nel periodo 2002-2016 ad Alberta, Canada.

Si sono soffermati in particolare su due tipi di infarto: quello più grave, STEMI, ovvero con sopraslivellamento del tratto ST, e il tipo meno grave non-STEMI o NSTEMI, cioè senza sopraslivellamento, che è anche il più comune. I pazienti sono stati seguiti per un tempo mediano di 6,2 anni.

Le donne erano in media più anziane, hanno avuto varie complicanze e mostravano più fattori di rischio: tutti fattori che aumentavano laprobabilità di scompenso cardiaco dopo l’infarto.

Oltre al rischio più elevato di sviluppare scompenso cardiaco da parte delle donne, dalla ricerca sono emersi altri elementi:

  • Complessivamente 737 pazienti hanno avuto uno NSTEMI; 34,3% erano donne e 65,7% uomini.
  • 327 pazienti hanno sperimentato invece uno STEMI; 26,5% erano donne e 73,5% erano uomini.
  • Le donne avevano un quadro più complicato all’anamnesi: ipertensione, diabete, fibrillazione atriale e malattia polmonare ostruttiva cronica, tutti fattori di rischio che possono contribuire all’aumento di rischio di infarto.
  • Le donne sono state viste meno spesso da uno specialista cardiovascolare in ospedale: il 72,8% contro l’84% per gli uomini.
  • Il rischio di scompenso cardiaco sia in ospedale sia dopo la dimissione è rimasto più alto per le donne per entrambi i tipi di infarto, anche dopo aver aggiustamento per i fattori confondenti.
  • Le donne hanno avute un tasso più alto di mortalità in ospedale rispetto agli uomini sia nei gruppi STEMI (9,4% vs 4,5%) che in quelli NSTEMI (4,7% vs, 2,9%), differenza che rimane significativa, dopo aggiustamento per fattori confondenti, solo nel gruppo STEMI.
  • Era più probabile che le donne fossero più anziane degli uomini al momento del primo infarto (di solito in media 72 anni contro i 61 degli uomini).

Indipendentemente dal fatto che si trattasse di infarti gravi o meno gravi, a un minor numero di donne erano stati prescritti farmaci come i betabloccanti o le statine.

“Identificare quando e come le donne possono essere a più alto rischio di scompenso cardiaco dopo un attacco di cuore può indirizzare verso interventi più efficaci per la prevenzione”, ha commentato l’autore Justin A. Ezekowitz (cardiologo e co-direttore del Canadian VIGOR Center). “Una migliore aderenza rispetto alla riduzione del colesterolo, al controllo della pressione alta, fare più esercizio fisico, seguire una dieta sana e smettere di fumare, combinata con il riconoscimento di questi problemi all’inizio della vita, salverebbe migliaia di vite di donne e uomini”.

Il divario tra uomini e donne negli esiti clinici chiave è diminuito per lo STEMI ma non per lo NSTEMI negli ultimi 15 anni. Data la frequenza di entrambi gli eventi, dallo studio arriva il richiamo a prestare ulteriore attenzione ai pazienti di entrambi i sessi con sindromi coronariche acute per la prevenzione dello scompenso.

Fonte
Ezekowitz JA et al. Is there a sex gap in surviving an acute coronary syndrome or subsequent development of heart failure? Circulation, 30 november 2020.

Archiviato in , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi agli articoli

Zichi C et al. Adoption of multiple primary endpoints in phase III trials of systemic treatments in patients with advanced solid tumours. A systematic review. Eur j Canc 2021;149:49-60.

Seidler AN et al.; on behalf of the International Liaison Committee On Resuscitation Neonatal Life Support Task Force. Umbilical cord management for newborns <34 weeks' gestation: a meta-analysis. Pediatrics 2021; 147 (3) e20200576.

Gabrhelík R et al. Cannabis use during pregnancy and risk of adverse birth outcomes: a longitudinal cohort study. Eur Addict Res 2020. doi: 10.1159/000510821e

Ouldali N et al. Association of intravenous immunoglobulins plus methylprednisolone vs immunoglobulins alone with course of fever in multisystem inflammatory syndrome in children. JAMA. February 1, 2021. Epub ahead of print. doi:10.1001/jama.2021.0694

Freedman RA et al. Individualizing surveillance mammography for older patients after treatment for early-stage breast cancer: multidisciplinary expert panel and International Society of Geriatric Oncology Consensus Statement. JAMA Oncol. Published online January 28, 2021. doi:10.1001/jamaoncol.2020.7582

Fontanella CA et al. Association of cannabis use with self-harm and mortality risk among youths with mood disorders. JAMA Pediatr. Published online January 19, 2021. doi:10.1001/jamapediatrics.2020.5494

Goldenberg JZ et al. Efficacy and safety of low and very low carbohydrate diets for type 2 diabetes remission: systematic review and meta-analysis of published and unpublished randomized trial data. BMJ 2021;372:m4743

Huang J, Yang F, Chien W, et al. Risk of substance use disorder and its associations with comorbidities and psychotropic agents in patients with autism. JAMA Pediatr. Published online January 04, 2021.

Ezekowitz JA et al. Is there a sex gap in surviving an acute coronary syndrome or subsequent development of heart failure? Circulation, 30 november 2020.

Una finestra sull’open access

  • BMC Family Practice
  • BMC Medical Education
  • BMC Nursing
  • BMJ Open
  • PLOS Medicine

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.